> Santa Teresa di Gallura, Capo Testa diventa area marina protetta - Page 35 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

Santa Teresa di Gallura, Capo Testa diventa area marina protetta


Recommended Posts

Mauro,

 

Purtroppo non e' cosi' semplice spostarsi. Intanto l'AMP si estende fino ad oltre le Secche del Diavolo, quindi a meno di deroghe impreviste uno che ha attrezzatura da pesca in barca sia all'uscita che al ritorno deve giocoforza circumnavigare il perimetro esterno dell'AMP per andare a pescare a Ovest, verso Vignola. A parte che uno di fatto triplica il tragitto per raggiungere lo stesso posto, la cosa non e' sempre fattibile col Maestrale che in questa zona e' il vento dominante. Fino ad ora col Maestrale non forte si poteva pescare sul lato Nord di Capo Testa, quello che guarda la Corsica, rimanendo quindi almeno in parte ridossati; con l'AMP non sara' piu' possibile perche' quella zona ora e' off-limits.

 

A Est e' inutile parlarne, perche' come finisce l'AMP inizia il Parco di La Maddalena che comprende tutte le isole dell'arcipelago e si estende fino a Olbia.

 

L'unica e' o andare in Corsica (cosa non fattibile col Maestrale, e bisogna comunque farsi il permesso a Portovecchio in un posto fuori citta' per cui ci si deve andare per forza in auto, senza contare l'assurdita' di tenere la barca a S. Teresa per andare a pescare in Corsica: a quel punto tanto vale mandare affanculo la Sardegna e farsi le vacanze direttamente in Corsica), oppure portare la barca a Isola Rossa che e' il porto turistico piu' vicino che non sia in un'AMP o in un parco. Isola Rossa e' a 45 minuti di macchina da S. Teresa; io gia' mi faccio due ore e passa in auto ogni giorno per andare a lavorare, farmi un'ora e mezza d'auto ogni giorno pure in vacanza mi sembra allucinante. Chi me lo fa fare?

 

Per il pescatore da turismo mordi e fuggi e' diverso, ma avendo acquistato casa a S. Teresa molti anni fa (e quindi avendo fatto un investimento non da poco), non e' semplicissimo vendere tutto e andarsene.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 672
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Grazie Matteo. Molto utile.

Posted Images

E chi li convince i miei a vendere? Mo' sono pure in pensione e passano in Sardegna 4 mesi l'anno. Non venderanno mai.

 

In ogni caso, se potessi vendere e prendere casa altrove andrei in Corsica, altro che Isola Rossa.

Link to post
Share on other sites

E chi li convince i miei a vendere? Mo' sono pure in pensione e passano in Sardegna 4 mesi l'anno. Non venderanno mai.

 

In ogni caso, se potessi vendere e prendere casa altrove andrei in Corsica, altro che Isola Rossa.

Ma quale Corsica.... lavori già negli States, prenderei casa in Florida o piuttosto in Alaska, o alle Bahamas

Link to post
Share on other sites

Ti capisco Matteo , porca miseria non ci voleva proprio , anche il discorso di vendere non è perseguibile perché oltre a perderci non è neanche semplice trovare chi compra , a questo punto bisogna sperare in un apertura delle zone C alla pesca subacquea e nel frattempo arrangiarsi cambiando posto di pesca ma sarà difficile trovare posti paragonabili alla cresta di Capo Testa , bisognerà dirigersi obbligatoriamente verso sud e sperimentare .

Riguardo il discorso dei Teresini come vivranno l'AMP , non facciamoci illusioni , se ne fregheranno e faranno comunque i fatti loro non puliranno comunque i posti e si fregheranno i soldi delle sovvenzioni , i problemi saranno solo per i pescatori vacanzieri che se beccati dalla CP pagheranno multe ecc....

Link to post
Share on other sites

Le zone C non sono state aperte quando c'erano ministri con cui almeno era possibile parlare, figuratevi con quel talebano di Costa che é contrario a qualsiasi forma di pesca sportiva...

 

:bye:

E poi un poco di sano realismo.

Ammettendo che ci sia disponibilita' da parte del Ministro di ascoltare un rappresentante, chi andrebbe a interloquire?

Ci andate voi o ci va Matteoli?

E cosa chiederebbe?

 

Dimenticatevi le zone C per sempre, non perdeteci tempo neppure a remuginarci dietro.

Link to post
Share on other sites

la zona c è l'ultimo dei problemi quando hai l'unico scivolo o ingresso a mare in piena amp e non puoi neppure trasportare un miniministen senza rischiare il penale,se la federazione facesse gli interessi dei pescatori e non di questo o di quel circolo non vedremmo gare di bolentino in piena amp con stragi di saraghetti e quant'altro che neanche misurano e vanno direttamente al peso e avremmo qualche garanzia in più,tipo non rischiare di essere arrotati ogni volta che ci immergiamo o dover pescare a 500m da riva...

Link to post
Share on other sites

Le zone C non sono state aperte quando c'erano ministri con cui almeno era possibile parlare, figuratevi con quel talebano di Costa che é contrario a qualsiasi forma di pesca sportiva...

 

:bye:

OK , hai ragione non abbiamo rappresentanti validi , allora saremo tutti Bracconieri ,ringraziamo FIPIA e FIPSAS per averci ben rappresentati .

Per il resto già anni fa a Palau perfino Dapiran era considerato bracconiere , lo saremo un po tutti ora , imbocca al lupo . Qualcuno sa come è finito il ricorso al TAR ?

 

( Comunque dovrebbero essere Mares , Cressi , Omer , Salvimar ecc.... a fare qualcosa , hanno potere e mezzi e soprattutto vendono attrezzatura per la pesca sub , di questo passo anche loro ci perderanno non vi pare ? )

Edited by Corvetto
Link to post
Share on other sites

 

 

Le zone C non sono state aperte quando c'erano ministri con cui almeno era possibile parlare, figuratevi con quel talebano di Costa che é contrario a qualsiasi forma di pesca sportiva...

 

:bye:

OK , hai ragione non abbiamo rappresentanti validi , allora saremo tutti Bracconieri ,ringraziamo FIPIA e FIPSAS per averci ben rappresentati .

Per il resto già anni fa a Palau perfino Dapiran era considerato bracconiere , lo saremo un po tutti ora , imbocca al lupo . Qualcuno sa come è finito il ricorso al TAR ?

 

( Comunque dovrebbero essere Mares , Cressi , Omer , Salvimar ecc.... a fare qualcosa , hanno potere e mezzi e soprattutto vendono attrezzatura per la pesca sub , di questo passo anche loro ci perderanno non vi pare ? )

Affari loro.

È l'ultima delle mie preoccupazioni.

In qualsiasi caso i pescasub intesi come categoria possono benissimo piangere ma hanno gran poco da lagnarsi con gli altri.

Link to post
Share on other sites

In realta' esiste l'esempio dell'AMP di Capraia, dove e' stata proposta l'introduzione di una zona D, molto vasta, dove sara' consentita la pesca sportiva, compresa quella in apnea, "autorizzata e contingentata". Le informazioni si trovano in questo articolo.

 

Non so cosa sia poi successo a quella proposta; in generale vedo l'apertura alla pesca subacquea in zona C (o altrove nelle AMP) molto difficile perche' la pesca in apnea nelle AMP e' di fatto gia' vietata dalla legge quadro (vedi anche il commento di Giorgio Volpe in basso a quell'articolo). Personalmente credo che se in futuro qualche amministrazione prendera' mai in considerazione la possibilita' di permettere la pesca subacquea in una AMP sara' solo se cio' portasse un diretto ritorno economico, ossia pagando. Cosa con cui, personalmente, sarei anche d'accordo: meglio avere la possibilita' di pescare pagando che non pescare proprio. Ma anche qui si tratta di pura utopia.

 

Il 27 Marzo c'e' stata l'udienza unica del ricorso al TAR. Non so molto su come sia andata, se non che l'avvocato "non ha integrato con altri due punti". Non so quali punti abbia preferito omettere, comunque l'ha fatto per motivi di strategia. Speriamo bene. Ora bisogna aspettare che il TAR emetta la sentenza, non so di preciso quali siano i tempi; immagino diverse settimane.

Link to post
Share on other sites

OK , hai ragione non abbiamo rappresentanti validi , allora saremo tutti Bracconieri ,ringraziamo FIPIA e FIPSAS per averci ben rappresentati

 

Per il resto già anni fa a Palau perfino Dapiran era considerato bracconiere , lo saremo un po tutti ora , imbocca al lupo . Qualcuno sa come è finito il ricorso al TAR ?

 

( Comunque dovrebbero essere Mares , Cressi , Omer , Salvimar ecc.... a fare qualcosa , hanno potere e mezzi e soprattutto vendono attrezzatura per la pesca sub , di questo passo anche loro ci perderanno non vi pare ? )

 

 

Purtoppo non si tratta di aver avuto buoni o cattivi rappresentanti (o almeno non solo), si tratta invece di avere dall'altra parte un autentico muro di gomma. Bisognerebbe attuare uno spoil system completo al ministero dell'ambiente, gli ayatollah dell'ambientalismo militante stanno tutti là dentro e nessuno è mai riuscito a ragionarci. La pia è vietata nè più e nè meno di tutte le altre attività, ma sarebbe teoricamente derogabile.

 

In pratica tutti coloro che hanno provato ad inserirla si sono visti rigettare il regolamento...e nessuno (comprensibilmente) va a fare una crociata per salvare una sola attività dentro la riserva.

 

Quanto alle aziende, sono anni che molti di loro sostentengo che se fosse solo per il mercato interno sarebbero morte da un pezzo. Ad ogni modo con la questione acque interne qualcuna si aera mossa (Pathos e Omer) ma nessuno ha saputo capitalizzare...

 

:bye:

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...