> Maschera di silicone - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

Recommended Posts

Sono rientrato dopo un periodo di latitanza ed ho già un quesito da porvi

La donna mi voleva fare da tempo un regalo ed approfittando di una gita fatta a genova, mi ha portato alla corderia nazionale e mi ha comprato una maschera da sub ( alien mimetic brown)

Premetto che le hanno sicuramente tirato un pacco perché l'ha pagata 50 € ed io su internet l'ho vista a molto meno (ma un regalo non si rifiuta mai ) quello che mi ha sorpreso è l'estrema morbidezza che sul momento mi ha piacevolmente colpito, ma che una volta ritornato a casa dai miei è stata fermamente stroncata da mio padre che asserisce essere buona si e no per fare snorkeling in pochi metri d'acqua perché a maggiore profondità risulta troppo morbida per fare tenuta sul viso

Dato che la mia esperienza è quasi uguale a zero, ho lasciato cadere il discorso anche se so che lui a 60 anni difficilmente è a conoscenza delle innovazioni che negli ultimi anni ci sono state in questo campo, ma non mi dispiacerebbe fargli fare qualche figura barbina se qualcuno mi da le info giuste.

La domanda è:

"veramente le maschere di gomma-silicone di una volta erano migliori dei mollaccioni che si trovano in commercio adesso e se non è vero che cosa si può dire per fargli cambiare idea ad uno che per tutta la vita ha usato maschere che gli lasciavano il segno sul viso per ore dopo il termine della pescata"

Link to post
Share on other sites
  • Replies 68
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Studi e materiali sono andati avanti, il 99% dei pescatori utilizza le nuove maschere, rimane quel 1% di "amatori" delle vecchie maschere del passato, che per abitudine o per effettiva comodità non riescono ad abbandonare. La morbidezza del silicone d'oggi non è necessariamente uno svantaggio in profondità... anzi. ;)

Link to post
Share on other sites

Le maschere di gomma ti lasciavano i segni sul viso per un paio di settimane :boxed::boxed: Oltre a questo , la gomma , se non propriamente curata , si seccava e tendeva a creparsi/spaccarsi o , se andava bene , si svirgolavano i lembi sottili perdendo lentamente nel tempo la tenuta .

 

Sul fatto che vi hanno "solato" , non vi e' alcun dubbio :lol::lol:

 

Cmq anche mio papa' (x quel che la usa) utilizza ancora un monolente technisub in gomma :ajo: ....old school

Edited by Luca S
Link to post
Share on other sites

Pivot,

 

Tuo Padre ha torto, semplicemente perche' probabilmente non ha mai provato una delle maschere di ultima generazione. Non si capisce come una maschera in gomma morbida possa avere una tenuta peggiore.

 

Casomai e' il contrario: a parita' di modello (ossia con identico facciale) una maschera in silicone morbido tiene meglio di una in gomma. Proprio perche', essendo morbida, aderisce meglio al viso.

 

Lo appoggio a Luca: le maschere col facciale in silicone morbido sono molto piu' confortevoli; danno meno problemi di segnature semi-permanenti sul viso, e hanno durata superiore. Al limite, a causa della lavorazione, le maschere in silicone di ultima generazione talvolta tendono ad appannarsi di piu' di quelle vecchie in gomma (c'e' un articolo in homepage a proposito).

 

:bye:

Link to post
Share on other sites

Ma io non sono convinto per niente della presunta superiorità tecnica del silicone rispetto al lattice di gomma.

La verità è che il caucciù (gomma naturale) di alta qualità è diventato una merce rarissima e costosa perchè l'albero della gomma è in sofferenza mondiale a causa di un fungaccio noto come "Marciume Radicale Bianco (Rigidoporus microporus)".

Il lattice di gomma è un prodotto 100% naturale ed è assai più dermocompatibile del silicone.

Link to post
Share on other sites

A parte la qualità o meno del materiale e il suo costo, di certo la gomma può essere ottima ma non la usa più nessuno per il costo come detto da Oloturia, la maschera la si compensa.

In superficie o a - 20 mt la pressione interna è sempre la stessa, se di più come in risalita l'aria esce, se di meno ci va messa perché non si compensa e ci si cava gli occhi.

 

Quindi la maschera o tiene sempre o non tiene mai.

 

La prova la si fa a secco appoggiandola sul viso e poi guardando in basso, se tiene resta su, se cade vuol dire che si deve provare un altro modello per questioni di conformazione del viso.

Link to post
Share on other sites

Grazie per le risposte, ma di tombale che risolve la diatriba non mi sembra che avete detto molto. Le vostre sono tutte opinioni personali che si scontrano con quelle di mio padre esattamente opposte e non sono certo io che posso sostenerne la bontà perché il mio vecchio ha un carattere che ci bisticcio un giorno si e l'altro pure, ma non è uno che pontifica da una poltrona in salotto mangiando pop corn.

Mi spiace infatti ammetterlo, ma ancora adesso se ne va un paio di volte l'anno in corsica a dentici e per quanto in quei posti siano molto più facili, dubito che scenda poco visto le dimensioni delle bestie che porta a casa e non posso certo arrivare io che pesco polpi a mettere in discussione le sue opinioni.

Poi c'è un particolare che mi riesce difficile capire.

Che la maschera più morbida aderisca meglio ai contorni del viso è comprensibile, ma allo stesso tempo questa estrema morbidezza non favorisce la formazione di una via di entrata dell'acqua quando ci sono un paio di atm che ci premono sopra come succede dopo i 20 m?

Avevo pensato di prestargli la mia maschera per questa primavera quando comincerà di nuovo a scendere profondo. C'è qualche accorgimento che devo suggerirgli oppure si comporta esattamente come le maschere del vecchio tipo? (vorrei evitare che me la tiri in testa :whistling:)

Link to post
Share on other sites

Grazie per le risposte, ma di tombale che risolve la diatriba non mi sembra che avete detto molto. Le vostre sono tutte opinioni personali che si scontrano con quelle di mio padre esattamente opposte e non sono certo io che posso sostenerne la bontà perché il mio vecchio ha un carattere che ci bisticcio un giorno si e l'altro pure, ma non è uno che pontifica da una poltrona in salotto mangiando pop corn.

Mi spiace infatti ammetterlo, ma ancora adesso se ne va un paio di volte l'anno in corsica a dentici e per quanto in quei posti siano molto più facili, dubito che scenda poco visto le dimensioni delle bestie che porta a casa e non posso certo arrivare io che pesco polpi a mettere in discussione le sue opinioni.

Poi c'è un particolare che mi riesce difficile capire.

Che la maschera più morbida aderisca meglio ai contorni del viso è comprensibile, ma allo stesso tempo questa estrema morbidezza non favorisce la formazione di una via di entrata dell'acqua quando ci sono un paio di atm che ci premono sopra come succede dopo i 20 m?

Avevo pensato di prestargli la mia maschera per questa primavera quando comincerà di nuovo a scendere profondo. C'è qualche accorgimento che devo suggerirgli oppure si comporta esattamente come le maschere del vecchio tipo? (vorrei evitare che me la tiri in testa :whistling:)

 

Ma bisogna convincere lui o te? :lol:

Le vecchie maschere segnavano molto la pelle, e questo perchè per far tenuta dovevano essere ben strette.

Anzi, possiamo dire che in quel caso era la pelle a far da guarnizione, infatti se dopo un po' di tempo si toglieva la maschera e la si rimetteva non in perfetta posizione, il solco lasciato dalla prima maschera faceva sì che entrasse acqua perchè la pelle non faceva più tenuta.

Per quanto riguarda le nuove maschere la questione è diversa, si adattano al viso e non lo segnano, e l'acqua non entra per via della profondità come dici tu, perché, come già detto, la maschera va compensata, e se la pressione interna e quella esterna sono uguali la maschera fa tenuta.

La sostanza è questa, non so cosa tu voglia sapere di più, ma mi pare che basti...

 

P.S. La bravura in pesca non implica la conoscenza delle attrezzature!

Link to post
Share on other sites

Risposte tombali non ne avrai perché semplicemente non esistono, ognuno ti risponde in base alla sua esperienza, io personalmente preferisco di gran lunga quelle moderne in silicone ma non è la verità assoluta nemmeno la mia... prova a chiedere cosa è meglio tra oleo pneumatico e arbalete e ti infili in una diatriba senza fine 😨😨😨

Link to post
Share on other sites

Grazie per le risposte, ma di tombale che risolve la diatriba non mi sembra che avete detto molto. Le vostre sono tutte opinioni personali che si scontrano con quelle di mio padre esattamente opposte e non sono certo io che posso sostenerne la bontà perché il mio vecchio ha un carattere che ci bisticcio un giorno si e l'altro pure, ma non è uno che pontifica da una poltrona in salotto mangiando pop corn.

Mi spiace infatti ammetterlo, ma ancora adesso se ne va un paio di volte l'anno in corsica a dentici e per quanto in quei posti siano molto più facili, dubito che scenda poco visto le dimensioni delle bestie che porta a casa e non posso certo arrivare io che pesco polpi a mettere in discussione le sue opinioni.

Poi c'è un particolare che mi riesce difficile capire.

Che la maschera più morbida aderisca meglio ai contorni del viso è comprensibile, ma allo stesso tempo questa estrema morbidezza non favorisce la formazione di una via di entrata dell'acqua quando ci sono un paio di atm che ci premono sopra come succede dopo i 20 m?

Avevo pensato di prestargli la mia maschera per questa primavera quando comincerà di nuovo a scendere profondo. C'è qualche accorgimento che devo suggerirgli oppure si comporta esattamente come le maschere del vecchio tipo? (vorrei evitare che me la tiri in testa :whistling:)

Tu non leggi quello che ti si scrive, e non hai neppure chiaro che se tu ti sottoponi ad una pressione ogni parte del tuo corpo e' sottoposto a quella pressione.

A 20 metri la pressione tra maschera e viso è 0, come in superficie, se l'hai compensata.

Se non l'hai compensata non sei a 20 metri, perché non ci arriveresti mai.

Link to post
Share on other sites

La maschera è una questione personale, e quando trovi la TUA maschera, quella è la migliore del mondo, indipendentemente che sia gomma, solicone o altro.

Il fatto è che ogni maschera, quando si scende va compensata, come ti ha fatto notare Mauro, e se una maschera ti sta perfettamente in superficie, ti sta perfettamente anche a 50 metri se la compensi, di acqua non ne entra manco mezza goccia, di qualsiasi materiale essa sia.

Chi pesca da almeno 20 anni, sicuramente una maschera in gomma l'ha provata e usata, e i segni che lasciavano a fine pescata, ti duravano tutta la giornata, e la sera quando uscivi ti riconoscevano subito, mentre in silicone morbidi e confortevole, non lasciano i segni per tutta la giornata, ma solo al massimo un paio d'ore se il cignhiolo lo tiri troppo.

Invece, le maschere morbide in silicone, sono le più adatte per scendere in profondità, perchè si adattano meglio e un po si deformano, contrastando la pressione e necessitano di meno aria per compensarle.

Ne è la prova il record di Andrea Zuccari che con una MICROMASK è sceso fino a 170 mt in assetto variabile, e la mascherà era totalmente schiacciata sul viso (cerca il video su yuotube) ma non ha dato così tanto fastidio. Questo è un caso limite, ma ci sono moltissimi apneisti che scendono oltre i 50 metri con maschere modernissime e morbidissime in silicone, e non hanno nessun problema.

Quindi per me maschera in silicone morbido tutta la vita.

Link to post
Share on other sites

In effetti avete ragione perché con l'ansia che avevo per contestare le risposte di mio padre (quell'uomo mi stressa :ajo:) volevo per prima cosa essere convinto io e mi sono dimenticato la compensazione della maschera :frustry:

Non è però vero che le risposte tombali non esistono perché mi è piaciuta la battuta della pelle che faceva tenuta e spostando la maschera c'erano delle infiltrazioni perché come l'ho citata in casa sono riuscito a zittirlo per qualche momento .......e questa è già una soddisfazione personale :siiiii:

In ogni modo siamo rimasti d'accordo che quest'inverno la prende in prestito per usarla rigorosamente su basso fondale e se gli va bene, me ne compra un'altra a mia scelta ed a giugno l'altra se la porta in corsica

Anzi, visto che tanto paga papà, avreste un consiglio su quale maschera farmi comperare?

Link to post
Share on other sites

Ma io non sono convinto per niente della presunta superiorità tecnica del silicone rispetto al lattice di gomma.

La verità è che il caucciù (gomma naturale) di alta qualità è diventato una merce rarissima e costosa perchè l'albero della gomma è in sofferenza mondiale a causa di un fungaccio noto come "Marciume Radicale Bianco (Rigidoporus microporus)".

Il lattice di gomma è un prodotto 100% naturale ed è assai più dermocompatibile del silicone.

 

Dipende da come misuri la superiorita' tecnica di un prodotto rispetto ad un altro.

 

Rispetto al materiale usato per il facciale delle maschere in gomma, il silicone e' senz'altro poiu' morbido, piu' elastico, piu' resistente all'usura degli elementi, e dura piu' a lungo.

 

Comunque alla fine conta con cosa ti trovi bene, ed e' vero che una maggiore conoscenza tecnica dei materiali non si traduce necessariamente in essere piu' bravi a pescare. Il manico e' altra cosa. Il campione mondiale ed europeo Jean-Babtiste Esclapez ha sempre pescato con questa maschera:

http://www.wikidive.com/WIKICSM/Photo/Images/Titou.jpg

Link to post
Share on other sites

mi sembra che si stia facendo solo confusione,la maschera ti serve per fare i record per pescare?se devi farci i record ti servono un paio di occhialini o una maschera che abbia il minor volume interno possibile,anche se non ti lascia campo visivo.

se devi pescarci ti serve una maschera con la maggior visibilità possibile.

se devi pescarci in profondità,ti serve un compromesso.

il materiale,le vecchie maschere rispetto alle nuove in silicone per me hanno un solo vantaggio:se ti stà quando la provi,ti starà anche in acqua.

quelle moderne in silicone sono morbidissime,si adattano a una moltepilicità di visi,però spesso la prova a secco viene poi confutata da quella in acqua.

però quando trovi quella giusta non c'è storia,la differenza di confort e prestazioni c'è e si sente,come innovezione secondo me è sottovalutata,si guardano le pinne in carbonio o gli oleo sottovuoto e non si riconoscono i meriti di quegli accessori che poi da soli ci cambianbo davvero la pescata,in bene o in meglio,come il becco d'anatra in prepuzio sintetico,che si allarga e si allunga col caldo e si restringe e accorcia col freddo,garantendo il maggior confort e la miglior tenuta.

Link to post
Share on other sites

Fermi tutti!

Cos'è questa storia che per le maschere in silicone la prova di tenuta viene spesso confutata dalla prova in acqua? Volete dice che quell'acquisto color cacca di bambino che mi faceva apparire tutto figo potrebbe dimostrarsi una ciofeca incredibile nelle prime immersioni che farò? :thumbdnn: ( ma dovevo aspettare giugno per acquistarla allora :eek:)

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...