Home » Altre discipline » Apnea » Sony Freediver Open – Aggiornamento 29 maggio

Sony Freediver Open – Aggiornamento 29 maggio


LIMASSOL CIPRO – GIOVEDI’ 29 MAGGIO ORE 10:00

stephanekTutti si sono alzati presto questa mattina per cominciare prima il grande giorno. Martin e Herbert si accingevano a tentare un nuovo record del mondo di assetto costante con un tuffo a 93 metri. Fuori appariva tutto un po’ cupo, e quando i presenti hanno raggiunto il pontone per salire sulla barca il vento cominciava a soffiare dalla parte sbagliata.

Tutti sono saliti a bordo della chiatta e Martin e Herbert hanno iniziato la preparazione. Herbert era il primo sul cavo A, e dopo aver completato la preparazione si è immerso nel mare increspato. Qualche minuto dopo è riemerso per andare in sincope con del sangue nella maschera. Ho parlato con lui più tardi: sembra che abbia avuto problemi di compensazione in fase di discesa e che abbia forato il timpano dell’orecchio destro. Questo gli ha causato dolore e disorientamento in risalita; la respirazione in superficie inoltre è stata complicata dal mare mosso, e tutti questi fattori hanno contribuito alla sincope.
Mentre accadeva tutto questo, Martin era già sul cavo B impegnato nella preparazione. All’apparenza ignaro di quanto stava accadendo a pochi metri di distanza, si è immerso. Quando è riemerso abbiamo potuto vedere che aveva il cartellino, ma Martin si è preso il tempo necessario per respirare con attenzione di fronte a Kirk Krack. Quando si è girato verso i giudici era chiaramente lucido e a quel punto mancava solo la decisione dei giudici. Dopo aver visto i quattro cartellini bianchi, Martin ha esultato con il suo team. Sono stati momenti molto brevi, in quanto gli altri concorrenti si stavano già portando in posizione per cominciare la preparazione.
Stiamo aspettando per i dettagli ufficiali del tuffo, ma possiamo dirvi che c’è un nuovo recordman di assetto costante: Martin Stephanek con 93 metri!

Stephan Whelan

logocoverage

Tags:

Category: Altre discipline, Apnea

Leave a Reply