> Un bel saragone - Fan Club Acque Basse - AM FORUMS Jump to content

Recommended Posts

post-28037-0-98332400-1337624099_thumb.jpgCiao a tutti.

E' da un po' che non entravo nel forum per via di noie alla linea Adsl, perdendomi le "gesta" dei miei beniamini.

Adesso che sono di nuovo on-line, però, noto con piacere ( e non senza una punta d'invidia ;) ) che stiamo entrando nel vivo della stagione di pesca, con l'intensificarsi dei video pubblicati e delle belle catture.

Allora ne approfitto anche io, nel mio piccolo, salutandovi tutti con calore e condividendo la soddisfazione per una bella cattura che ho portato a termine due settimane fa in un pomeriggio rubato allo studio, con un anacronistico racconto scritto corredato da poche foto.

 

Premetto subito che non cerco scuse per il saraghetto decisamente undersize che vedrete nelle immagini scattate.

In un momento di frustrazione per un errore banale commesso che ha pregiudicato la cattura di un altro bell' esemplare, ho puntato ad una palla di pesci di medie dimensioni che si avvicinava ed ho tirato a quello più vicino per pura rabbia.

Nello stesso istante in cui l'ho visto trapassato dall'asta, ho provato uno stupido rimorso ... molto più stupido del gesto stesso perchè avrei potuto essere più maturo ed evitare una ca@@ata simile.

Mi scuso sinceramente con tutti, assicurandovi che non è nelle mie corde un comportamento simile e che certamente non verrà reiterato ( nonostante debba dire che fritto il pescetto era davvero buono ... di sicuro non l'ho buttato via ).

Fatta questa doverosa premessa, veniamo ai fatti.

Lunedì pomeriggio, ritorno anticipato di due ore dall'università, leggero maestrale e cielo parzialmente coperto .... situazione troppo invitante per rinunciare al ritorno in mare dopo settimane di astinenza.

 

Dalla caletta nella quale mi immergo punto deciso verso una zona essenzialmente sabbiosa, con pochi scogli isolati e massi dai quali partono i cavi di un vicino allevamento di cozze.

Spero di godere della vostra fiducia, ormai, se dico che non entro nello specchio d'acqua destinato a tale attività.

Principalmente per due motivi :

1 ) c'erano già delle barche legate alle prime file di fusti dalle quali pescavano con le lenze ( su questo, poi, si potrebbe aprire un interminabile dibattito ... ovvero sul perchè le autorità preposte tollerino la presenza delle barche e non dei pescatori in apnea ).

 

2) un mio amico, sorpreso a pescare nell'allevamento, ha rischiato una sanzione di 1000 € e non ha potuto evitare, però, il sequestro di parte dell'attrezzatura.

 

Capirete, dunque, che per evitare gli improperi dei cari amici cannisti e lenzaioli ( concedetemi il termine ) e, soprattutto, le mirate incursioni della Capitaneria di Porto, mi tengo alla larga dai fusti.

Comunque, anche diverse decine di metri al limitare dell'area, è possibile fare incontri notevoli e, nelle settimane precedenti, si sono viste girare gran belle orate.

Quel pomeriggio, però non si vedeva girare una pinna !

In due ore non ho avvistato che boghe e donzelle.

 

Un po' deluso ritorno verso la scogliera che protegge la mia spiaggetta e, armato di arbalete corto con fiocina, inizio a perlustrarne ogni anfratto alla ricerca di cefali e saraghi pizzuti.

Una insolita bassissima marea, però, sembrava giocare contro di me, sia per la mancanza di pesce, che per l'impossibilità di raggiungere molte delle cavità a pelo d'acqua che conosco a memoria e dietro le quali sono certo di trovare sempre branchi di cefaloni.

Alla conclusione del giro avevo a cavetto due sole prede modeste.

A quel punto ero quasi deciso a lasciar perdere e rientrare, ma la certezza che una nuova pescata avrebbe richiesto tempi di attesa lunghi, mi ha convinto a restare ancora un po' e tentare una sortita vera una zona di grotto poco battuta.

Contrariamente a quanto credessi e ad altre esperienze fatte in precedenza, arrivato lì ho trovato un'esplosione di vita che mi ha deliziato.

Si trattava essenzialmente di salpe e cefali, ma non mancavano branchi fitti di piccoli saraghi con, in mezzo, esemplari di buone dimensioni.

Brevi aspetti in pochi metri d'acqua mi hanno consentito di portare a tiro qualche altro cefalo ed un bel salpone, mentre i saraghi degni di nota restavano ostinatamente defilati, mandando in avanscoperta gli incauti piccoletti.

A quel punto ho pensato che l'unica soluzione fosse quella di tentare qualche agguato con partenza da lontano o sfruttando gli angoli più nascosti, nel tentativo di sorprendere qualche esemplare intento a mangiare in alcune ristrette distese sabbiose, onde poter meglio sfruttare il Meroù 100 che, per quanto leggerissimo e maneggevole, non è esattamente un fucile da agguato puro tra le rocce.

Al primo tentativo, infatti, sono stato premiato.

Aggirando uno masso roccioso, mi ritrovo a 5-6 metri questo bel saragone che se ne stava solo soletto .

In verità ero a corto di fiato perchè avevo seguito un percorso piuttosto lungo con tentativo finale di collimare una salpa.

Mi blocco all'istante e noto che avverte immediatamente la mia presenza, assumendo l'atteggiamento della preda che è pronta ad eclissarsi in un battere di palpebre.

Rimanendo parzialmente nascosto inizio ad emettere il classico richiamo gutturale e, a dispetto di quanto potessi credere, non perde tempo e si avvicina con fare deciso abbandonando ogni riserva o atteggiamento sospettoso.

In pochi secondi si porta a tiro e, per facilitarmi ancora di più la cosa, mi offre il fianco rimanendo perfettamente immobile.

Il resto lo racconta la foto.

 

Ciao e a presto :bye:

post-28037-0-07576000-1337624101_thumb.jpg

post-28037-0-35351900-1337624102_thumb.jpg

Link to post
Share on other sites

ciao bel racconto be avvolte capita di sparare ad un esemplare piu piccolo anche se non lo si voglia realmente ma gia il fatto che tu lo abbia messo in evidenza si percepisce il fatto che non e una tua abitudine ma e success e basta complimenti per la pescata ciao

Link to post
Share on other sites

guarda se ti puo' consolare l'altra settimana ho visto un signore che pescava con la canna aveva riempito il secchio di saraghetti da manco 5 cm e non mi sembrava cosi pentito......

onore alla nostra categoria che puo' davvero selezionare il pescato!! :thumbup: :thumbup:

Link to post
Share on other sites

guarda se ti puo' consolare l'altra settimana ho visto un signore che pescava con la canna aveva riempito il secchio di saraghetti da manco 5 cm e non mi sembrava cosi pentito......

onore alla nostra categoria che puo' davvero selezionare il pescato!! :thumbup: :thumbup:

 

Grazie per il tuo intervento.

In realtà anche io sono stato e sono ancora un grande appassionato della pesca con la lenza a mano e mi è capitato di prendere saraghi ed orate da oltre un chilo insieme ad esemplari grandi quanto una medaglietta che arrivavano in barca già morti.

Non voglio stare a discutere sulle differenze tra i due tipi di pesca e sull'etica che li contraddistingue, perchè in merito si sono già spesi fiumi di parole.

Quello che non capisco, però, è perchè la Guardia Costiera e la Guardia di Finanza tollerino la presenza delle barche e delle lenze negli specchi d'acqua dedicati all'allevamento di mitili, mentre se ti beccano col fucile ti fanno rimpiangere di essere nato ...

E' una cosa che mi da su i nervi, anche perchè dove vado a pescare io le prime file di fusti distano pressapoco duecento metri dalla riva balneabile e le vedette a volte le rasentano alla ricerca di qualche incauto pescatore da sorprendere lasciandosi sfilare, al contempo, motoscafi di tutte le dimensioni lanciati a tutta velocità che dovrebbero transitare a distanze molto più elevate !!

 

Dimmi tu se una cosa del genere è normale ...

Link to post
Share on other sites
Guest sergios

guarda se ti puo' consolare l'altra settimana ho visto un signore che pescava con la canna aveva riempito il secchio di saraghetti da manco 5 cm e non mi sembrava cosi pentito......

onore alla nostra categoria che puo' davvero selezionare il pescato!! :thumbup: :thumbup:

 

Grazie per il tuo intervento.

In realtà anche io sono stato e sono ancora un grande appassionato della pesca con la lenza a mano e mi è capitato di prendere saraghi ed orate da oltre un chilo insieme ad esemplari grandi quanto una medaglietta che arrivavano in barca già morti.

Non voglio stare a discutere sulle differenze tra i due tipi di pesca e sull'etica che li contraddistingue, perchè in merito si sono già spesi fiumi di parole.

Quello che non capisco, però, è perchè la Guardia Costiera e la Guardia di Finanza tollerino la presenza delle barche e delle lenze negli specchi d'acqua dedicati all'allevamento di mitili, mentre se ti beccano col fucile ti fanno rimpiangere di essere nato ...

E' una cosa che mi da su i nervi, anche perchè dove vado a pescare io le prime file di fusti distano pressapoco duecento metri dalla riva balneabile e le vedette a volte le rasentano alla ricerca di qualche incauto pescatore da sorprendere lasciandosi sfilare, al contempo, motoscafi di tutte le dimensioni lanciati a tutta velocità che dovrebbero transitare a distanze molto più elevate !!

 

Dimmi tu se una cosa del genere è normale ...

 

misteri italiani, credo che ognuno di noi abbia assistito a cose del genere... boh

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...