Home » News » News Apnea » Davide Carrera, Nuovo Record Nazionale AIDA in Assetto Costante (CWT)

Davide Carrera, Nuovo Record Nazionale AIDA in Assetto Costante (CWT)


Davide Carrera si è allenato a lungo questo inverno ed è partito con la determinazione di fare bene alla Caribbean Cup 2016, appuntamento apneistico di caratura internazionale targato AIDA, e in cui Davide è anche l’unico atleta italiano. Nonostante l’ottimismo della vigilia e la consapevolezza di aver già raggiunto e superato di alcune lunghezze i -105 metri del record stabilito da Homar Leuci durante il recente Vertical Blue 2016, il nuovo primato si è fatto attendere ma alla fine è arrivato.

davidecarreraGià il primo giorno di gara (giovedì 26 maggio) Davide aveva dichiarato il tentativo di primato nazionale. Purtroppo, un po’ per la tensione della gara dopo un lungo digiuno e un po’ per scarsa concentrazione, non è riuscito a completare il protocollo in superficie, invalidando così la prova. La tensione è stata indubbiamente un denominatore comune visto che nessuno degli altri 4 tentativi di record sono poi andati in porto quel giorno. Ma è il venerdì (27 maggio) il giorno in cui tutto fila per il verso giusto e Carrera può finalmente riappropriarsi del primato nazionale AIDA di immersione in assetto costante (CWT) raggiungendo in scioltezza i -106 metri di profondità con un tuffo durato 3 minuti e 15 secondi.

Oggi (sabato 28) poteva essere doppietta visto che il profondista piemontese si era riproposto di ritoccare ulteriormente la misura, portandola a quota -107 metri, ma la sfortuna purtroppo ci ha messo lo zampino. A Davide è sfuggito di mano il primo cartellino, è stato quindi costretto a strapparne un secondo, perdendo del tempo prezioso e forse un pizzico di tranquillità. Il tuffo si è concluso con un black-out da cui si è ripreso immediatamente dopo la riemersione.

Domani (domenica 29) sarà la giornata di riposo, le gare riprenderanno lunedì con le altre specialità dell’apnea profonda.

Tags: , ,

Category: News, News Apnea

Leave a Reply