> Fan Club Gulfstream - Page 18 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

Recommended Posts

Invece io in Brasile sono stato già due volte. Il racconto riguarda la prima volta.

Zona Salvador di Bahia e sinceramente sono rimasto molto soddisfatto. Ovviamente bisogna fare i conti col fatto di doversi abituare a situazioni che nn conosciamo per niente. Non è solo il problema delle maree, la cosa piu difficile è il comportamento dei pesci e individuare quelli validi. escluso discorso carangidi ovviamente.

In Brasile nn ho mai incontrato squali, ho sempre pescato in poca acqua e facendo attenzione alle correnti nei cambi di marea, senza particolari problemi. I brasiliani che ti accompagnano comunque sono pescatori e sanno piu o meno cos'è la pescasub perchè la praticano quasi tutti.

 

vabbè va nn fatemici pensare che sennò cerco il primo volo disponibileeeee!!!!

 

Stefano

Link to post
Share on other sites
  • Replies 550
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Audite! Audite!     Vorrei aprire un POST dedicato esclusivamente alla pesca in: ACQUE TROPICALI.   Chiunque può parteciparvi raccontando le proprie esperienze o scambiando informazioni e mostrando

Posted Images

Ciao raga

ora posso terminare il racconto

.... Rimasto sinceramente un po' deluso e dispiaciuto dalla perdita del bel pesce in un modo così inaspettato decido di provare a cambiare preda e dedicarmi un po' di piu' ai dentici rossi....

Con Luca decidiamo che è giunto il momento di spostarci in un altro reef un po' piu' al largo e così risaliamo in barca e leviamo l'ancora per una nuova destinazione.

Luca mi spiega che la zona di bassofondo è praticamente vastissima piu' di 100 km di mare e si estende parecchio verso il largo dove poi c'è la caduta continentale e le profondità aumentano parecchio e dove puoi trovarti davvero di tutto a cominciare dalle balene.

Gli rispondo che per ora sono piu che contento della zona di bassofondo (max 15 mt)...

Intanto usciamo fuori verso un isolotto ch si vede all'orizzonte ma prima di allontanarci diamo un'occhiata ad un paio di palloni che si vedono a circa mezzo km di distanza: sono due sub partiti dalla spiaggia a nuoto!!!, pescano in coppia per sicurezza e quando sentono da lontano il nostro motore (unica barca nel raggio visivo) alzano fucile e bandierine per farsi vedere.

Ci avviciniamo e chiediamo loro se è tutto a posto, rispondono ok e ci salutano con la mano alzata.

saremo ad almeno un km da terra ... ne hanno di coraggio sti brasiliani... d'altro canto in terra l'onda oceanica si sta alzando ed è impossibile pescare nella schiuma (dove Luca mi assicura circolano cefali colossali)....

Infine arriviamo col gps sul punto desiderato...

Mentre ci prepariamo vedo all'orizzonte avvicinarsi dei nuvoloni neri che nn lasciano presagire nulla di buono... vabbè Luca dice che abbiamo almeno un'oretta ancora buona di pesca poi dovremo rientrare, sarà ma io nn sono molto tranquillo...

Anche l'aspetto "condizioni meteo" è completamente nuovo... qui nn so nulla... in mediterraneo è molto difficile che mi lasci sorprendere da una tempesta... ma qui boh...

In ogni caso la voglia di pescare è prepotente e ci buttiamo in acqua...

Il fondale è un mega panettone di grotto/corallo che arriva a 5 mt dalla superficie e sui lati scende a 10.

La visibilità sta peggiorando perchè sta per iniziare il cambio di marea e per via del vento (tipo scirocco) che proviene dalla direzione dove si trovano le nubi.

Due o tre tuffi sul pianoro del panettone nn mi danno granchè salvo la sorpresa di due sagome scure tipo sacchetto della spazzatura ferme a 1 mt dal fondo: mi avvicino curioso e vedo che sono due pesci angelo color bronzo con marezzati di bianco nella parte laterale, sono bellissimi saranno 3 kg l'uno, ma nn son pesci da sparare.

cerco il ciglio per provare l'aspetto ai dentici rossi.

Dopo pochi minuti trovo l'inizio della caduta e scendo scorrendo il ciglio verso il basso tirandomi lentamente con la mano in una specie di agguato, tutto allo scoperto però perchè il grotto è basso in questo punto.

Quando arrivo in prossimità della sabbia vedo sul confine sabbia/corallo una sagoma rossiccia che potrebbe essere ... un famoso dentice rosso? mi fermo per un breve aspetto... vediamo cosa fa... niente rimane esattamente dov'era (fuori tiro)... sembra piu un dotto maculato con chiazze piu chiare.

provo ad avvicinarmi piano il pesce ora è di muso.... mi avvicino intanto si sposta lentamente lungo il ciglio e si gira sul fianco con uno scatto... punto al muso e sparo... scatto impressionante del pesce tipo corvina stralaureata ligure che evita l'asta e si va ad infilare in uno spacco 10 mt piu avanti...

Ho perso l'attimo giusto perchè nn sapevo che pesce era e come si sarebbe comportato...

E' una sfida avvincente per chi come me preferisce la preda furba che mi da molta piu soddisfazione di quei posti tipo acquario dove i pesci sono idioti e puoi fare delle stragi.

Seguo il "dotto" (ma mi ricordo che qui lo chiamano badejo ed è uno dei pesci più quotati insieme al robalo (che è tipo il ns branzino)) e arrivo sullo spacco... qui mi si presenta uno spettacolo di un branco di 7 o 8 budeon azul che volteggiano fuori e dentro il buco.

E' fantastico constatare che quasi sempre le belle tane qui sono abitate, non sai mai da cosa ma sono sempre belle sorprese.

Questa volta nn mi faccio fregare, scendo qualche metro lontano e seguendo il ciglio giungo alla base dello spacco, un budeon sbuca proprio in quel momento da sopra e si gira per scendere in diagonale dalla parte opposta, ma io sono fermo nn mi percepisce e soprattutto ho il fucile già puntato in quella direzione... aspetto che si metta di trequarti e sparo... nn c'è storia stavolta l'ho quasi fulminato... un bel pesce sui 4 kg.

lo raggiungo e nonostante sia quasi fulminato quando lo afferro sento la potenza dei fasci muscolari caudali, notevole.

Non è finita intorno allo spacco girano anche altri pesci sul marroncino che mi sembrano sparabili, sono sicuramente pesci superiori al kg.

Ma prima di dedicarmi a loro cerco un altro budeon azul. vado dall'altra parte del taglio di corallo a 7/8 metri da dove ho catturato il primo pesce e faccio lo stesso numero che avevo fatto prima... scendo lontano e percorrendo il ciglio all'agguato arrivo alla base dalla parte opposta... altro budeon che sbuca dalla parte alta del ciglio e stesse mosse del primo pesce... e naturalmente stesse mosse mie... infatti anche il secondo pesce finisce a cavetto (sarà sui 3 kg). Per evitare le polemiche che subito qualcuno solleverà dico immediatamente che li in quella zona ed in quello stato non ci sono limitazioni di peso per la pesca sportiva (il Brasile è uno stato federativo e quindi ogni singolo stato ha una sua normativa che è sempre meglio conoscere ovviamente).

Volgio prendere anche un paio di pesci marroncini. Questi invece vengono all'aspetto solo che arrivano veloci da qualsiasi direzione apparentemente senza un perchè e rasenti il fondo. ma qui faccio presto, ne prendo un paio superiori al kg.

La perturbazione si sta avvicinando e la corrente e il vento si stanno alzando sembra tipo un'entrata di scirocco.

Dobbiamo levare le tende in fretta. Faccio ancora due o tre tuffi a cercare dei dentici ma all'aspetto arrivano solo altri pesci marroncini (che poi portati in superficie sono in realtà rossicci di un bel colore a metà strada tra il tordo ciliegia e la triglia di scoglio) che lascio stare perchè prima voglio sapere se quelli che ho preso io sono effettivamente pesci buoni.

Arriva Luca anche lui con un budeon e qualche "marroncino" e mi dice che dobbiamo andare.

Rientriamo che sta già calando la luce e mentre navighiamo Luca mi rivela il motivo del perchè nn ho visto dentici rossi: non si prendono all'aspetto quasi mai come i ns dentici, ma da quelle parti e in quella stagione è piu facile trovarli in tana alla base del ciglio, fanno dentro e fuori dai buchi, lui ne ha visti pochi e piccoli, evidentemente nn è giornata.

Sono contento in qualche ora di mare ho imparato un mucchio di cose nuove sulla pesca sub in questi luoghi, è per me come tornare indietro di 30 anni quando ragazzino incominciavo le prime esperienze di pesca...

Brasile mi fai ringiovanire.

Ah il bello è che avremo incontrato si e no due barche di pescatori in tutta la pescata.

Arriviamo a terra e i ragazzini ci vengono incontro con mille domande e tanta curiosità... anche i loro genitori... ci fanno un sacco di complimenti.

Ma nn sono invadenti sono solo ammirati, tutti li pescano in qualche modo e tutti sanno andare per mare, scoprirò successivamente come sanno rispettare il sub in acqua, barche che sono guidate da gente che guarda dove sta andando e che appena vede un qualcosa che sembra una boa fa un giro largo 300 mt e ti segnala con la mano di stare tranquillo che ti ha visto.... avanti anni luce in un paese che per molti aspetti è ancora indietro....

Adesso tento di postare un paio di foto nel prox post.

 

Stefano

Link to post
Share on other sites

Ok mi sembra di capire che praticamente nessuno in questo forum è stato fuori dal mediterraneo a pescare....

Eppure vi posso confermare che ormai molte destinazioni sono abbordabili sia in termini di costi sia in termini di ore di viaggio.

Ad esempio in un altro post ho raccontato di una vacanza di pesca in Grecia parecchi anni fa, con auto e gommone al seguito (si poteva) ho viaggiato praticamente due giorni mentre quando sono stato in Brasile, 10 ore (e molte di notte) e voilà... ti ritrovi in acque tropicali.... con costi assolutamente paragonabili ad una vacanza di 15 gg in luglio o agosto in Sardegna con auto e gommone al seguito....

 

Stefano

Link to post
Share on other sites

Stefano ,

più che un mare tropicale a me piacerebbe pescare nel mediterraneo di 100 anni fa e non credo sia rimasto qualche posto che gli possa somigliare.

Parlano molto bene del nord Africa , ma le condizioni socio - economiche dei luoghi sconsigliano vacanze di questo genere.

Un caro amico nonchè compagno di pesca , Alberto Pizzoccheri, che ha girato il mondo per conto suo e con la MARES in compagnia del compianto Marò, mi ripete spesso che gli spettacoli di pesci che ha visto in Sardegna quando era molto giovane non li ha mai visti in nessun mare del mondo, chiaro non parliamo di squali martello o simili ma di "pesci" con la coda.

Per quanto riguarda i costi ti do' pienamente ragione :D , adesso una vacanza in Sardegna è un lusso , io ci abito altrimenti non ci andrei mai :boxed:

 

 

 

ciao Sandro

Link to post
Share on other sites

Grande Alberto Pizzoccheri mi ricordo molto bene quando ho iniziato a fare gare io.... nomi kitici della pescasub.

Nel mio piccolo anch'io ho avuto la fortuna di assistere a spettacoli mozzafiato nel mediterraneo, sardegna, corsica, la stessa liguria di 30 anno fa, cose impensabili oggi.

Ma oltre che impensabili gli spettacoli di pesce di quei tempi è anche impensabile per chi è piu giovane poter pescare con quella sensazione di libertà assoluta, di pace e tranquillità, senza motoscafi che ti ronzano sulla testa, senza gente che ti guarda storto perchè sei davanti a una spiaggia e stai solo entrando in acqua per allontanarti subito ma tant'è ti devono venire a rompere i c...ni, senza dover alzarti alle 4 di mattina, senza dover impazzire a trovare un parcheggio, senza dover fare code, senza dover interrompere la pescata perchè ti fanno risalire in gommone per controllare i documenti.... ecc ecc

 

stefano

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...