Home » News » News Pesca in Apnea » Giro di Vite nel Parco dell’Arcipelago de La Maddalena

Giro di Vite nel Parco dell’Arcipelago de La Maddalena

| 22 gennaio 2017 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 19    Media Voto: 3.7/5]

Il parco dell’Arcipelago de La Maddalena era una delle poche realtà protezionistiche in cui la pesca in apnea fosse ancora permessa. La regolamentazione negli anni era andata a stringere le maglie fino a consentirla, ovviamente in zone ristrette, soltanto ai residenti, che potevano pescare tutta la settimana durante la stagione invernale, mentre solo nei giorni di venerdì, sabato e domenica in quella estiva. Al netto di questi paletti poteva comunque considerarsi ancora un esempio di una qualche apertura mentale nei confronti della selettività di questo tipo di prelievo, anche in considerazione dell’esiguo numero di praticanti.

sarago rocciaDa oggi però cambia tutto: archiviata, non senza strascichi, l’esperienza gestionale dell’ex presidente Bonanno, il nuovo consiglio direttivo del parco si è affrettato ad approvare dei pesanti correttivi prima dell’arrivo del nuovo commissario nominato dalla regione Sardegna. La pesca subacquea viene vietata tutto l’anno, non sarà quindi più possibile per nessuno praticarla all’interno del perimetro della riserva, almeno fino a quando non sarà realizzato un accordo con il Comune, sulla base di uno studio scientifico che ne accerti l’impatto e la regolamenti. Nuovi divieti anche per i pescatori di superficie ai quali sarà consentito pescare con la tecnica del bolentino o della traina soltanto a partire dalla batimatrica dei 60 metri.

Indubbiamente un grande passo indietro, in Italia non accenna a tramontare il concetto secondo cui la tutela e la salvaguardia dell’ambiente passino solo per la totale sottrazione alla fruizione umana. Poco importa che il grande parco corso di Bonifacio, distante appena qualche decina di miglia dall’arcipelago maddalenino, sia la prova lampante di come la regolamentazione, anche della pesca in apnea, e non il cieco e ottuso divieto pregiudiziale, permetta di coniugare la salvaguardia del mare con il turismo naturalistico, che poi è la linfa vitale che permette ad una riserva di continuare ad esistere. I livelli di biomassa rilevati nelle due realtà parlano chiaro e dimostrano, ancora una volta e in maniera impietosa, come il modello protezionistico italiano, al netto di qualche incontestabile quanto rara eccellenza, sia protettivo decisamente più per le tasche di presidenti e consiglieri di questi carrozzoni ministeriali che non per flora e fauna.

Giro di Vite nel Parco dell’Arcipelago de La Maddalena scritto da Redazione Apnea Magazine media voto 3.7/5 - 19 voti utenti

Tags: , , ,

Category: News, News Pesca in Apnea

Leave a Reply