Home » News » Gare Pesca Sub, Assoluto 2019: De Mola Vince la 1a, poi Puretti e Claut

Gare Pesca Sub, Assoluto 2019: De Mola Vince la 1a, poi Puretti e Claut

| 21 Giugno 2019

La pesatura della prima frazione di gara del Campionato Italiano Assoluto di Pesca in Apnea 2019, ha visto Giacomo De Mola conquistare il primo posto di giornata, grazie ad un carniere con 11 pesci validi, ed una grossa murena a coefficiente, che gli hanno fatto totalizzare oltre 16 mila punti. Tra le sue catture spiccavano un sarago faraone poco sopra il kg e mezzo e una grossa corvina da 1,8 kg che, insieme ad altre quattro, gli ha permesso di conquistare anche l’unico bonus per completamento specie di questa prima metà di campionato.

Alle sue spalle è stato un testa a testa tra Luigi Puretti e Stefano Claut, entrambi con 13 pesci validi finali e 4 specie. Alla fine l’ha spuntata il campione italiano 2016 con un kg in più di peso totale (8,3 kg contro 7,2 kg), che oltretutto si è visto scartare un solo pesce, a differenza del triestino che se ne è visti togliere due, purtroppo per pochissimi grammi.

Completano la top ten di giornata Adriano Riggio (12 prede, 13.165 punti), Andrea Settimi (10 prede, 13.100 punti), Cristiano Novel (12 prede, 12.420 punti), Sebastiano Rosalba (11 prede, 11.290 punti), Giulio Cavaliere (10 prede, 11.269 punti), Federico Giudice (10 prede, 11.235 punti) e Cristian Corrias, campione italiano in carica (8 prede, 11.125 punti)

Il Biscione ha ancora una volta fatto molta selezione, e per diversi nuovi volti che troviamo nelle prime 10 piazze, alcuni tra gli atleti più quotati del panorama agonistico nazionale sono incappati in una giornata decisamente negativa: sottotono la prestazione di Angelo Ascione che con 4 pesci validi si deve accontentare di un modesto 27esimo posto di giornata; opaca la prova di Concetto Felice, che in queste stesse acque aveva conquistato il titolo italiano nel 2009. Ancora una volta il suo carniere è stato falcidiato dalla bilancia che gli ha scartato la metà delle prede, relegandolo ad un misero 30esimo posto di giornata. Altrettanto sfortunata la giornata di Salvatore Roccaforte che ha portato alla bilancia solo 4 pesci, di cui uno sottopeso, per un 34esimo posto parziale.

La giornata è iniziata, subito dopo l’appello coordinato dal Direttore di Gara (Antonio Aruta) e dal Giudice di Gara (Alberto Sforzini – Circolo Nautico Foce Cecina), con il minuto di silenzio in ricordo di Bruno De Silvestri, recentemente scomparso in mare durante una battuta di pesca. Fin dalla partenza è stata complicata per tutti dalla corrente da nord che spazzava il campo, ma che verso metà garà, in concomitanza con il levarsi di un discreto vento di scirocco a 18/20 nodi, è diventata impetuosa fino a costringere diversi atleti a ripiegare in zone di basso e medio fondo nel tentativo di raccimolare qualche pesce all’ultimo.

Le catture sono state prevalentemente di saraghi maggiori, con esemplari anche oltre il kg di peso, e tordi, sia neri che mervizzi. Decisamente rare le corvine che, con l’eccezione del carniere di De Mola, sono comparse saltuariamente in uno o due esemplari al massimo. Piuttosto distribuite le salpe, che hanno però indubbiamente fatto la fortuna di Claut che ne ha messe a cavetto diverse e tutte di buon peso. Rispetto al solito si è vista qualche mostella in più e diverse “serpi”, sia gronghi che murene, abbondantemente oltre il peso minimo dei 2 kg. Pochi ma belli i saraghi faraone, in particolare quello portato al peso da Roberto La Mantia è che ha fatto fermare l’ago della bilancia a ben 1 kg e 720 grammi.

Per domani le condizioni meteo marine dovrebbero rimanere più o meno simili, con lo scirocco a spazzare il campo fin dalle prime ore della mattina, con una caduta di vento possibile intorno a mezzogiorno e una nuova intensificazione della ventilazione verso fine gara. A giudicare dalla classifica i giochi sono ancora aperti, anche per la vittoria finale, e la lista dei pretendenti potrebbe essere lunga considerando che, se quello di oggi era veramente il campo considerato più difficile e meno ricco di pesce, domani i carnieri potrebbero riservare sorprese, corrente permettendo.

Resto della Classifica:

11° Sergio Oggiano – 10735 punti
12° Roberto Praiola – 9200 punti
13° Rocco Cuccaro – 8735 punti
14° GiaFranco Loi – 8415 punti
15° Gaetano La Pera – 8095 punti
16° Cono Corrado – 7885 punti
17° Roberto La Mantia – 7185 punti
18° Diego Mazzocchi – 7095 punti
19° Alessandro Falciani – 7055 punti
20° Fabio Amico – 6730 punti
21° Roberto Deiana – 6540 punti
22° Francesco Piras – 6025 punti
23° Carlo Inserra – 5905 punti
24° Gaio Trambusti – 5905 punti
25° Giuseppe Giufrè – 5775 punti
26° Salvatore Natoli – 5670 punti
27° Angelo Ascione – 5550 punti
28° Diego D’Alessandro – 5265 punti
29° Claudio Marconcini – 5185 punti
30° Concetto Felice – 5030 punti
31° Vittorio Lai – 4895 punti
32° David Croselli – 4300 punti
33° Simone Cristiano – 4070 punti
34° Salvatore Roccaforte – 3850 punti
35° Vincenzo Valenti – 1210 punti

Tags: , , ,

Category: Agonismo, News, News Pesca in Apnea

I commenti sono chiusi.