> GiTi - AM FORUMS Jump to content

GiTi

Members
  • Content Count

    692
  • Joined

  • Last visited

About GiTi

  • Rank
    Member
  • Birthday 09/12/1970

Previous Fields

  • Disciplina praticata in prevalenza
    Apnea
  • Tesserato FIPSAS?

Contact Methods

  • Website URL
    http://
  • ICQ
    0

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    livorno
  1. ciao Efisio esatto è Titanio grado 5 (TI-6AI-4V) è di circa Il 45 % più leggero dell'acciaio, 60 % più pesante dell'alluminio. Ha una resistenza allo snervamento di 120,000 psi e una densità di 282 lb / ft3. In confronto, l'acciaio ASTM A36 ha una resistenza allo snervamento di 36,000 psi e una densità di 487 lb / ft3, mentre l'alluminio 6061 -T6 ha una resistenza allo snervamento di 39,900 psi e densità 169 kg / ft3. Una barra di titanio 22X300 la trovi a una quarantina di euro. GT
  2. E scusa per la c....ta , ho fatto (male) due discorsi in uno, a parità di peso e' più resistente dell'acciaio e invece per avere la stessa resistenza di allumino ce ne vuole di più. il titanio ha rapporto resistenza/peso migliore insomma. bello il sito http://www.ing.unitn.it/~colombo/telai/panoramica_materiali.htm
  3. no no sono tutte soluzioni fattibili, con il sitema più semplice come ho descritto nell'invenzione, il caricamento è semplice e sicuro, tutte le possibili varianti come tu descrivi sono comunque applicabili, ma non brevettabili, in quanto già esistenti, se avrà successo la soluzione migliore è quella che è più facile da industializzare e con meno costi.
  4. superbliz lo avevo quand'ero ragazzo:) si confermo quanto tu dici però il cernia era a molla ed il superblitz aveva una cremagliera piccola quindi soggetta ad usura, per dipiù in metallo a dispetto quindi del risparmio di peso
  5. Le soluzioni ho avuto in mente sono: sia perno cavo con inserimento dell'asse di spinta, sia assi ripiegabili con un giunto snodabile lungo il fusto, una volta caricato Per i miei prototipi ho usato anche un asse in titanio: più leggero dell'alluminio e più resistente dell'acciaio, l'ho usato per non appesantire troppo la testa e sbilanciare il fucile. Il brevetto si basa sul concetto roller, il numero degli elastici su uno o più assi e variabile in funzione della potenza di tiro che vuoi avere. Per adesso ho caricato fino a circa un centinaio di chili ma ci sono ancora buoni margini, purtrop
  6. scusa la franchezza ma ti sei fermato alle figure? in un brevetto lo scopo delle figure è quello di coadiuvare la spiegare dell'invenzione descritta nel testo, designando una forma generica dell'oggetto non una specifica (anzi proprio il contrario!!). Per una miglior comprensione del testo più semplice è la figura e meglio è. Qua sotto due immagini di brevetti Boeing e Airbus, secondo te costruiranno gli aerei così come sono disegnati? Comunque grazie dell'osservazione molto costruttiva .
  7. Ciao a tutti dopo una lunga gestazione finalmente è visibile sul sito European Patent Office la mia invenzione di un Arbalete con sistema di caricamento innovativo e semplificato, l'obbiettivo è di poter caricare il fucile in maniera più semplice e sicura, avvantaggiando inoltre la potenza di tiro e la sicurezza del pescasub. In teoria potremmo avere degli arbaroller di lunghezza 1,5/ 2 metri ed oltre, mono o più elastici. Spero che vi piaccia. eccolo qua: https://worldwide.espacenet.com/publicationDetails/biblio?DB=EPODOC&II=0&ND=3&adjacent=true&locale=en_EP&FT=D&d
  8. Pur essendo una pratica che rispetto e condivido, non posso pensare che la mia vita sia esclusivamente affidata nelle mani di un altro. Peccato non poter provvedere altrimenti. grazie
  9. quindi se io volessi costruirmi una sveglia che suonasse quando sono in sincope per risvegliarmi, non saprei a che ora rimetterla e quando farla suonare. Non potrei rimetterla sulla pressione arteriosa (non so misurarla in profondità), non posso rimetterla sui battiti cardiaci (29 bpm 30 bpm 10 bmp?), potrei rimetterla sulla deglutizione (ma non so discernere tra forzata e volontaria) oppure dalle contrazioni diaframmatiche ma rischierei che la sveglia suonasse troppo presto, in quanto le contrazioni compaiono ben prima dello svenimento. E' corretto Prof?
  10. Salve Professore, esiste un effetto che possa essere rilevato strumentalmente che indichi che siamo in sincope? Mi spiego meglio, se misuro solo il battito cardicaco, esso può scendere sia per una bradicardia dell'atleta sia per una manovra di rilassamento, non per questo si è in sincope, quindi da solo non è un inidcatore affidabile. La sua misurazione si basa su :"cardiofrequenzimetro in grado di resistere sino a pressioni di ..." , ma misurare correttamente la pressione arteriosa la vedo più difficile. La variazione della pressione arteriosa a varie profondità varierà anche per la pressi
  11. Il circolare è da 17 lungo circa un metro .. grazie dei consigli ciao G.
  12. Gabriele, quei numeri rappresentano il fit lineare della curva di carico di un elastomero di riferimento nel range di allungamenti di comune utilizzo. Per calcolare la forza, devi usare l'area a riposo. La domanda che poni è corretta, ma presuppone una spiegazione dettagliata che non ha senso fare qui. Se studi o hai studiato materie scientifiche, basta che fai una ricerca per "engineering stress vs true stress". Il mio sito non è più aggiornato perché non ho più molto tempo, mi spiace... anche se a breve ci sarà qualche piccola novità. Mario, ho fatto un po' di scienza delle costruzion
  13. Grazie Fabio, e concordo pienamente, ma tra la mia idea e un doppio o triplo circolare a livello di sforzo sul dispositivo di sgancio non c'e' tanta differenza. Non penso di aver bisogno di un meccanismo speciale. Se (e dico se) i miei calcoli sono giusti, ho un fattore 3 di sicurezza. Il vantaggio che voglio ottenere e' avere una buona potenza senza doversi sbattere nel caricare 3 circolari alla volta. ciao
  14. Grazie per la risposta, sarò prudente ma non penso che tra la mia idea e un doppio e triplo elastico cambi qualcosa per la sicurezza. Una volta in equlibrio a parità di forze in gioco la pericolosità c'è comunque. Ritengo che per quanto riguarda i punti critici da tenere in considerazione, questi saranno sicuramente: lo sgancio, la testata e le pulegge in testata, più quella di rinvio. Il fusto sarà da tenere in cnsiderazione per la flessione nella zona centrale, altro non mi viene in mente. Ho guardato il tuo sito, fin'ora non avevao trovato niente sulla fisica dell'arbalete, e lo giudico int
  15. Sto lavorando da un po' di tempo al mio primo roller con un metodo di carico TOP SECRET .. e sto calcolando il limite massimo del carico sul dispositivo di sgancio (sigalsub reverse).Una persona competentissima della sigalsub me lo ha dato per 180 kg (anche di più, ma con indurimento del grilletto) e quindi voglio provare a stressare al massimo il roller e lo sgancio.MI sono messo a fare un po' di conti, vorrei un vostro parere a riguardo nel file in:https://drive.google.com/folderview?id=0B8OSG-Up3y0Qdm5sV00xbHlkUEE&usp=sharing . il mio dubbio è sul calcolo della forza, se va calcolata s
×
×
  • Create New...