> Barbecue: meglio la legna del carbone? - Il mare in Tavola - AM FORUMS Jump to content

Barbecue: meglio la legna del carbone?


Recommended Posts

A mio padre hanno regalato del carbone proveniente non so bene da quale scarto delle ferrovie e che ho in parte utilizzato per la brace fatta ieri per velocizzare un pò i tempi rispetto alla legna, che comunque avevo a disposizione.

Il carbone bruciando faceva una certa puzza e forse la fiammma era un po troppo bassa, infatti, per ravvivavarla un pò ho dovuto sventolare abbondantemente.

Il pesce è comunque piaciuto a tutti, ma credo che utilizzando la legna avrei avuto un altro risultato.

Trattasi di sega mentale?

Preferite che la fiamma sia ancora viva o che sia necessario soffiare?

Link to post
Share on other sites

A mio padre hanno regalato del carbone proveniente non so bene da quale scarto delle ferrovie e che ho in parte utilizzato per la brace fatta ieri per velocizzare un pò i tempi rispetto alla legna, che comunque avevo a disposizione.

Il carbone bruciando faceva una certa puzza e forse la fiammma era un po troppo bassa, infatti, per ravvivavarla un pò ho dovuto sventolare abbondantemente.

Il pesce è comunque piaciuto a tutti, ma credo che utilizzando la legna avrei avuto un altro risultato.

Trattasi di sega mentale?

Preferite che la fiamma sia ancora viva o che sia necessario soffiare?

 

carbone della ferrovia??? se non sbaglio quel carbone si chiama carboncoke, è un carbone che si usa in impianti industriali, bruciatori, oltre a esser nocivo, puzza e è inadatto perusi domestici.... a differenza del carbone da legna

Link to post
Share on other sites

Era sicuramente del coke. Non va bene per il barbeque perchè per entrare in temperatura deve diventare rovente, tant'è che viene utilizzato per fare le caldarroste. La puzza può esserci, così come no, però è meglio che utilizzi in futuro carbone per barbeque e non questo.

Link to post
Share on other sites

La legna per il fuoco è ottima (consiglio olivo quercia o castagno) per cucinare quella delle ferrovie che hai buttala... in alternativa compera la carbonella.

 

Aldo

 

 

A mio padre hanno regalato del carbone proveniente non so bene da quale scarto delle ferrovie e che ho in parte utilizzato per la brace fatta ieri per velocizzare un pò i tempi rispetto alla legna, che comunque avevo a disposizione.

Il carbone bruciando faceva una certa puzza e forse la fiammma era un po troppo bassa, infatti, per ravvivavarla un pò ho dovuto sventolare abbondantemente.

Il pesce è comunque piaciuto a tutti, ma credo che utilizzando la legna avrei avuto un altro risultato.

Trattasi di sega mentale?

Preferite che la fiamma sia ancora viva o che sia necessario soffiare?

Link to post
Share on other sites

Azz, pure nocivo. E' proprio quello, tant'è che lo vedevo sempre nero a differenza del legno carbonizzato che soffiando diventava rosso e con l'odore ho impestato mezza città.

Mio padre ha un talento per rovinare il pesce alla brace. Questa volta pur non mettendoci mano mi ha suggerito per accorciare i tempi di aggiungere il carbone anzichè bruciare altra legna.

Che brutta fine per la mia sacra corvina!

 

@Aldo- la prossima cercherò di non avvelenarmi.

Link to post
Share on other sites

Legna, legna, legna ad oltranza ... se vuoi dare un pizzico di aroma in più alla carne e al pesce puoi usare una quota parte di legna di essenza di ulivo, eucalipto, ginepro e qualche rametto secco di rosmarino.

Prepari la brace con la legna normale, quando hai fatto la brace ci butti su questa legna (piccoli tagli, così brucia subito) e appena la fiammella dell'essenza aromatica si abbassa metti su a cuocere il pesce o la carne : vedrai che roba ... !

 

Ciao !

 

Adriano

Link to post
Share on other sites

La legna che uso io è il MAndorlo ...la brace si mantiene calda e non si incerisce subito .... se vuoi una brace ancora piu rovente e profumata e duratura ti consiglio la legna di pino e sopratutto le PIGNE !! le resine contenute danno un aroma niente male !

Link to post
Share on other sites

La legna che uso io è il MAndorlo ...la brace si mantiene calda e non si incerisce subito .... se vuoi una brace ancora piu rovente e profumata e duratura ti consiglio la legna di pino e sopratutto le PIGNE !! le resine contenute danno un aroma niente male !

 

bhà; scusa ma non sono per nulla d'accordo...

 

io solitamente nel caminetto uso baccotti di ulivo, accendo un'ora prima con la presa dell'aria aperta scaldo tutto affinchè diventi rovente (pure la griglia molto bassa e in acciao inox) e poi quando anche l'ultimo legnetto è bruciato (nessuna fiammella, nessuna strisciata di fumo) chiudo la presa dell'aria e ci butto sopra il pesce che deve esser girato con delicatezza una sola volta...stop... ;)

 

@mezzatriglia il carbone che hai usato va bene in una fonderia mi sà.... :whistling::laughing:

Edited by ziguela
Link to post
Share on other sites

ci sono comunque grigliette a forma di pesce che si chiudono con un gancetto e tengono il pesce fermo nel girarlo cosi lo puoi gestire come vuoi..io essendo intorno alla gente uso la carbonella ..accendo la diavolina metto il carbone,20 minuti e posso cucinare..senza fumo in faccia ne in casa degli altri,senza aspettare di fare la brace,senza cristi che volano per accendere il fuoco..per me il meglio ovviamente il contro e che l'roma non e la stessa ma un filo d'olio ,qualche aroma dentro la pancia del pesce e viene una bomba.e sale..ciaooooooo ora che piove mi manca..

Link to post
Share on other sites

La memoria di quella serata nefasta mi affligge più di quello di un bel pesce sbagliato.

Il fatto è che quel venerdì sera tra amici che attentavano al pasto con telefonate tipo "vieni a mangiare la pizza"- "no cucino il pesce" - "ah perfetto stiamo passando", voraci cuginette arrivate a sorpresa prima di cena "che bello stasera grigliata" tutti respinti a fatica, la legna che si trovava al buio e la fretta di uscire dopo per raggiungere gli amici respinti.. si è consumato questo patata trak, paragonabile solamente alla mia unica precedente cattura di una una corvina.

In quell'occasione mi trovavo in barca a vela in Sardegna e l'amico Pasqualo si incaricò di cucinare i pesci mentre io mi facevo una doccia.

Quando Pasqualo portò nella dinette il pesce cucinato all'esterno, la corvina era completamente smembrata e ne restava circa la metà.

Pasqualo, lontano da sguardi indiscreti, non aveva resistito e se ne era cibato con le mani e aveva tentato, poi, di nascondere il fatto simulando un incidente nel momento di girare il pesce.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...