> PRINCIPI ROLLER E ROLLER-DERIVATI - Page 68 - Forum Attrezzature - AM FORUMS Jump to content

PRINCIPI ROLLER E ROLLER-DERIVATI


Recommended Posts

Fonzis, il discorso del "nastro" trasportatore mi sembra una buona idea. In questi giorni sto collaudando una soluzione da applicare ai normali roller che potrebbe avere dei punti in comune con la tua idea del nastro trasportatore. Le prime prove di questo sistema (per roller-normali o evoluti) sembra funzionare alla perfezione per cui penso che anche l'idea del nastro trasportatore dovrebbe essere realizzabile.

 

Senza andare troppo OT nel 3D:

Il confronto tra analisi della traccia audio e la telecamera a 250 fps è stato effettuato "a mano" con conteggio dei singoli frame. Il test è stato condotto in aria ... tanto quello che mi interessava misurare era solo la corrispondenza tra la traccia audio e quella video ad alta velocità ad di la del mezzo in cui il fenomeno è stato osservato.

 

La Cam è la JVC EVERIO GZ-X900. Ha tre modalità di ripresa ad alta velocità che la casa dichiara a 100, 250, e 500 fps. In realtà analizzando i video con particolari software ho scoperto che le velocità dichiarate non erano reali: le velocità effettive sono 50, 125 e 250 fps perchè la cam ha un "reframe" per cui ogni 2 frame uno solo è reale, l'altro "virtuale".

In ogni caso, più si aumenta il frame rate, più diminuisce la risoluzione che è comunque bassa, ma sufficiente per analizzare il tiro. Non c'e' da aspettarsi immagini da Sky NatGeo ... ma diciamo che dovendo comprare una telecamera HD è una funzione utile da sfruttare. Io l'ho comprata come telecamera per fare le normali riprese ... ma in più ho questa possibilità. La spesa è intorno ai 450 euro. Bisogna anche comprare una scheda particolare per potere effettuare le riprese in alta velocità.

 

Il sistema di Tromic mi sembra un pò troppo artigianale per dare risultati affidabili al 100%. In ogni caso potrei anche sbagliarmi perchè in questo momento non posso vedere bene i video a causa di una connessione di fortuna. Appena posso me li guardo con più attenzione, magari contatto anche Tromic col quale ci siamo già scambiati qualche email tempo addietro.

Si sul fatto del nastro per l asta ho un buon presentimento e penso che funziona.... piuttosto il problema lo vedo nel farlo scorrere in modo regolare e come essere abbastanza resistente senza fori.. avevo appunto pensato a un pernetto su asta nuda da dietro....collegato a un ritorno del nastro, ma oltre a rendermi conto che non serve neanche la demoltiplica sto pensando di eliminare del tutto l attrito con una guida che ancora non so come...

 

si per la cam c è da spendere un botto di soldi se lo si vuole fare per bene bisogna dedicarci un sacco di tempo... La cam, la scheda, il chip, i cavi i sensori che danno solo con quella, poi se fatto per bene la vasca e non se ne finisce piu... un macello...... Per fare analisi nel piccolo basta anche quello che stai facendo tu... almeno per adesso :D

 

Se riesci a guardare il video un paio di cose le fa vedere ma bisogna fare i sensori.... e di elettricità non ci capisco molto...

Un amico elettricista l ha visto e mi ha consigliato di prendere un libro... ho troppo da fare adesso... ma un giorno ci dedicherò un po di tempo....

:bye:

 

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.1k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Mah, lo so che ci sono anche quelle, sono quelle dei bozzelli, però secondo me sono troppo piccole per non rischiare interferenze tra gomme e dyneema madre.

Anche quelle che usa Andrea devono essere molto valide dato che ne parla sempre molto bene, tuttavia sono senza sfere.

ci sono pure da 18, 22, e poi quelle grosse che hai messo tu... certo dipende dal fucile e dal fusto...

Link to post
Share on other sites

"nastro trasportatore"... mi ricorda una scena di un film, ma non mi sovviene il titolo

....per quanto riguarda le pulegge, a parità di stabilità, credo che siano da preferire quelle col diametro più grande possibile,...

io tempo fa avevo postato l'idea di una puleggia da costruire assemblando un cuscinetto mettendolo all'interno di una puleggia con cuscinetti, il risultato è una puleggia con due coppie di cuscinetti sovrapposti con un sensibile aumento della velocità di scorrimento, questa:post-21687-1309055238_thumb.jpg il problema è l'ingombro totale un pò elevato...

comunque ancora nessuna azienda ha preso in considerazione lo studio e la costruzione di pulegge dedicate a lavorare sott'acqua,.... l'ideale sarebbe una puleggia con cuscinetti stagni in cui le sfere non entrando in contatto con l'acqua, non ne subiscono l'attrito e la conseguente perdita di velocità,.. magari ci studieremo più in là......

... per quanto riguarda il sistema di Tromic che si basa sui tempi di scarico di un condensatore, l'idea funziona, ma è suscettibile di possibili errori dovuti alla accuratezza di lettura del voltometro, alla possibile non corrispondenza dei valori di impedenza delle resistenze, al difetto di fabbricazione del condensantore (difficile ma possibile), all'induttanza data dalla lunghezza dei cavi elettrici, alla imprecisione delle clip di distacco del circuito,.. etc, ma comunque, fermo restando la sua validità, fornisce valori di velocità medie di tratti troppo brevi per i nostri scopi,...lo vedo poco pratico e senza sostanziali miglioramenti rispetto a sistemi già assodati e funzionanti,... ma in ogni caso è meritevole di lode

Link to post
Share on other sites

 

:D

 

si potrebbe anche far passare i bozzelli nel vuoto del rullo... ma siamo ancora in fase sperimentale ....

 

:thumbup::whistling: :whistling:

Edited by Fonzis
Link to post
Share on other sites

Ciao Fonzis,

"l'esimio Menestrello"... sicuramente lo aveva disegnato già nel 1957...

 

A parte tutto, per me troppi rimandi...ma ti parrà strano c'è chi veramente lo ha già pensato e disegnato!

Tranquillo...Non io!

Ma io l'ho visto...quasi uguale...Ma solo disegnato...nessun problema, è un amico! Il Mitico non centra nulla!

Insomma Alfonso, non ti riesce di fare una cosa innovativa...tenta ancora sarai più fortunato alla prossima,

anche se proverei a costruirlo.

Il mio sarà uno yo-yo semplice, con gole predeterminate e calcolate per un 100.

Preferisco avere un triangolo di trazione e zero rimandi...la spinta sull'asta è sicuramente bilanciata...anche se i nastri entrano nelle gole

un po' obliqui verso la testata. E' solo un problema di allargare l'invito...ma sicuramente Il Sommo lo aveva già disegnato nel 1914...

 

Oreste

Edited by orvac
Link to post
Share on other sites

:rolleyes: Hahhahahah

 

ti sei sbagliato di qualche annetto... era il 59 e da buon fan di Piccole Canaglie la puntata con la mongolfiera a rullo non l avrà persa di sicuro... insisterà perchè si ricorda che mamma gli aveva fatto la merenda con il provolone...

dobbiamo solo sperare che nel 59 non disegnava cosi bene come nel 2007... <_< <_< <_<:fish:

 

Orè con tutto quello che ho da fare, già è assai che ho fatto uno schizzo.... se faccio il fucile con quelle pulegge sarà dopo le vacanze... fra non molto parto e devo finire il 90ino se voglio portarlo con me...

Se faccio in tempo qualcosa gia la preparo ma non penso di poterci sparare in calabria... fare un altro fusto e farlo girare come si deve non basterebbe. Se tutto va bene forse a Settembre su un 100 110.... vediamo che ne esce....ma fino a li ho poco tempo da dedicarci...

 

Salutamu

Fonzis

Edited by Fonzis
Link to post
Share on other sites

Ieri sera ero a casa di un amico pescatore...

e ho potuto leggere alcuni post su un altro sito nel quale non mi è permesso di intervenire

perchè avrei offeso "nostro Signore"....

Se dire che su di me ha raccontato un sacco di "fregnacce" e che uso dei "foglietti" per "ragioni igieniche " significa offendere,

temo che ci sia qualcosa che non va! Non vedo offese....comunque, la prossima volta sarò più "anglo-sassone".....

Poco male perchè non ho trovato cose molto interessanti, sul lato dei principi propulsivi ( nella manualità Max è sempre il solito genio).

Un bel fermento però si! Il fermento di chi sta cominciando a scoprire ciò che da noi è conosciuto da tempo.

 

Una cosa mi ha colpito: come sia possibile costruire fucili senza avere prima un diagramma delle forze relativo al principio di funzionamento.

Eppure credevo che fosse ormai assodato che il rendimento di un sistema è la strada da percorrere.

Ovviamente basta collegare una gomma vincolata da un lato e all'asta dall'altro che l'asta parte premendo il grilletto...

Ma che poi sia performante...Bhooo!!! Non saprei. Temo che ci siano forze contrastanti tra loro (anzi, ne sono certo).

 

Per chi ha seguito questa lunga discussione ormai è certo che il sistema yo-yo rappresenta (per ora) il massimo della semplicità e del rendimento.

Una sola puleggia in testata, nessun altro rimando (con attriti connessi) e una semplicità disarmante.

Tarato correttamente è addirittura in grado di moltiplicare la forza delle gomme nella fase iniziale.

Tutto va nella direzione del miglior rendimento nella trasmissione dell'energia elastica.

Per non parlare della quasi totale eliminazione del rinculo e di una progressività assoluta.

Teniamo presente che quello che non c'è non si rompe.

Itio, mi raccontava che si è talmente "intrippato del sistema" che prima delle ferie ne vuole costruire uno.

Cercherò di dargli una mano, soprattutto nei calcoli di settaggio dei nastri e dei diametri delle gole.

Sono curioso anch'io di vedere un prototipo funzionante e non quella specie di "aborto" che ho costruito per testare il principio.

Anche se i risultati che ha fornito hanno di fatto reso "obsoleto" il sistema volcan...non tanto per le performance ma

per gli ingombri, le difficoltà di settaggio e la semplicità di utilizzo.

 

Pensare che ci sconvolge vedere un vela 2G. (quello di Bass...), pensare che il sistema volcan è migliore, sistema che però è peggiore dello yo-yo

ci promette un inverno moooollltoooooo interessante.

 

Pensavo di aprire "il secondo libro" di questa discussione, cosi possiamo vedere nuovamente quanti la seguono.

Che ne dite?

 

Oreste

 

 

 

Link to post
Share on other sites

Buongiorno,

mi intrometto in questo post per chiedere il vostro parere su un sistema che ho pensato possa risolvere il problema del ponticello in testata nei vari sistemi Roller/parnaco/vela.

 

si tratta semplicemente di non tagliare la sagola principale quando attiva al nodino per l'ogiva, ma proseguire ancora per tutta la lunghezza del fusto fino ad arrivare alla spina dell'impugnatura, dove verrà fissata con un nodo a GASSA SEMPLICE.

 

Questo fa si che quando sparate, l'ogiva arrivando in testata si ferma perchè la sagola diventa tesa e questo comporta (almeno in teoria) tutta una serie di vantaggi

 

1) Migliore visibilità con la testata completamente aperta

2) Peso della testata sensibilmente ridotto

3) La testata è piu' semplice da costruire (niente ponticelli)

4) Niente più rischi che la sagola, passando sul ponticello alzi la coda dell'asta

5) Niente più rischi che il terminale passando in testata rallenti l'asta o si impigli deviando il tiro o (come è accaduto a qualcuno) resti pizzicato tra ogiva e ponticello

5) Il contraccolpo a fine corsa si annulla con la gomma che spinge verso il grilletto e la sagola verso la testata.

 

Come al solito dovrò provarla in acqua prima di dare sentenze ma credo sia una bella promessa per la soluzione della testata aperta sui ROLLER...

 

Che ne pensate?

Davide :clapping: :clapping:

post-19025-1309251753_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

Oreste credo che questa sia una delle discussioni più interessanti degli ultimi tempi (e non solo)...son certo che saremo in tantissimi a seguirla...compresi tanti "spioni"...che poi grideranno alla grande invenzione, presentando l'ennesimo brevetto rubato!! :D :D

Ma ormai direi che ci hai fatto il callo...

 

Gjg non mi è ben chiara questa tua intuizione...ma poi a fucile carico non mi troverei un bandolo di sagola potenzialmente fastidioso??? Ma soprattutto...non è che poi una volta perfezionata l'idea finisce in qualche brevetto??? :o:P

Link to post
Share on other sites
Oreste credo che questa sia una delle discussioni più interessanti degli ultimi tempi (e non solo)...son certo che saremo in tantissimi a seguirla...compresi tanti "spioni"...che poi grideranno alla grande invenzione, presentando l'ennesimo brevetto rubato!! :D :D

Ma ormai direi che ci hai fatto il callo...

 

Gjg non mi è ben chiara questa tua intuizione...ma poi a fucile carico non mi troverei un bandolo di sagola potenzialmente fastidioso???

 

Ciao AlexNets,

le foto le ho fatte ieri sera e per provare avevo usato a metà fusto un elastico "delle balle", e quindi la sagola restava leggermente morbida, in realtà per fare un lavoro fatto bene si usa come elastico un pezzettino di camera d'aria delle bici, c'è anche una seconda alternativa ovvero prendere in filo elastico in sartoria (io vado questa sera) e farlo passare in un secondo foro in testata e fissarlo sulla curva della sagola.

Comunque in entrambe la soluzione la sagola non pare dia assolutamente fastidio perchè resta laterale al fusto e non sopra.

 

Ma soprattutto...non è che poi una volta perfezionata l'idea finisce in qualche brevetto???

Magari!!! Vorrebbe dire che funziona. :P

 

 

 

Link to post
Share on other sites

C'è qualcosa che mi sfugge...dipende dalla config i Kg in testata sono parecchi...una sagola elastica da sartoria dubito possa reggere...tra l'altro dalla foto nel punto in cui si ripiega a metà su sè stessa mi pare ci sia un cordino verde di fermo...e quello mi pare sia proprio sopra l'asta. Ma la foto non è chiarissima...

 

Magari!!! Vorrebbe dire che funziona.

Sperando non ti venga scippata la paternità della cosa... ;)

Edited by AlexNets
Link to post
Share on other sites
C'è qualcosa che mi sfugge...dipende dalla config i Kg in testata sono parecchi...una sagola elastica da sartoria dubito possa reggere...tra l'altro dalla foto nel punto in cui si ripiega a metà su sè stessa mi pare ci sia un cordino verde di fermo...e quello mi pare sia proprio sopra l'asta. Ma la foto non è chiarissima...

 

Mi sono spiegato male.. la sagola elastica è in alternativa all'elastichino verde che hai visto tu, e servirebbe solo a tenere tesa la sagola in dyneema partendo dalla curva del dyneema fino ad arrivare in testata.

 

Davide.

Link to post
Share on other sites

Ciao Gig...,

L'idea in se non è malsana...merita qualche ulteriore considerazione.

temo solo che data la velocità con cui arriva in testata lo strappo di messa in trazione ne minerà rapidamente la resistenza.

IL PROBLEMA ( a cui fa riferimento il "Grande Patriarca" in un suo link di un altro forum) che ebbi agli inizi del progetto vela (2004-2005)

riguardava proprio la tenuta del filo di trazione...non certo le performance.

Allora si discuteva con Seatec del fatto che non gradivano cose che non fossero d'acciaio, soprattutto gli archetti (tant'è che anche ora, nel loro

roller l'archetto è in acciaio).

A tal proposito utilizzavo un cavo d'acciaio (filo da freni da bicicletta) ma dopo un'estate cedeva nelle saldature a forza di subire colpi...causa il fatto

che ero costretto ad utilizzare una testata tradizionale con ammortizzatori in gomma(ogni azienda ha la sua filosofia costruttiva)

Figuriamoci il tuo filo di dynema...poi magari mi sbaglio.

Vero che sta al lato, ma un po' di fastidio lo può dare...(parere personale: non mi piacciono troppi fili in giro...)

Onestamente la sagola elastica da mutande non reggerebbe due tiri....

"Ne so qualcosa" perchè veniva utilizzata nel Tiro-sub nella specialità biathlon (tra l'altro fui proprio io ad introdurla ai Campionati Italiani a Siracusa,

creando un sacco di contestazioni....che sfociarono poi nell'introduzione di nuovo dell'elastico).

 

Interessante il sistema che utilizzi per non far stare in "sbando la sagola". Una fascietta di camera d'aria da bicicletta a metà percorso...

è lo stesso sistema che utilizzo nel volcan per eliminare le orecchie che si formano quando va in trazione diretta, da quando ho deciso di togliere la gommina di trazione.

Vedi come si possono avere idee uguali ma in tempi diversi...ma nessuno brevetta, caxxate simili...diverso è quando, a prescindere da chi ha avuto l'idea,

ti affretti a brevettare per impadronirtene...con dichiarati scopi di lucro.

 

Sai Gig...ti vedo "bello intrippato" col vela!

Vai avanti, sei sulla buona strada! Però pulisci il progetto...

Oggi, se riesco ti posto una foto del primo vela...pulito, pulito, è cosi da ormai 5 lunghi anni e tanti dentici!

 

Oreste

Edited by orvac
Link to post
Share on other sites
C'è qualcosa che mi sfugge...dipende dalla config i Kg in testata sono parecchi...una sagola elastica da sartoria dubito possa reggere...tra l'altro dalla foto nel punto in cui si ripiega a metà su sè stessa mi pare ci sia un cordino verde di fermo...e quello mi pare sia proprio sopra l'asta. Ma la foto non è chiarissima...

 

Mi sono spiegato male.. la sagola elastica è in alternativa all'elastichino verde che hai visto tu, e servirebbe solo a tenere tesa la sagola in dyneema partendo dalla curva del dyneema fino ad arrivare in testata.

 

Davide.

ciao Gig... con tutto il rispetto....

 

Non prenderla come una critica, e se il Menestrello ti ha dato delle indicazioni, vai tranquiilo che sono errate...

Così come ha detto Itio è. Non perche anch io la vedo così, ma perchè è un dato di fatto.

Su un 70 quell`allestimento è sprecato. Troppo ingombro e poca resa. E non dimentichiamo gli attriti.

Un rolleretto mono classico o un invert roller com quello di stefano farebbe meglio il lavoro su un fucile di quelle dimensioni.

A che serve la demoltiplica se riesci a caricare anche una gomma da 20 sul 70ino. Per sparare un asta leggera e per caricare senza sforzi?

Pensaci su, fatti 4 conti e vedrai che non ti raccontiamo frottole. Con un rolleretto armato bene ci spari aste dure, meno ingombri, meno spese di allestimento, più praticità. Tranne che il motivo di questa tua scelta di fare un vela su un 70 abbia un motivo ben preciso oltre a quello dell esperimento personale per conoscere il sistema.

 

Se hai letto le pagine di questa discussione avrai certamente capito cosa voglio dire...

 

Cmq quello che conta è la voglia di fare. Penso che durante la lettura troverai abbastanza informazioni e capirai che il vela è oramai pane masticato e le innovazioni sono ben altro di quelle che mette alla luce il Sommo facendole passare come novità di sua creazione.

 

Alfonso

Edited by Fonzis
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...