> I Fanghi Di Pecoraro - Page 3 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

I Fanghi Di Pecoraro


Recommended Posts

  • Replies 41
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

beh, indubbiamente il problema sedimenti esiste.

Probabilmente è meglio lasciarli dove sono.

Volendo rimuoverli difficilmente potrebbero essere trasferiti in discariche ($$$$$). Anche il trattamento e poi il successivo collocamento in casse di colmata sarebbe piuttosto oneroso.

Vedremo.

L'unica cosa su cui si può star certi è che la questione verrà affrontata all'italiana (ovvero in modo assurdo).

ciao

forse non ti è chiaro il problema sedimenti e il fiume di denaro che gira intorno a questo argomento.....

è una questione di interesse MONDIALE, i porti di maggior traffico commerciale ogni tot anni hanno bisogno di una dragatura altrimenti le navi, sempre più grandi, rischiano di arenarsi....capisci bene che un porto non può andare KO per un pò di "fango"...

questo non è solo riguardo a porti commerciali ma anche approdi turistici, esempio la stazione marittima di Venezia, a ogni nave che arriva e fà manovra c'è un fango da P A U R A, capisci che togliere quella melma interessa a tutti....tutti hanno interesse che possano sbarcare 4-5000 turisti a nave... $$$ :siiiii:

il problema è mondiale....avevo letto un articolo tempo addietro che un sicuro business per il futuro è l'attività di dragaggio $$$ e logicamente la politica, destra o sinistra che sia, dove c'è un bel giro di quattrini si interessa sempre ed ha incredibilmente a cuore l' ambiente....<_>

 

:bye:

 

una domanda a chi è del settore....ma fino ad oggi dove è stato nascosto tutto il materiale??....è stato bonificato :laughing::laughing: ...o.... :saddam:

 

ciao ziguela, il problema lo conosco abbastanza bene, visto che tra siti contaminati - bonifiche - e ultimamente sedimenti ci ho a che fare per lavoro da ormai parecchi anni. Come dicevo il problema è complesso e non di facile soluzione. Mi correggo: è meglio lasciarli dove sono, ove possibile e non cercare di bonificare il mare facendo più casino che altro.

Attenendosi a quanto è riportato nel decreto in oggetto il campo di applicazione sarebbero i siti di interesse nazionale (es rada di Augusta, di fronte agli stabilimenti industriali) e non i porti turistici in cui arriverebbero migliaia di turisti. Che poi la cosa si estenda ad altri ambiti, questo non te lo so dire. Comunque è caduto il governo quindi è tutto rimandato.

Per quanto riguarda la tua domanda (dove sono stati messi fino ad oggi?) ci sono varie alternative previste dalla legge (legge 296/2006 - finanziaria 2007) tra cui compaiono anche lo scarico in mare aperto e il ripascimento (per quelli non contaminati), le casse di colmata per quelli un po zozzi e la discarica per quelli pestilenziali.

Prima non ti so dire (sicuramente la gestione era ancora più selvaggia), ma mi viene in mente lo stoccaggio dei fanghi di dragaggio di uno stagno in un grande cumulo, vicino allo stagno stesso.

Sicuramente quelli finiti in discarica rappresentano una percentuale infinitesima.

 

Penso che Pecoraro il decreto non l'abbia neanche letto. I promotori di questo decreto sono altri, ben saldi con le chiappe sulle proprie poltrone sia con prodi, sia con berlusca.

ciao

paolo

ecco come ci arriva il mercurio nella carne dei tonni...raschi la :cacca: di un porto, un centro industriale ecc. e poi la butti in mezzo al mare e il problema puff non c'è più... :thumbup::frustry:

 

....grazie zenigata, per il primo intervento non O.T. di tutta la discussione :devil:

 

Come giustamente dice Zenigata, solo quelli "puliti" possono essere reimmessi in mare e le analisi chimiche vengono fatte in contraddittorio con le ARPA. Quindi i fanghi inquinati in mare non ci tornano... a meno che non si voglia mettere in dubbio un'organo (tecnico) istituzionale quali sono le ARPA regionali. Nel caso di dragaggi all'interno di Siti d'Interesse Nazionale il tutto deve passare in Conferenza di Servizi Ministeriale, con presenza di comune, provincia, ARPA, ICRAM ecc...

 

Anch'io sono molto critico con il modo in cui si fanno in Itali le leggi ambientali, ma i dragaggi nei porti sono necessari per questioni di sicurezza della navigazione e una sabbia di fondale pulita non vedo perché non dovrebbe poter essere reimmessa in mare (ovviamente anche il punto di reimmissione deve essere studiato).

 

Elevare i limiti di concentrazione per i fanghi che possono essere immessi nelle vasche di colmata non mi rallegra certamente, atteso che sono strutture in diretto contatto con il mare e che una loro cattiva costruzione può comportare lo sversamento in mare di sostanze inquinanti. Però bisogna ricordarsi anche che anche la tecnologia avanza e che le caratteristiche costruttive delle vasche di colmata possono essere molto migliorate.

 

Lungi da me difendere il Pecoraro o chi c'era prima di lui (che non mi sembra abbia poi fatto molto meglio), non ci penso nemmeno lontanamente; sono oltreché pescatore subacqueo anche cacciatore, ma certi problemi, quali i fanghi di dragaggio, devono essere comunque affrontati e le discariche ormai sono un problema a livello nazionale, perché sottraggono territorio e causano tanti altri tipi di problemi.

 

Questo è il mio personale parere, condivisibile o meno, ma può essere un punto di vista diverso per altre riflessioni.

 

:clover:

 

Ciao :bye::bye:

Link to post
Share on other sites

Condivisibile o meno il tuo modo di porti è senza ombra di dubbio migliore del "tifo da stadio" schierato e qualunquista che purtroppo negli ultimi tempi dilaga senza controllo in più discussioni...d'altronde col parlamento che ci troviamo:

ci mancano solo lo spumante, insulti pesanti e una bella silaccata in un occhio.

L'unico problema è farlo attraverso un pc..

Edited by jacklosquartagronghi
Link to post
Share on other sites
Anch'io sono molto critico con il modo in cui si fanno in Itali le leggi ambientali, ma i dragaggi nei porti sono necessari per questioni di sicurezza della navigazione e una sabbia di fondale pulita non vedo perché non dovrebbe poter essere reimmessa in mare (ovviamente anche il punto di reimmissione deve essere studiato).

Scusa un momento, ma se questa sabbia è pulita, non vedo il problema...la discussione non ha senso,....la realtà è che nei porti industriali NON è pulita...va a chiedere a Marghera, a San Giuliano, a Tessera e a tutti i fondali innanzi a tali luoghi.

Siamo daccordo, una soluzione va trovata, ma se questa è buttarli a mare come in qualche discarica autorizzata, senza trattamenti, il dubbio che sorge è che si sta facendo un favore a qualche grosso inquinatore che non vuole spendere per la bonifica corretta. E col benestare di chi dovrebbe controllare, anzi....facendo una legge ad hoc. Fare dei "cestini" con la supertecnologia in nostro possesso e poi fra 30 anni scoprire che......così le rogne se le becca qualcun altro!!!! Ma possibile che si debba pure discutere su una cosa che dovrebbe essere considerata sacrosanta....la nostra salute.

Link to post
Share on other sites

:devil: For Mr? Tozzi & Co.

 

vegetariansareevil.com

 

Q: How many vegans does it take to change a lightbulb?

A: Two, one to change it and one to check for animal ingredients.

 

Q: How many vegans does it take to change a lightbulb?

A: None, vegans can't change anything.

 

Q: What do you call a vegetarian who goes back to eating meat?

A: Someone who lost their veg-inity!

 

If vegetarians eat vegetables, what do humanitarians eat?

 

:devil::devil:

Link to post
Share on other sites
Anch'io sono molto critico con il modo in cui si fanno in Itali le leggi ambientali, ma i dragaggi nei porti sono necessari per questioni di sicurezza della navigazione e una sabbia di fondale pulita non vedo perché non dovrebbe poter essere reimmessa in mare (ovviamente anche il punto di reimmissione deve essere studiato).

Scusa un momento, ma se questa sabbia è pulita, non vedo il problema...la discussione non ha senso,....la realtà è che nei porti industriali NON è pulita...va a chiedere a Marghera, a San Giuliano, a Tessera e a tutti i fondali innanzi a tali luoghi.

Siamo daccordo, una soluzione va trovata, ma se questa è buttarli a mare come in qualche discarica autorizzata, senza trattamenti, il dubbio che sorge è che si sta facendo un favore a qualche grosso inquinatore che non vuole spendere per la bonifica corretta. E col benestare di chi dovrebbe controllare, anzi....facendo una legge ad hoc. Fare dei "cestini" con la supertecnologia in nostro possesso e poi fra 30 anni scoprire che......così le rogne se le becca qualcun altro!!!! Ma possibile che si debba pure discutere su una cosa che dovrebbe essere considerata sacrosanta....la nostra salute.

 

Forse mi son sipegato male e me ne dispiace, volevo solo chiarire che i fanghi che possono essere sversati a mare sono quelli puliti. Non tutti i porti d'Italia sono inquinati (fortuantamente) e lì i dragaggi devono comunque farli per evitare l'insabbiamento dei fondali con diminuzione dei pescaggi ecc...

 

Il dubbio che ti sorge sul favore a qualche "inquinatore" è lecito, ma sappi che la competenza sugli interventi in aree portuali è delle Autorità Portuali che sono Enti pubblici che incaricano, attraverso gare di appalto (pubbliche), soggetti privati per l'esecuzione dei dragaggi (sia che si tratti di fondali inquinati e, quindi, di vere e proprie bonifiche, sia che si tratti di fondali puliti).

 

Quindi, paradossalmente, se si consentisse di sversare fanghi inquinati a mare piuttosto che in impianti autorizzati (discariche o vasche di colamta) sarebbe lo Stato a guadagnarci in termini economici.

 

Per quanto riguarda i "cestini", non è che ci sia molta differenza dalle discariche (Italiane o estere), che sono, ad oggi, l'unica alternativa, considerando che mentre le discariche tolgono spazi, le casse di colmata creano nuove aree in ambito portuale.

Non voglio far polemica, ma se hai soluzioni diverse tipo "bonifica corretta" o "trattamenti" fattibili dal punto di vista tecnico-economico, attraverso i quali sia possibile reimpiegare tali materiali (considerando anche le quantità in gioco), ti assicuro che puoi farci un sacco di soldi.

 

Nessuno poi sta discutendo della nostra salute, a quella ti posso assicurare che ci tengo almeno quanto te, pensavo di poter fornire alcuni spunti di riflessione; anch'io non sono d'accordo in linea di principio sull'innalzamento dei limiti per gli inquinanti nei fanghi conferibili in vasche di colmata, ma per poter esprimere un giudizio su una legge la voglio almeno leggere (e con la caduta del governo, forse questa non la vediamo neppure, quindi stiamo discutendo sul nulla).

 

Ciao e scusa per il ritardo con il quale ti ho risposto. :clover:

 

:bye:

Link to post
Share on other sites
Pecoraro sei un pagliaccio!!! Semplicemente un pagliaccio, tu e tutta la tua coalizione che per fortuna ha finito di fare danni...pensa alla monezza di napoli e lascia stare il nostro caro mare....

 

 

Penso che non lo legga qui...Perchè non gli mandi il messaggio al suo indirizzo email?! :fish: E poi basta con ste cacchiate delle coalizioni e di idee politiche che ogni volta fanno degenerare le discussioni...Ha fatto danni e su questo siamo d'accordo,ma perchè andare a parare sempre su idee e schieramenti politici?!Non ce ne frega niente...Vediamo (invece di parlare ed esultare come si sta facendo)come andrà a finire...

Si può fare di meglio naturalmente (e si deve) ma non ci vuol niente a fare di peggio...Il passo per il divieto non dico totale ma quasi, è piccolo....Meditiamo o discutiamo di cose serie invece di esultare....

Link to post
Share on other sites
Penso che non lo legga qui...Perchè non gli mandi il messaggio al suo indirizzo email?! :fish:  E poi basta con ste cacchiate delle coalizioni e di idee politiche che ogni volta fanno degenerare le discussioni...Ha fatto danni e su questo siamo d'accordo,ma perchè andare a parare sempre su idee e schieramenti politici?!Non ce ne frega niente...Vediamo (invece di parlare ed esultare come si sta facendo)come andrà a finire...

Si può fare di meglio naturalmente (e si deve) ma non ci vuol niente a fare di peggio...Il passo per il divieto non dico totale ma quasi, è piccolo....Meditiamo o discutiamo di cose serie invece di esultare....

 

:clapping::clapping::clapping:

anche nperchè ilk passo tra il divieto e in non poter entrare proprio in acqua è piccolo,ma se continuaimo così chi ha più il coraggio di entrare in stà merda che continuano a propinarci come mare?

che altrove o è amp o spiaggia o non possiamo entrare se non vogliamo farci falciare dalle eliche!!!

Link to post
Share on other sites

Quì non è questione di diatriba politica, anche perchè la Politica con la P maiuscola, quella veramente seria è da tempo che non si fa in Italia.Probabilmente i cittadini subiranno per l'ennesima volta l'incapacità decisionale di certa gente che si trova al potere grazie a noi.Una volta un tale mi disse: "Ogni popolo ha il governo che si merita"......mai parole sono state più profetiche.Comunque ricordiamoci sempre che nell'immaginario collettivo fa più danno un pescasub che i fanghi tossici. Che tristezza.

Link to post
Share on other sites

vorrei poter scrivere ciò che penso liberamente di questo signore/a, ma pubblicamente non posso farlo, per il momento è sufficiente che ce ne siamo liberati di lui e di tutti gli altri, un incopetente il mare è una grande ed enorme risorsa del nostro paese che va difesa e SAPUTA utilizzare se finalmente qualcuno dei nostri CAPOCCIONI riuscirà a comprenderlo metà dei problemi di questo paese potrebbero essere risolti, ma la strada per il momento è lunga

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...