> La grande sòla verde - Page 5 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

La grande sòla verde


Recommended Posts

... :laughing: ..insomma il mare potrebbe soffrire di "renella canina" :laughing: ..tutto può essere, per carità, però mi fà ridere lo stesso :laughing:

Resta il fatto innegabile che tra gli 0°C del fondale e i 30°C del "rene di cane" di cui sopra ci sono sempre 30°C di troppo. Mica pochi...

Giusto giusto la temperatura del piscio, all'incirca. :rolleyes:

Link to post
Share on other sites
  • Replies 172
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

Per quanto possa far sorridere, la storia dei calcoli renali nei dalmata confermano il fatto che la dolomite si forma anche a temperature ben più basse di 100°C.

Riguardo alla temperatura del mare, nelle ere geologiche in cui si è formata la dolomite la temperatura del mare si aggirava sui 40°C. Ed i batteri abbondavano, anche e soprattutto nel mare. Nulla di strano quindi. Nessun "gomblotto", almeno per le Dolomiti (e non mi risulta che qui nessuno abbia espressamente affermato la loro origine abiotica).

Link to post
Share on other sites

Tramontata l'alternativa dolomitica per mancanza di dolomiti moderne io intanto mi sono guardato wikipedia per ripassare il fenomeno dell' "upwelling" (sarebbero "le bollicine" di Mauro :wub:) e ho trovato questo bel diagramma che porta ad esempio di upwelling proprio le acque di Sumatra

Guarda caso proprio corrispondente al 100% con l' hot-spot "Timor" non indagato dalle navi oceanografiche del WOCE e portato ad esempio di fenomeno globale.

 

Sstanom_199711_krig.jpg

 

A me risulta evidente che non si è cercata la CO2 oceanica proprio dove la CO2 di origine tettonica marina ha la più alta probabilità di confluire in atmosfera in tempi brevi dopo l'eruzione dal fondo.

C'è la remota possibile che altre navi oceanografiche "imbottigliatrici" abbiano fatto crociere in contemporanea ma ho difficoltà ad accedere ai raw data per cui occorrerà un certo tempo.

Link to post
Share on other sites

Riguardo alla possibile formazione biologica delle dolomie e il necessario carbonato di calcio, ho trovato questo documento interessante da cui sembra che non basterebbe disporre sia del "batterio della renella del cane" e sia di una temperatura superiore ai 30° ma servirebbe anche una pressione esterna inferiore alle 450 atmosfere (-4500 mt) per poter innescare la dolomitzzazione dei carbonati.

Alla profondità di 4500-5000 m la percentuale di car­bonati nel sedimento si riduce drasticamente fi­no ad annullarsi. Infatti il carbonato di calcio, che compone i gusci degli organismi, a quella profondità si scioglie poiché diventa più solubile.


Significa che alla profondità delle fumarole più profonde tutte le famiglie animali dotate di scheltro o esosscheletro calcareo o non possono sopravvivere o hanno sostituito il carbonato di calcio con strutture di chitina che è un polisaccaride. Vedi i vermoni delle fumarole, per citare una specie famosa

Quindi non cercate le dolomiti alle profondità maggior perchè non ci sono così come non ci sono cozze e patelle.

Edited by OLOTURIA
Link to post
Share on other sites

Incredibilmente dal 1999 al 2016 (17 anni!) nessuna nave idrografica ha mai più solcate le acque del Mar di Timor!

L'ultima crociera oceanografica nell' Oceano Indiano l'ha fatta la mitica nave oceanografica RV ( Research Vessel ) Knorr salpata il 22 gennaio del 1996 e ha compiuto 161 stazionamenti di prelievo CO2 mediante bottiglia pressurizzata .

La nave è stata messa fuori servizio e ceduta alla Marina Messicana il 14 maggio 2016.

Il responsabile dei prelievi della CO2 era il Ph.D. James.L. Bullister chimico presso l'Università di Washington

 

320px-RV_Knorr-port_side_%282012_Woods_H

 

Questo è il documento, la pistola fumante.

Non si può dare colpe ai ricercatori se nessuno ha messo in cantiere le necessarie crociere idrografiche in perfetta correspondenza con i mari che coprono la zona sismica più attiva al mondo. C'è stata una volontà politica di far finta che il mare posto tra Asia, e Australia ma in generale tutto l' Oceano Indiano fossero aree marine da non più indagare. :nono:

Questa mancanza ha inevitabilmente generato la successiva grande manomissione mediante dati inesistenti portata al COP21.

GLODAP Bottiglia dati ODV * Collection
GLODAP versione 1.1 i dati da bottiglia in formato visualizzazione dei dati oceanici

RIFERIMENTO: R.M.Key, A. Kozyr, C.I. Sabine, K. Lee, R. Wanninkhof, J.L. Bullister, R.A. Feely, F.J. Millero, C. Mordy, e T.-H. Peng, A Global Ocean Carbon Climatologia: I risultati di GLODAP, cicli biogeochimici globali, in corso di stampa, 2004.
la costruzione del set di dati

Il set di dati GLODAP si compone di 9618 stazionamenti idrografiche raccolti su 95 crociere durante l'era WOCE tra il 1985 e il 1999, e 2393 stazioni storiche idrografici da 21 crociere occupato tra il 1972 e il 1990. Il fatto che ci sia una sovrapposizione di tempo è sufficiente per indicare che la divisione tra i due era un po 'arbitrario. In questo lavoro si usa la frase WOCE stazioni / crociere / dati per riferirsi a stazioni occupate come parte di una WOCE, JGOFS o OACES lavoro sul campo o crociere po 'più grandi ufficialmente designati come sezioni WOCE (ad esempio il tanto Linee crociere P01, P03 e P04 occupata alla fine del 1980). Storico stazioni / crociere si riferisce a tutti gli altri dati. Non ci sono dati più vecchi di GEOSECS sono incluse a causa di difficoltà di ottenere i dati e gli standard di qualità generalmente più bassi che esistevano.

I dati sono stati scelti per fornire una copertura globale di alta qualità. La maggior parte degli insiemi di dati sono stati ricevuti dai centri dati associati ai singoli programmi di ricerca. Ulteriori dati sono stati ricevuti direttamente dai principali scienziati e singoli ricercatori. la priorità è stata data significativa per le crociere che comprendeva i parametri di carbonio di interesse diretto a GLODAP obiettivi, tuttavia un numero limitato di crociere senza carbonio sono stati inclusi per fornire più completa idrografico, nutrienti e la copertura di ossigeno. Le prime indagini implica che i GLODAP idrografia, nutrienti e ossigeno sono sufficientemente dense di fornire una ragionevole approssimazione di molto più grandi compilazioni (media annuale), come previsto dalla Conkright et al. (2002). Dettagli della costruzione di base di dati sono importanti per alcune applicazioni e interpretazioni. Per sua natura di queste informazioni è noioso ed è, pertanto, inclusa nell'appendice 3 a pagina 38. Ecco solo il contorno più breve è dato.

Nuovi dati sono stati convertiti in un formato comune e le bandiere di controllo di qualità esistenti (Joyce, et al.1994) sono stati controllati. Quando manca, QC bandiere sono state assegnate le convenzioni usingWOCE (Joyce, et al.1994). I parametri di routine calcolati che esistevano nei file sono stati scartati. le unità dei parametri sono state convertite toWOCE convenzione, come richiesto. Una volta che la decisione è stata presa su cui crociere dovevano essere inclusi in una compilation oceano, sono state eseguite le seguenti operazioni utilizzando una serie di procedure semi-automatiche per computer:

I dati di ogni crociera sono stati ridotti a una lista di parametri definiti e colonna in ordine poi sono stati applicati fattori di calibrazione e / o regolazioni (vedere "Calibrazione" a pagina 42.). Le singole crociere sono state fuse in un unico file regolando i numeri delle stazioni originali in modo multato prede che garantiva l'unicità ancora permesso il numero originale di essere facilmente recuperato. La tabella dei parametri è elencata nell'appendice 1 a pagina 21 e le tabelle regolazioni sono nell'appendice 4 a pagina 45.

...omissis...

Sottoinsiemi di dati sono stati trasferiti a vari membri del gruppo responsabili per le stime di CO2 di origine antropica in ogni oceano (C. Sabine e K. Lee). Una volta finalizzato queste stime sono stati trasferiti a Princeton e fuse in file di dati master.

.. eadesso sappiamo pure che tutti i dati-sola per l'area presentati al COP21 sono stati generati a Princeton. E' qui la fabbrica della CO2 antropica sòla.

Edited by OLOTURIA
Link to post
Share on other sites

Bollicine, è incredibile come tu stia copia incollando una serie di cose a caso senza capirci nulla.

Ma come fai a non arrivarci che la roccia sotto sente il suo peso che la sovrasta e la pressione è elevatissima, e che più scendi nel sotto suolo la temperatura sale?

Queste sono banalità.

E tu vorresti andare dal picozza che e' un geologo a raccontargliela?

Non so, sicuramente funziona come provocazione, ma oltre non si va.

Link to post
Share on other sites

Come tuo costume non hai aperto neppure un mio link sennò ti saresti accorto che il filmatino you-tube delle fumarole io l'ho già postato da un pezzo. :laughing:

Ti lascio il compitino a casa di scoprire dove :frustry:

E questo dà la misura del valore della tua opposizione cioè una stronzata :cacca:

Non hai argomenti e mi scagazzi la minkia ottenendo l'effetto contrario a quello che ti sei proposto.

Oltre 1000 visualizzazioni del 3d che era quello che volevo ottenere però oramai sono certo che la gente viene a leggere più le cagate tue che le tesi mie.

Fai ridere :ghigliottina:

Edited by OLOTURIA
Link to post
Share on other sites

Comunque ho trovato un'altra discrepanza. Se l'attività del WOCE è stata sospesa nel 1999 mentre l'ultima crociera del RV Knorr e di 2 anni precedente, allora chi altro ha crocierato a Timor?.

E così ho scoperto che c'è stata un'altra crociera ma diretta del NOAA con la nuova nave NOAAS Ronald H.Brown proprio nel 1999 e in quello stesso stretto di mare. Dopo di che il nulla.

Era accaduto proprio in quegli anni il passaggio dell'incarico direttamente alla nuova flotta NOOA. La vecchia Knorr non ne poteva più ormai.

Così ho trovato tutti raw-data cioè i dati degli strumenti e il resoconto finale della spedizione JASMINE di cui allego il rapporto finale per brevità.

Non ci sono dati specifici riguardanti la CO2 raccolta in bottiglia ma ho trovato solo dati grezzi riguardanti la conducibilità elettrica da cui si ricava il pH cioè l'acidità di cui la CO2 è concausa parziale.

JASMINE non era una campagna specifica per il prelievo della CO2 e da allora non ho trovato cenno ad alcun' altra crociera per la ricerca della "CO2 profonda" nelle acque che riguardano l' hot-spot CO2 di Timor. Quella CO2 di origine tettonica non è mai stata contabilizzata dopo il 1997.

Link to post
Share on other sites

Vabbè

 

facciamo che è tutto vero

 

ma non ho capito quali sono i contro della "economia verde" rispetto a quella basata sul petrolio: non servirà per ridurre la CO2 sensibilmente, ma di certo non la peggiorerà, per tacere di particolari e polveri sottili assortite.

 

Insomma, perchè tanto trolleggio astio? Perchè i politici "green" mentono per assecondare interessi economici? Mentre i Bush, i Trump, i Marchionne e gli emiri vari sono disinteressati paladini della verità che perseguono il bene comune?

Edited by zavorra
Link to post
Share on other sites

Trovato un testo un pò più completo del rapporto Hovland

Non mi sorprende quanto sia difficile nuotare nel mare dei media controcorrente. Però non è impossibile se si è caparbi a sufficienza.

 

 

Risultati sorprendenti da OCO-2 osservatorio della CO2 orbitante della NASA

Di: Jonathan Duhamel 5 gennaio 2015

I risultati di Orbiting Carbon Observatory della NASA mostrano che la concentrazione atmosferica di anidride carbonica è più alta nel sud del mondo (o molto vicino all'equatore) - non nelle aree di tutto ciò che la combustione di combustibili fossili nell'emisfero settentrionale.

 

oco.png

Nel luglio 2014, la NASA ha lanciato un satellite che è dedicato a misurare la concentrazione atmosferica di anidride carbonica dallo spazio. NASA descrive come segue:

"Il Orbiting Carbon Observatory 2 (OCO-2) è il primo satellite per telerilevamento satellitare dedicato della NASA per studiare l'anidride carbonica atmosferica dallo spazio. OCO-2 farà raccolta di misure globali di CO2 atmosferica terrestre con la precisione, la risoluzione e la copertura necessaria per caratterizzare sorgenti e pozzi su scala regionale. OCO-2 sarà anche in grado di quantificare la variabilità di CO2 rispetto all'anno cicli stagionali dopo anno. "

La NASA ha appena rilasciato i dati da quel satellite per il periodo dal 1 ottobre al 11 novembre, 2014. colori più luminosi sulla mappa aree spettacolo con più elevate concentrazioni di anidride carbonica nell'atmosfera. Presumibilmente, tali zone emettono anidride carbonica. La sorpresa è che l'emisfero meridionale è la grande emettitore durante questo periodo di tempo, non l'emisfero settentrionale, dove stiamo bruciando combustibili fossili per generare elettricità, eseguire le nostre automobili e riscaldare le nostre case e le imprese. L'unica eccezione sembra essere la Cina, dove stanno bruciando grandi quantità di carbone.

 

nasa-520x325.png

Allora, cosa rappresenta per tutte quelle emissioni del Sud del mondo? Qui mi limiterò a fare qualche speculazione.

I punti caldi si verificano in Amazzonia e in Africa sub-tropicale. Lì, le emissioni di anidride carbonica potrebbero essere provenienti da vegetazione marcia.

I punti caldi nel Pacifico occidentale (parte destra del grafico sopra) sono interessanti. Martin Hovland, geofisico e professore emerito, Centro per la Geobiologia, Università di Bergen, in Norvegia, suggerisce queste emissioni di anidride carbonica sono dai vulcani e le zone tettonicamente attive sul fondo del mare.

Hovland presenta una versione annotata della mappa di cui sopra:
hovland-520x325.png

Hovland scrive:

"Utilizzando il database Vulcan Smithsonian, si è visto che questi CO2 hotspot si verificano sopra le caratteristiche del fondo marino, che sono sospettati di emettere CO2, CH4 e, occasionalmente, grandi quantità di calore (soprattutto per FH e EH). Qui, si può vedere che il TH si verifica in un acque profonde accrezione subduzione cuneo. Si tratta di una zona di collisione, in cui enormi quantità di sedimenti oceanici si accumulano prima di affondare in e sono inghiottiti sotto le masse isola a nord. In tali impostazioni, è ben noto che infiltrazioni continuo di metano avviene dal fondo marino. Pertanto, è qui ipotizzato che l'ossidazione subacquea e aerea di questo gas metano in eccesso fornisce la CO2 anomalia regionale rilevata da OCO2.

Il fondo marino sotto il FH è anche altamente tectonized (Fig. 3), ma in un modo completamente diverso da quello del TH. A Fiji, ci sono entrambe le piastre si scontrano e le zone di rifting. L'intera regione è molto contorta e ci sono un sacco di infiltrazioni, sia prese d'aria calda e fredda, sfiati metano-dominato. Trasmissione di metano e CO2 nell'atmosfera è probabile anche qui ". (Nota: metano reagisce rapidamente con l'ossigeno per produrre anidride carbonica.)

Queste zone tettonicamente attive contengono molti vulcani sottomarini.

La NASA ha (forse inconsapevolmente) fornito la prova che le emissioni di anidride carbonica naturale sono responsabili della maggior parte del rialzo visto in anidride carbonica atmosferica. Infatti, nel 2001, la Energy Information Administration ha prodotto una tabella che mostra (con un po 'di aritmetica) che le attività antropiche rappresentano solo il 3 per cento del flusso complessivo annuale di biossido di carbonio.
co2-520x325.png

Ora, guardare indietro al primo grafico. Si noti che l'intervallo mappato è 387ppm a 402ppm, una differenza di 15 ppm. In prossimità della superficie variazione giornaliera può essere superiore a 30 ppm, ma la NASA afferma che range di variazione diminuisce con l'altitudine.

Alcune domande: Alla NASA misurano qualcosa di reale?

Qual è la portata effettiva diell' errore strumentale?

C'è contributo umano che rientri in tale intervallo di errore?

 

Vedi se riesci a capire l'errore strumentale da un documento piuttosto denso della NASA postato qui. (E adesso cancellato)

Per darvi un'idea, vi ricordo che un respiro esalato contiene 40,000ppm di anidride carbonica.

Le emissioni di anidride carbonica in realtà non importano.

 

Vedere alcuni calcoli sul mio blog Carbon foot print doesn't matter (l'impronta digitale della CO2 non importa)

Tra l'altro, a novembre, la NASA ha rilasciato un' animazione al computer di concentrazioni di biossido di carbonio globale sulla base di modelli al computer hanno condotto nel 2006. I dati di ingresso erano misure di superficie di emissioni di anidride carbonica da combustione di combustibili fossili e fonti naturali completamente ignorati. Questo modello di computer-based è abbastanza, ma sembra essere contraddetta da misure reali da parte del sistema satellitare. Il video, per qualche ragione, pone le più alte concentrazioni di anidride carbonica nella regione artica. Un altro caso di garbage in, garbage out.

Link to post
Share on other sites

Vabbè

 

facciamo che è tutto vero

 

ma non ho capito quali sono i contro della "economia verde" rispetto a quella basata sul petrolio: non servirà per ridurre la CO2 sensibilmente, ma di certo non la peggiorerà, per tacere di particolari e polveri sottili assortite.

 

Insomma, perchè tanto trolleggio astio? Perchè i politici "green" mentono per assecondare interessi economici? Mentre i Bush, i Trump, i Marchionne e gli emiri vari sono disinteressati paladini della verità che perseguono il bene comune?

Guarda che io non sono per niente contrario alla politica di ridurre le emissioni antropiche, è una politica conveniente ed obbligatoria in ogni caso.

Tutto il resto è ovvio: i verdastri sono inkazzati neri perchè Hovland li ha beccati con il dito ficcato nella marmellata fino al gomito.

C'è una fortissima lobby che spinge verso le soluzioni "verdi" attuali perchè l' industria "non oil" ha estrema urgenza di mettere a profitto le tecnologie esistenti mentre l' industria "oil" (ben più ricca ne convengo) stà investendo cifrte inverosimili nelle tecnologie verdi del futuro e che quindi non saranno disponibili che tra 20 anni.

In questa guerra industriale tra potentati e agglomerati finanziari ed industriali ci sono i Pecorari Scalzi 'de noantri che seguono il loro pifferaio magggico di riferimento come tanti lemmings diretti alla rupe.

Contano una nerkia, lo hanno inteso ma non lo ammetteranno mai e quindi spaccano i marroni come hanno sempre fatto.

Ma la battaglia vera è altrove... perchè se ho ragione allora è una bruttissima notizia e allora preferei avere torto.

Tra qualche anno invece di Riscaldamento Glopale Antropogenico staremo a parlare di Riscaldamento Globale Tettonico e saranno cavoli amarissimi perchè non c'è tecnologia nota che tenga quando avremo a combattere contro tutti i Titani della Terra.

Edited by OLOTURIA
Link to post
Share on other sites

gentile signora Oloturia

ho letto con attenzione, ed anche con una certa noia le Sue argomentazioni.....non mi ha convinto.

E poi oggi, 17 febbraio, ho vangato un po' l'orto; fa un bel calduccio.

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...