> MACH-control - Page 3 - Forum Attrezzature - AM FORUMS Jump to content

Recommended Posts

E perchè mai doveva avere 2 rotelle ? una basta e avanza ,anche le dimensioni saranno uguali a quelle delle rotelle del vela ,cioè molto strette e piccole .

A ragione Oreste , in un paio d'ore lo si mette in opera .

 

Itio nel vela le rotelle stanno di fianco al fusto.

Se si crea una rotella come quella che ho disegnato, si potrebbe integrare tutto all'interno del fusto.

Inoltre si avrebbe un unico filo di traino centrale nella parte mediana del fusto, mentre la sagola starebbe di sopra.

Il fatto di integrare il tutto all'interno del fusto potrebbe poi essere d'aiuto nel prevenire le evmtuali parrucche della sagola.

 

Riguardo alle dimensioni delle pulegge come prima ipotesi partirei con uno spessore di 3 cm di diametro per i cedenti ( i due laterali ) ed 1 cm per il movente.

Ciò potrebbe consentire un rapporto dinamico 1:1 ad inizio contrazione, ed 1:3 a fine contrazione degli elastici.

In pratica all'inizio dela contrazione si ha più forza ed alla fine più velocità.

 

La cosa ottimale sarebbe settare le pulegge in modo tale da avere un rapporto dinamico all'inizio di 2:1 e poi 1:3 ( in pratica all'inzio si avrebbe un raddoppio della forza applicata dagli elastici per vincere l'inerzia dell'asta) e poi la velocità necessaria per farla volare via.

 

Questa come prima ipotesi di lavoro !

;)

 

 

 

 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 476
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

.......

 

direi molto meglio ! eviteresti così eventuali problemi di asincronia delle velocità dei due elementi rotanti.

.... deve ancora nascere .... ed è già quasi perfetto ! :wub:

 

La cosa bella di questo sistema da quando l'ho pensato .... è che più ci si pensa su ... più semplice diventa !!!!!

 

Speriamo almeno che funzioni !!!

:D :D :D :D :D

Link to post
Share on other sites

Sui miei vela la puleggia in testata è solidale, per cui anche in questo caso avrei fatto uguale.

Non mi piace troppo la soluzione con gomme che escono dal profilo laterale...come caricare su un solo filo di trasmissione 150 Kg.

 

Sono a casa ammalato per cui ho un po' di tempo...e ho cominciato a fare un po' di calcoli.

Hum...!! La cosa è sicuramente interessante ma non sono cosi certo che si possano applicare i rapporti che Stefano suggerisce.

Ho provato a calcolare gli ingombri per una sagola di un millimetro di spessore proprio su basi

iniziali 1-1 per terminare ad 1-2,5 che è indispensabile se si vuole eliminare lo spazio morto delle gomme.

E la forza residua in testata mi risulta molto bassa, ad 1-3 è bassissima , 1/3 di quella residua delle gomme.

Non sono certo dei calcoli ma confrontando il diagramma delle forze trasmesse più o meno ci siamo.

Sempre che abbia fatto tutto giusto! Precisazione assolutamente d'obbligo...onestamente spero di avere sbagliato.

 

Forse ha ragione Stefano quando suggerisce di sdoppiare il sistema: uno per l'accelerazione e uno per la parte finale.

 

Ma il dubbio che perseguita ora è il solito dei vela: gomme ad alto coeff. di allungamento o fucili con applicabili gomme molto lunghe.

1-1, 1-2 o 1-3 alla fine lo spazio attraverso cui possiamo trasmettere energia è sempre uguale, come l'energia che trasmettiamo.

 

Quello che è certo è che il sistema è "spettacolare" nella gradualità di trasmissione...ed è molto, molto semplice.

 

Oreste

Link to post
Share on other sites
.......

 

Quello che è certo è che il sistema è "spettacolare" nella gradualità di trasmissione...ed è molto, molto semplice.

 

Oreste

 

Infatti Oreste : la caratteristica che lo distingue dal sistema Vela/Volcan è proprio quella che dici tu, ossia la "gradualità di trasmissione" intrinseca : in pratica la trasmissione si modifica in modo continuo lungo tutto il percorso da un valore massimo ad uno minimo.

 

I tiri fatti nel "tubo balistico" hanno confermato questa impressione: rimane la questione settaggi e ( come giustamente facevi notare ) la questione forza residua in testata. Il limite non è la velocità a questo punto, ma quanta energia rimane in testata da erogare .

Purtroppo tutti gli arbaleti soffrono di questo limite perchè è intrinseco nell'uso degli elastomeri stessi che a fine corsa cedono davvero poca energia.

 

Per superare quest'altro limite bisognerebbe ripensare un pò alla struttura dell'arbalete stesso : le soluzioni potrebbero essere più semplici di quanto immaginiamo.

 

 

 

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...
E adesso che ci hai fatto vedere le rotelle facci vedere come girano bene!! B):D

 

Sta per arrivare " IDDU IV EVOLUTION " ossia un roller pretensionato, ipertensionato e sistema MACH control integrato.

Se spara in avanti sarà già un successo !!! :laughing: :laughing: :laughing:

 

Stavolta sono un pò pessimista. Non sulle basi teoriche che mi danno invece una certa sicurezza, ma sulla realizzazione pratica del progetto.

Il MACH-control impiantato su IDDU ( roller a verricello) è qualcosa che va oltre le mie capacità di realizzazione da "garage".

Se settare un normale roller è già un rompicapo, fare una cosa del genere è un'autentica impresa.

Ma un tentativo ( avendo a disposizione ormai entrambe le cose ) lo merita. E se ne esce qualcosa di buono lo farò sapere.

Vedremo ..... :thumbup:

Link to post
Share on other sites
io mi sono letto tutta la discussione ora! beh direi che mi piace proprio...rimango in attesa...complimenti stefano per il continuo macinare idee!!

 

Grazie misterf !!! Vi terrò aggiornati sugli sviluppi.

:thumbup:

Edited by Stefano Soriano
Link to post
Share on other sites
scommetto che per adesso gli stai facendo l'ecografia,...... maschio o femmina?... secondo me è masculazzu :D

... sintonizzatevi gente

 

Masculu !!! Masculu è !!! :D

 

Ho montato le rotelle su IDDU. Anche se IDDU ed il MACH control sono nati in modo, in tempi e con finalità completamente diversi devo dire che stanno davvero bene insieme. Ora mi tocca trovare un buon sistema per vincolare le sagole al MACH control. Sul prototipo che avevo fatto ho usato due fori e due nodi . Sulle puleggie "buone" la cosa non va bene. Forse me la cavo con un solo foro, ma devo studiare bene la cosa: ho un solo colpo a disposizione per forare e se sbaglio :( :( :( fine del gioco.

 

Nei prossimi giorni tenterò il delicato intervento di microchirurgia.

 

 

Link to post
Share on other sites

Stefano , grazie veramente per l'impegno , la pubblicazione e la tremenda confusione mentale che instilli in ognuno di noi!

Scherzi a parte , sei un vulcano , ed a questo punto gioco di parole per tripla domanda :

- i sistemi Mach e Volcan pensi possano essere compatibili insieme , sostituendo l'effetto Mach alla fase Vela del Volcan ?

- ma con il caricamento a verricello e tutta l'energia cosi' ottenibile in Iddu , non e' gia' il massimo come potenza ?

- studi altre soluzioni perche' il caricamento a verricello e' troppo macchinoso ?

:rolleyes:

Link to post
Share on other sites
Stefano , grazie veramente per l'impegno , la pubblicazione e la tremenda confusione mentale che instilli in ognuno di noi!

Scherzi a parte , sei un vulcano , ed a questo punto gioco di parole per tripla domanda :

- i sistemi Mach e Volcan pensi possano essere compatibili insieme , sostituendo l'effetto Mach alla fase Vela del Volcan ?

- ma con il caricamento a verricello e tutta l'energia cosi' ottenibile in Iddu , non e' gia' il massimo come potenza ?

- studi altre soluzioni perche' il caricamento a verricello e' troppo macchinoso ?

:rolleyes:

- i sistemi Mach e Volcan pensi possano essere compatibili insieme , sostituendo l'effetto Mach alla fase Vela del Volcan ?

Non penso: sono due faccie della stessa medaglia. Entrambi modulano l'erogazione di energia ed amplificano le velocità raggiungibili. Lo fanno in modo diverso. A due marce il Volcan, in pregressione continua il MACH. Nulla impedisce di montarli insieme, ma non ne vedo l'utilità.

- ma con il caricamento a verricello e tutta l'energia cosi' ottenibile in Iddu , non e' gia' il massimo come potenza ?

E' il massimo come potenza, ma non come modulazione della velocità/erogazione. Il caricamento a verricello con elastici "sostanziosi" ( dai 18 in su) da molta potenza, ma poi gli elastici fanno quello che vogliono. Col sistema MACH dovrei dargli una controllata (come addomesticare un purosangue :D )

 

- studi altre soluzioni perche' il caricamento a verricello e' troppo macchinoso ?

SI. :D E forse l'ho trovata pure. Una cosa semplice, semplice ....... quasi imbarazzante.

 

;)

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...