> LACUSTRI - Page 93 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

Recommended Posts

Ciao Corrado!

mi sa che stavolta ci incontriamo davvero anche se non proprio alla Marinella :-)

 

ti porto a 2 lucci in inverno, la mia passione... e vedrai che non è poi così male... io vivo nell'alto Garda, quindi assai lontano da Milano ma se davvero volessi  salire, scrivimi in privato che in un modo o nell'altro ci accordiamo e non dimenticare che avrai anche la Liguria per poter fare delle belle pescate su con la vita!

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

AMici lacustri, mi permetto di disturbarvi.

Ho da affrontare, seriamente, la possibilità di dover tornare a Milano.

Ora forse non tutti sanno che nel capoluogo io ci sia nato e cresciuto salvo poi vedere la luce circa 10 anni fa quando mi sono trasferito in Calabria.

Nei miei anni lombardi, fatti di bagordi, non mi era mai balenata anche solo l'idea della pesca in acque interne ma visti i chiari di luna e che al lago è meglio...di niente, sono qui a chiedervi un minimo di sostegno.

Leggo sempre affascinato delle gesta lacustri ma non riesco proprio ad immaginarmi come possa essere realmente pescare nel lago.

Vi chiedo, quindi, una parola (più siete e meglio è) magari di conforto...e per poter, veramente capire, se decidermi ad affrontare questa esperienza che, magari, mi aiuterà a decidere più serenamente del mio futuro.

Grazie.

Cono

 

Pescare nel lago è molto meno peggio di quel che si crede, la più grande differenza col mare, a mio avviso,

è la poca varietà delle prede. Poi certo, inverno a parte, solitamente la visibilità non è un granchè, ma anche certi mari non scherzano. Chiaramente anche io preferirei pescare al mare, piuttosto che al lago, ma questo è una valida alternativa.

Se vorrai fare qualche uscita sul Garda in compagnia, impegni universitari permettendo, verrei molto volentieri.

(Non escluderei l'Iseo, ma ci vado molto raramente...)

Link to post
Share on other sites

ciao Cono,

se vieni a Milano e non vieni a pesca al lago mi offendo

ovviamente meglio in primavera, estate o inizi autunno

A me non piace il pesce di lago, quindi se non ho ordini non sparo, ma ti accompagnerei volentieri, siamo un bel gruppetto sul Como/Lecco da riva

la pesca nel lago detta in breve:

varia: tana, agguato, caduta, aspetto

volendo si spara tanto

le prede sono di media mole abbondante

l'acqua fa spesso schifo visibilità un paio di metri

non devi lavare l'attrezzatura

Confermo! Nel periodo primavera estate ci vediamo abbastanza spesso... :)

Link to post
Share on other sites

AMici lacustri, mi permetto di disturbarvi.

Ho da affrontare, seriamente, la possibilità di dover tornare a Milano.

Ora forse non tutti sanno che nel capoluogo io ci sia nato e cresciuto salvo poi vedere la luce circa 10 anni fa quando mi sono trasferito in Calabria.

Nei miei anni lombardi, fatti di bagordi, non mi era mai balenata anche solo l'idea della pesca in acque interne ma visti i chiari di luna e che al lago è meglio...di niente, sono qui a chiedervi un minimo di sostegno.

Leggo sempre affascinato delle gesta lacustri ma non riesco proprio ad immaginarmi come possa essere realmente pescare nel lago.

Vi chiedo, quindi, una parola (più siete e meglio è) magari di conforto...e per poter, veramente capire, se decidermi ad affrontare questa esperienza che, magari, mi aiuterà a decidere più serenamente del mio futuro.

Grazie.

Cono

 

Ciao Cono, in pvt ti ho mandato il mio numero.chiamami x qualsiasi cosa , pesca o no.

Link to post
Share on other sites

AMici lacustri, mi permetto di disturbarvi.

Ho da affrontare, seriamente, la possibilità di dover tornare a Milano.

Ora forse non tutti sanno che nel capoluogo io ci sia nato e cresciuto salvo poi vedere la luce circa 10 anni fa quando mi sono trasferito in Calabria.

Nei miei anni lombardi, fatti di bagordi, non mi era mai balenata anche solo l'idea della pesca in acque interne ma visti i chiari di luna e che al lago è meglio...di niente, sono qui a chiedervi un minimo di sostegno.

Leggo sempre affascinato delle gesta lacustri ma non riesco proprio ad immaginarmi come possa essere realmente pescare nel lago.

Vi chiedo, quindi, una parola (più siete e meglio è) magari di conforto...e per poter, veramente capire, se decidermi ad affrontare questa esperienza che, magari, mi aiuterà a decidere più serenamente del mio futuro.

Grazie.

Cono

sei alla canna del gas? vieni su che la liguria è vicina

Link to post
Share on other sites

Cono, hanno già detto molto. Io aggiungo solo qualche dato "tecnico".

Da Milano tangenziale test ad arrivare al primo posto di pesca (Parè o Moregallo, sul lago di Lecco) si impiegano meno di 40 minuti, in meno di un'ora sei sui primi posti dell'Iseo. Questo significa che puoi fare pescate serie, anche di 4 ore, impiegando mezza giornata e rientrando per pranzo. Al mare per noi da Milano questo è impossibile. Io ho moglie e figli e fa davvero a differenza.

Un'altra cosa che mi sento di dire - parlo per me ovviamente - è che tra la Liguria e il lago, il lago tra aprile e novembre è più facile. C'è pesce, di discreta taglia, ed è più facile da prendere che al mare, è più fermo, più ingenuo, anche più lento.

In cucina non c'è storia, nel senso che il pesce di mare è molto più buono, ma è una sfida riuscire a valorizzare il pesce di acqua dolce e il fatto di mangiare quello che peschi ti costringe in tempi rapidi a diventare più selettivo nelle catture (per esempio limiti la cattura delle tinche).

Altro argomento, le gare di pesca in acque interne.

C'è un bel movimento intorno alle gare, ci sono 3-4 (qualche anno anche 5) gare selettive all'anno (tra aprile e luglio) con il solito sistema che i migliori accedono alla finale che si disputa tutti gli anni intorno ad ottobre.

Tutti gli anni poi c'è il campionato italiano a squadre, gara che a me piace moltissimo.

Le gare sul lago di Iseo sono tutte con formula a nuoto, quelle sul Garda a spostamento libero (dipende dalla conformazione del lago, perchè nell'Iseo sprofonda vicino a riva, mentre nel basso Garda c'è un bassofondo esteso).

A Milano città, poi c'è il nostro club, il CIcasub Milano, si fanno i corsi di apnea e di pesca in apnea e tre volte alla settimana abbiamo una corsia per gli allenamenti (di cui io non sono un grande frequentatore).

Questo è quello che mi viene in mente per il momento.

Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, sara quasi un mese e mezzo che non pesco al lago e mi sono arrugginito, ho fatto 4 giorni a Leuca con poche uscite dato mare mosso, ma non ho mancato di pinneggiare su fondali disperatamente deserti. Solo a riva un turbinio di vita di Salpe, Cefali, Barracuda, Spigole .... peccato che nessuna specie superasse l'etto di peso ... ad un certo punto pensavo di essere a Lilliput !

ora vedo se riesco a fare un'ultima pescata lacustre... mi ricordo delle belle pescate di Persici a fine stagione ... vero Teo ? :bye:

Link to post
Share on other sites

Altro argomento, le gare di pesca in acque interne.

C'è un bel movimento intorno alle gare, ci sono 3-4 (qualche anno anche 5) gare selettive all'anno (tra aprile e luglio) con il solito sistema che i migliori accedono alla finale che si disputa tutti gli anni intorno ad ottobre.

Tutti gli anni poi c'è il campionato italiano a squadre, gara che a me piace moltissimo.

Le gare sul lago di Iseo sono tutte con formula a nuoto, quelle sul Garda a spostamento libero (dipende dalla conformazione del lago, perchè nell'Iseo sprofonda vicino a riva, mentre nel basso Garda c'è un bassofondo esteso).

A Milano città, poi c'è il nostro club, il CIcasub Milano, si fanno i corsi di apnea e di pesca in apnea e tre volte alla settimana abbiamo una corsia per gli allenamenti (di cui io non sono un grande frequentatore).

Questo è quello che mi viene in mente per il momento.

Ecco, Cono...

si dà il caso che io sia uno dei "migliori" che si è qualificato... :oops: devo aggiungere altro? :devil:

Io che ti conosco bene posso capire molto meglio di altri cosa lasceresti e quanto ti costa, ma tranquillo che saresti tra bella gente e con la fama che ti sei (meritatamente) costruito in questi anni avresti solo da fare l'estrazione per scegliere da chi farti portare a pesca, lago o mare che sia.

Quando poi ti conoscono di persona e vedono che tipo sei e che carattere hai, tranquillo che non ti mollano più, anche se finirai in breve col prendere più pesce di tanti ottimi pescatori lacustri... :whistling:

Come hai sottolineato, il mare è bello ma il lago è meglio... che niente.

Per chi nasce "marino", il lago non ha proprio nulla a che vedere, ma ha il suo fascino e la sua "utilità" tecnica.

Cos'altro devo dirti, ovviamente mi casa es tu casa e non credo che potresti dubitare del contrario, ma aggiungo mi gommones es tu gommones e se il tuo lavoro te lo permetterà, visto che nel week end spesso è difficile imbroccare le giuste condizioni meteo marine per divertirsi al mare, potremo sempre fare qualche raid ligure infrasettimanale.

Certo che sul versante pesca ti farò pagare un bel po' di "bidoni" che mi hai tirato in questi anni, ma quello è un altro discorso! :banging:

Quando sei libero fammi uno squillo che ci raccontiamo un po' di storie e secondo me... non ci rimetterai del tutto a venire qui, anzi, ti si potrebbero creare delle opportunità davvero interessanti... :thumbup:

Un abbraccio. Peppe.

 

P.S. Dimenticavo, se non lo sapessi, Luca "Fishlaw" (non a caso usa questo nick...) è un tuo collega... :smartass:

Link to post
Share on other sites

Aggiungo che alcuni atleti marini hanno fatto i loro migliori risultati dopo essere stati per un periodo nei laghi...uno per tutti Nuccio Pisci..con il suo 5 posto ad un assoluto e che abbiamo orgogliosamente annoverato tra i nostri Atleti per il periodo che è stato qui..

Giusta osservazione! Grandissimo Nuccio, in tutti i sensi.

Non dimentichiamo Nicola Smeraldi che pur avendo il mare ed il gommone fuori casa, si sobbarcava delle estenuanti trasferte per fare le gare selettive al lago perchè riteneva che gli fossero di grande utilità nelle competizioni al mare e direi che qualche gara prestigiosa, anche con la Nazionale l'abbia fatta in mare...

Ciao.

Link to post
Share on other sites

Caro Corrado,

 

il lago è una grande palestra di resistenza psicologica a causa della poca visibilità a cui si va incontro. Io ho imparato a pescare in apnea in queste acque e me ne sono innamorato.

 

Certo a volte gli scenari sono monotoni ma questo è un altro strumento per rafforzare la propria concentrazione specie se per diverse ore non vedi nemmeno una pinna. Poi all'improvviso un piccolo segnale ti fa capire che la preda è vicina e la tua giornata cambia in meglio. Così le tue cinque-sei ore trascorse nella più completa desolazione ti regalano la preda lacustre dei tuoi sogni.

 

A me che sono un neofita con poche stagioni alle spalle è capitato e capiterà sicuramente anche a te.

 

Inoltre, troverai compagni di pesca fantastici. Ho conosciuto persone veramente speciali qui sul Garda.

 

Vieni ti attendiamo a braccia aperte.

Link to post
Share on other sites

Caro Corrado,

 

il lago è una grande palestra di resistenza psicologica a causa della poca visibilità a cui si va incontro. Io ho imparato a pescare in apnea in queste acque e me ne sono innamorato.

 

Certo a volte gli scenari sono monotoni ma questo è un altro strumento per rafforzare la propria concentrazione specie se per diverse ore non vedi nemmeno una pinna. Poi all'improvviso un piccolo segnale ti fa capire che la preda è vicina e la tua giornata cambia in meglio. Così le tue cinque-sei ore trascorse nella più completa desolazione ti regalano la preda lacustre dei tuoi sogni.

 

A me che sono un neofita con poche stagioni alle spalle è capitato e capiterà sicuramente anche a te.

 

Inoltre, troverai compagni di pesca fantastici. Ho conosciuto persone veramente speciali qui sul Garda.

 

Vieni ti attendiamo a braccia aperte.

Mi sa che con la storia delle 5/6 ore senza vedere una coda nella monotonia del fondale ce lo siamo giocato per sempre... ah ah aj.

Marchino e Kinky...

il nome é Cono!

Corrado é il cognome anche se ormai ci é abituato.

Dal punto di vista dell'allenamento psicologico, Cono ha poco da imparare dal lago.

Appartiene alla categoria dei "talenti"della pesca in apnea, non ha problemi di fiato né di metri ed é uno di quelli che potrebbe dare del "tu" al mare, ma nonostante questo non lo fa...

Dovrá imparare anche lui il lago, ma come fu per Nuccio Pisci e Nicola Smeraldi, basta solo fargli vedere come si fa...

Ciao. Pepu

Edited by Pepu
Link to post
Share on other sites

Cosa dire ancora?

Sono veramente contento, mi state dando una grandissima mano per riuscire a decidere serenamente del mio futuro!!

Grazie a tutti per la disponibilità...e non credete a Pepulino che mi prende sempre in giro!!!!

Il lago sarà una bella avventura ne sono certo, specialmente con gente come voi!

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...