> Fan Club Gulfstream - Page 17 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

Recommended Posts

  • Replies 550
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Audite! Audite!     Vorrei aprire un POST dedicato esclusivamente alla pesca in: ACQUE TROPICALI.   Chiunque può parteciparvi raccontando le proprie esperienze o scambiando informazioni e mostrando

Posted Images

Seconda puntata.....

 

Luca mi spiega subito che in quella zona è tutto un bassofondo con prof max di 12/15 mt ma mediamente si pesca in 6/8 mt

Il fondale è sabbia con chiazze di coralligeno e reef distanti anche 2 o 3 miglia dalla costa.... è così per centinaia di km da Salvador di Bahia.

C'è molto pesce e alcune zone sono proprio vergini ma bisogna cercarle con lo scandaglio o a paperino. Ma anche nelle zone nn vergini ci si può divertire parecchio.

Se sbagli momento con la marea in movimento rischi di non riuscire a pescare a causa della corrente, per cui è necessario seguire attentamente i bollettini di marea.

Infine mi dice che è consigliabile pescare con bassa marea o nelle fasi discendenti perchè con l'alta marea può capitare che entri qualche squalo, mentre con la bassa a lui in tre anni è capitato un solo incontro con un pesce di 1,5 mt che nn l'ha minimamente considerato.

Si parte... prendiamo la barca e usciamo fuori in mare aperto, c'è un poco di onda ma niente di preoccupante.... dopo mezz'ora ci fermiamo al primo reef.

Luca mi dice che già qui si può incontrare di tutto e quindi è sempre bene dare un'occhiata a mezz'acqua se dovesse passare qualche ricciola o carangide di specie varie, ma la preda principe del posto è il budeon azul (barilotto blu) un pesce di stazza media intorno ai 5/6 kg con punte di 10.

Gli chiedo come è fatto e lui mi risponde ... te ne accorgerai da solo.... cerca nei branchi di pesci chirurgo.

L'acqua è caldissima la muta serve solo per nn scottarsi col sole o con qualche corallo urticante.

E' pieno di pescetti colorati che zigzagano tra i coralli, a volte in branchi che si aprono e si chiudono velocissimi ma niente predatori in arrivo....

Poi scorgo con la coda dell'occhio un branco di pesci scuri piu grossi, intorno al kg di peso e mi avvicino... in mezzo esemplari anche di 2 kg scuri e blu intenso... subito penso ai budeon azul ma guardando meglio scopro che sono tutti pesci chirurgo... sfilano sotto le mie pinne piu o meno tipo un branco di grosse salpe.... ai margini del corallo due forme scure con puntini bianchi grosse il doppio dei chirurgo.... sono due pesci angelo spettacolari color bruno intenso con puntini chiari .... saranno 3 kg l'uno... che spettacolo.... in mezzo a tutto innumerevoli pesci pappagallo grigiastri di ogni dimensione che sfrecciano di qua e di la ed entrano ed escono dalle tane di madrepora, questi sarebbero buoni da mangiare ma io cerco il budeon e li lascio perdere (tra l'altro non sono per niente facili da avvicinare specie quelli che superano il kg di peso)....

Strane sensazioni ... dopo i primi 20 minuti mi rendo conto che nn so niente di questo mare e di questi pesci... individuo dei pinnuti ma prima di capire che cosa sono e come si comporteranno ci metto un bel po'.... strano per uno come me che in mediterraneo con un colpo d'occhio piu o meno riesce a sapere tutto... che pesce è ... coem si comporterà ecc.... qui è tutto nuovo... affascinante.....

 

Il seguito alla prox puntata

 

Stefano

Link to post
Share on other sites

Mi fai venire in mente la prima volta che sono entrato in acqua con il fucile in Venezuela, a Isla Margarita. Avevo come barcaiolo un giovane pescatore locale. Al secondo tuffo mi arriva all'aspetto un brancone di pesci oltre il kg di peso di colore molto scuro. Non esito un secondo e premo il grilletto. Preso! Convinto di impressionare il barcaiolo (dopo 5 minuti in acqua già un pesce accettabile ...) porto il pesce sulla barca e mi sento dire: " NO Lorenzo, queste sono SALPE BRASILIANE e fanno schifo da mangiare!!". Insomma, le salpe sono salpe anche in Venezuela .......

Link to post
Share on other sites

Il tuo racconto è avvincente e non vedo l'ora di leggerne il seguito.

Nel frattempo, si potrebbero avere nome e contatti di questo amico in Brasile ?

Non che sia interessato particolarmente alla pesca tropicale ( ma anche si ;) ), nè ho in programma di fare un viaggio nell'imminente ... ma un pensierino per dopo la laurea lo potrei fare.

Ciao.

Link to post
Share on other sites

SALPE BRASILIANE:D non basta la ciguatera, anche le salpe :D:bye:

 

a me interesserebbero le azzorre...qualcuno c'è mai stato?

 

Ci sono stato nel 2001. Posto fantastico, anche se un pò piovoso, ma mi sono sempre buttato da terra, ero a Santa Maria, e non era proprio il massimo. Che dire? E' una sorta di Mediterraneo Atlantico, se non fosse per l'onda e la corrente, tra saragoni, triglioni dal mezzo chilo in su, muggini e varie specie di tordi. In particolare, mi ricordo i tanti balestra, famelici contro il mio portapesci. Ne ho sparati diversi, erano pure buoni da mangiare, a differenza dei saraghi e delle triglie, che non avevano quasi sapore! Scherzi dell'Oceano, si dirà. Poi, ho sbarellato una palamita e ho visto diverse ricciolette, ma considera che all'epoca pescavo con un sessantino con la fiocina...comunque, nei posti giusti, vale davvero la pena, ne sono sicuro.

Link to post
Share on other sites

Ho pescato in Brasile per essere preciso ad Ubatuba nel lontano 1980 ricordi incredibili,la difficolta' era ,non prendere il pesce,ma sapere quale,infatti non si vedono nessuno dei pesci che conosciamo,cosi' mi sono dedicato a qualcosa di piu' famigliare http://img517.imageshack.us/img517/2128/brasilejm4.jpg[/img]%20By%20koa1%20at%202007-11-26"]http:// By koa1 at 2007-11-26

post-15823-0-74733200-1330773521_thumb.jpg

Edited by KOI
Link to post
Share on other sites

Ecco il seguito del racconto

 

Sto ancora guardando lo spettacolo di tutti i pesci che roteano intorno al ciglio di corallo che da sotto il ciglio stesso spuntano tre sagome blu molto piu grandi delle altre a occhio e croce sui 4/5 kg e capisco subito che finalmente sono al cospetto del budeon azul....

Nuotano sotto il branco dei chirurgo che va e viene rapido quasi a mimetizzarsi o comunque a sfruttare il loro movimento per passare inosservati.

Comunque stanno venendo verso di me e istintivamente mi immergo andando loro incontro convinto che essendo pesci tropicali sarà facile portarli a tiro.... niente di più errato.... come faccio la capovolta i budeon scartano e si infilano rapidi in una spaccatura... li seguo .... mi affaccio.... ma è un budello nel corallo talmente profondo che nn si vede nulla...... tiro fuori la testa e guardo oltre il ciglio... i buden sono li fuori che fuggono a "gambe levate".....

Azz... la facevo piu semplice....

Faccio per risalire e qualcosa di impercettibile attira il mio sguardo verso sinistra....

subito vedo un branco di una ventina di pesci pappagallo grigio/marroni in mezzo ai quali ci sono alcuni esemplari da piu di un kg, ma dopo una frazione di secondo capisco cosa aveva attirato la mia attenzione: una murena verde gigante è spuntata da uno dei mille buchi di corallo a guardare cosa era tutta quella confusione intorno alla sua tana... faccio un balzo indietro ,,, ma subito mi tranquillizzo ... me l'aspettavo prima o poi... del resto devo abituarmi a migliorare la visione d'insieme del fondale siamo in un mare tropicale e tutto è diverso da ciò a cui sono abituato....

Comunque la murena è tranquilla e sembra solo curiosa di ciò che sta succedendo.

Risalgo e ricomincio la mia ricerca....

Non è facile concentrarsi molto sul fondo per scorgere i budeon e dare anche delle occhiate a mezz'acqua per vedere se passano carangidi, ricciole o palamite.....

Arriva Luca che si era spinto un poco piu fuori.... e mi dice che in questo posto ci sono giornate in cui è pieno di dentici rossi.... fa un sorrisino e si volta per tornare a pescare mostrando un bel budeon azul da 4 kg al cavetto che lui (ma solo lui) porta tranquillamente in cintura....

Io il cavetto nn lo tengo in cintura nemmeno in mediterraneo figuriamoci qui....

Mi rimetto alla ricerca, decido che al prossimo incontro con i budeon tenterò un aspetto anzichè una caduta diretta....

Visto che i budeon sembrano amare la compagnia dei pesci chirurgo cerco soprattutto di individuare i branchi di questi pesci....

Però anche la storia del dentao vermelho (dentice rosso) mi attizza... e cosi inizio a fare degli aspetti nei punti dove mi sembra ci sia molta mangianza....

Niente... però un paio di volte in risalita mi passano a tutta velocità sotto le pinne alcune belle palamite stimate sui 3 kg... ma troppo veloci per poter sparare....

Sono un po' spiazzato, ero entrato in acqua convinto di fare un pescatone e invece sto trovando si molto pesce ma tutto difficile....

 

Il seguito alla prossima

 

ciao a tutti

 

Stefano Gentile

Link to post
Share on other sites

Seguito.....

 

Vedrò altre due volte i budeon azul senza riuscire ad avvicinarli xchè sempre si infilano rapidi nei buchi.

Del resto pescare in tana non è semplice in quanto ho in mano un arbalete da 100cm monoelastico con asta da 6,5 prestatomi da Luca, inoltre le tane sono enormi budelli in mezzo ai coralli dove i budeon sfrecciano alla stessa velocità con cui si muovono in acqua libera.

In compenso non ho visto nemmeno uno squalo neanche piccolino chissà perchè ma quando sono entrato in acqua era la mia prima preoccupazione.

Adesso ormai agli squali nn ci penso più sono troppo preso dal fascino di questa pesca tutta nuova.

Tento un approccio diverso, assodato che i budeon stanno sempre nelle vicinanze di un branco di chirurgo decido di immergermi appena da lontano vedo il branco di pesci scuri e di avvicinarmi all'agguato...

Così faccio al primo avvistamento, scendo passo dietro un fungo di corallo, mi fermo per un breve aspetto e vedo che i chirurgo vengono nella mia direzione, non verso di me propriamente ma verso la zona dove mi trovo appostato.

Mi muovo lentamente con la mano verso di loro e poi mi rifermo (la profondità è di 6/7 metri quindi il fiato nn manca)... aspetto qualche secondo... ed eccoli ... tre budeon sui 5 kg appaiono in coda al gruppo dei chirurgo ... uno viene verso di me.. a 2 metri dalla punta del fucile sparo e lo prendo proprio dietro l'opercolo... tiro perfetto!.... il pesce scatena una reazione furiosa rompendo coralli e madrepore nel tentativo di intanarsi... io nn sono tornato in superficie sto risalendo la sagola del fucile per acchiappare il pesce ma scarta da tutte le parti.... dopo poco si stacca.... rimango con l'asta penzoloni.... e una squama enorme infilata nella punta ferma prima dell'aletta.... l'aletta nn è entrata!!!

Chiamo Luca e gli racconto la scena, lui mi dice che bisogna spararli da dietro di tre quarti perchè le squame sono durissime ed è difficile trapassarli o almeno fare entrare le alette....

Azz! un'altra cosa da imparare....

Sembrerà strano ma mi sto divertendo come un pazzo...

 

Alla prossima adesso devo andare

 

Stefano

Link to post
Share on other sites

Io sono stato in Madagascar per 10 giorni in barca a vela e sinceramente il sottocosta non è che mi abbia entusiasmato , altro discorso i banchi persi nell'oceano , li si che i pesci avevano la coda.

Purtroppo parte dell'equipaggio era un po' viziato e poco propenso a prendere un solo pesce a uscita, quindi si è ripiegato a spari più frequenti con pesci di taglia molto inferiore a quella degna di un supersten 130 con asta da 9.

Bei pesci per carità ma niente di veramente bello , per un mare così promettente.

Facilissimo incontrare gli squali ,sopratutto nei banchi, bastava lasciar sbattere un po' il pesce sull'asta che cominciavano a ronzarti attorno , per poi sparire immediatamente appena tornata la calma .

Correnti mostruose , credo intorno a 3 o 4 nodi ,quando montavano bisognava uscire dall'acqua , pena il serio rischio di essere sputato lontano dal banco con il rischio che il barcaiolo ti perdesse.

Sinceramente provo un filino di invidia per i viaggi di Riccardo Andreoli intorno al mondo alla ricerca del pesce serio.

 

 

ciao

Link to post
Share on other sites

Ma nessun altro qui ha mai pescato in acque tropicali? nn ci posso credere...

Comunque a presto il seguito del racconto e poi vedrò se riesco a mettere anche qualche foto

 

Stefano

 

Guarda, io sono stato a Zanzibar e non e' che mi abbia entusiasmato piu' di tanto. La corrente era mostruosa, il pesce molto spaventato, forse perche' i locali lo cacciano in tutti i modi possibili. Fatto sta che ho pescato molto meno di quanto mi aspettassi, anche se qualche corvina tropicale l'ho presa (ottime!) e mi sono dato anche ai pesci unicorno (squisiti!), ma mi aspettavo di vedere pelagici a frotte. Poi sono stato una volta in Florida, ma solo due volte a pesca, nella zona nord-est, a Palm Beach. Ho preso una riccioletta, ma per il resto non ho visto molto. Credo che la', se non vai sui relitti, vedi poco. E comunque, mi sarei dovuto organizzare meglio.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...