> fabryfish - AM FORUMS Jump to content

fabryfish

Members
  • Content Count

    291
  • Joined

  • Last visited

1 Follower

About fabryfish

  • Rank
    Member
  • Birthday 07/31/1966

Previous Fields

  • Disciplina praticata in prevalenza
    Pesca in apnea
  • Tesserato FIPSAS?

Contact Methods

  • Website URL
    http://
  • ICQ
    0

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    CATANIA
  • Interests
    mare, pesca, apnea
  1. Ciao sardus parter(hai 2 mp) non so che rapporti avete usato, che rapporto a inizio, e che rapporto a fine spinta, quali pulegge, con quale tolleranza con l'asse, che diametro alberino, come avete calibrato la simmetria dei due lati e resi sincroni, quali elastici, quale fattore di allungamento e quale fattore residuo a fine spinta, etc. Per il diametro dell'asta ho cercato di incontrare quella che è la richiesta del mercato, ove ai più, l'asta da 8 sembra un esagerazione, pertanto lascio la scelta di quest'ultima al cliente, modificando il settaggio a seconda del caso. I prezzi vanno dai 610
  2. ...altri test di comparazione con il sistema demo, mi hanno dimostrato Che oltre determinate soglie di carico, il mach aumenta notevolmente la prestazione rispetto al demo, per il semplice motivo che con carichi importanti, anche a fine corsa arriva una quota di spinta tale che anche con un rapporto finale di 1:2,90 esso può esprimere il suo potenziale,...Come era evidente il fatto che al massimo del suo potenziale il sistema demo potesse contare sul rapporto 1:2,...era d'altronde logico pensare che il mach potesse sfruttare anche un rapporto finale di 1:3 fornendogli la necessaria quota di k
  3. Grazie,.. Le misure disponibili sono 70,80,90,100,110 Vorrei spendere due parole in merito al sistema e al confronto con altri sistemi e ciò che scriverò di seguito non potrà essere esaustivo rispetto alle centinaia di variabili costruttive e di settaggi possibili soprattutto in merito al sistema MACH in cui le variabili aumentano visto che il cambiamento dei rapporti può portare a comportamenti anche molto diversi tra loro; pertanto mi riferirò solo ed esclusivamente agli esiti dei test effettuati negli ultimi due anni su un mach in legno su cui ho provato 7 pulegge diverse e per ognuna d
  4. Mi dissocio dall'appellativo usato da Fonzis nei confronti del signor Claudio Basili, che ha avuto la colpa di farmi un intervista all'Eudi, senza chiedere un ritorno economico!!!
  5. Ciao ragazzi questo è il mach che ho presentato quest'anno all'EUDI di Bologna dopo 2 anni di test e prove per farne un prodotto commerciale, dopo aver avuto licenza da Stefano e Oreste. Ho adottato la sagola al posto della bandella perché ho trovato il modo di avere un avvolgimento regolare e simmetrico.
  6. Come singolo circolare sono da escludere assolutamente,.. perdono la loro lunghezza originaria già a fattori bassi,..... nel senso che un elastico da 26 cm. dopo poco te lo ritrovi 30 cm.
  7. quoto Daniele,.. non ha senso passare da un roller ad un fusion,.. ti mangi centimetri di corsa utile.
  8. Non so come hai progettato tu il sistema di blocco, ma nel mio il problema non sussiste,....l'inserimento dell'asta avviene con le pinnette ruotate o a destra o a sinistra, evitando così che aggancino l'ogiva. In più lo stopper block può essere abbassato o alzato rispetto alla linea del guida asta per poter calibrare al millimetro l'altezza del punto di blocco per farla coincidere con l'altezza della pinnetta e dei diversi diametri di aste dalla 6,5 fino alla 8,5
  9. l'alberino delle pulegge non viene resinato sul legno,... sul legno viene resinata una guida inox (tubicino tondo) dentro cui passa l'alberino che quindi non è vincolato.
  10. per questo stopper è previsto l'aggancio sull'ultima pinnetta. Per variare l'assetto sono previsti due alloggi sotto fusto; il puntale in gomma è solo una protezione contro gli urti in punta.
  11. ho ideato e progettato lo stopper block per 2 motivi......quando l'elastico arriva a fine corsa, ruotando sulle pulegge, inevitabilmente trasferisce l'effetto giroscopico ed il suo momento angolare anche all'ogiva collegata ad esso, che tende ad innalzarsi nella sua rotazione finale, innalzando così anche la pinnetta dell'asta che nella peggiore delle ipotesi farà ad alzare il codolo con conseguente tiro basso e nella migliore delle ipotesi con aste medie o medie grosse innescherà delle vibrazioni che si traducono in attriti e perdita di prestazione,.. il fenomeno si evidenzia maggiormente a
  12. questo è lo stopper che monto sui miei ultimi roller
  13. intanto invito alla rilettura nella pagina precedente di cosa è stato testato e con quali condizioni,.. riassumo: arbalete, roller, e trazione inversa cioè elastico solo sotto, quest'ultimo da non confondere con ciò che tu chiami inverter che invece identifica un roller in cui sotto l'elastico si sdoppia in due e che contiene un cordino antistiramento nell'elastico superiore ((A mio avviso OTTIMO sistema che permette l'immagazzinamento di potenze superiori con il grande vantaggio di limitare l'ingombro della testata grazie all'uso di una sola coppia di pulegge)). L'intento era quello di verif
  14. il sistema vela (paranco) non è stato preso in esame in questi test, e non lo sarà finchè non sarà possibile la sua libera commercializzazione
×
×
  • Create New...