> Brutta notizia..... - Page 15 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

Brutta notizia.....


Recommended Posts

Non ho avuto la fortuna di conoscerti ma so che condividiamo la stessa passione, ho letto tutti i tuoi messaggi fin dal primo istante, un tam tam incredibile per la persona speciale che eri... sono sicuro che da lassù veglierai su tutti noi!

Ti dedico un pensiero...

 

Giulio

Link to post
Share on other sites
  • Replies 278
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Mi dispiace veramente tanto! Speravo questa volta la vicenda volgesse con un diverso esito...Ahimè non è stato così...sono triste..dispiaciuto...arrabbiato!

Sono vicino alla famiglia ed a quanti gli volevano bene..

Link to post
Share on other sites
ciao, sono Cristina la sorella maggiore di Giulio, vorrei ringraziarvi tutti per i messaggi e la solidarietà che state mostrando. Non conosco il vostro mondo ma, so che mio fratello ci stava bene, in particolare, negli ultimi anni era felice di occuparsi a tempo pieno della sua grande passione: il mare. Che voi siate credenti oppure no, in questo caso, possiamo stargli vicino solo con il pensiero e la preghiera. Le relazioni, a mio avviso, vanno oltre la fisicità, rimangono sempre con noi e, se noi vogliamo, la mente è in grado di ridarci tutto quello che pensiamo di aver perso. Sono fortemente convinta che lo spirito è materia e che la materia è spirito. Ricordatevi che quando vi immergete in posti che a lui sono piaciuti o quando prendete un pesce o raggiungete un record di apnea lui è lì con voi, sente tutto quello che dite vi vede, ride e condivide ogni cosa.

 

Giglio, punta del Capel Rosso, Giugno 1975. Un gozzo arriva veloce , una voce strozzata mi grida : sali , sali !!!! Stefano giace immobile su di una tavola che Gambone , il nostro saggio grande marinaio in pensione che ci porta abitualmente a pesca con la sua barca, ha steso e sulla quale ha poggiato con amore il corpo ormai senza vita di Stefano. Eravamo in tre con la barca appoggio, io ero andato a saraghi nel sottocosta, gli altri due si stavano divertendo con le palamite a mezzacqua scambiandosi il fucile. Avevano preso una bella palamita, la cena era assicurata. Via , si può andare dalle ragazze. Fabio sale in barca,è un medico specialista in tecniche di rianimazione, esperto subacqueo che scrive su Mondo Sommerso raccontando di viaggi meravigliosi. Tre, quattro minuti : Gambone ,andiamo a prendere Stefano, stà a terra davanti a noi. Lo vedono , ma Fabio nota qualcosa di anomalo, è immobile ! Si tuffa , lo afferra , in un attimo è sulla barca.Proverà a fare tutto il possibile in quelle condizioni ma non c'è niente da fare, Stefano non c'è più. In tutto sono passati otto/nove minuti, terribile la mente vacilla.

Non fù possibile appurare la causa dell'incidente , troppo caldo , l'isola non attrezzata e quindi l'autorità competente autorizzò la chiusura della bara prima dei termini stabiliti dalla legge.Gambone piangeva come un bambino, tutta l'isola ci era vicino con quella solidarietà che solo la gente di mare conosce.

Abbiamo sempre pensato ad un malore più che ad una sincope, ma non cambia nulla : Stefano non c'era più.La mancanza fisica era palpabile,inaccettabile. Anche Lui amava le acque dell'isola dove passavamo tutti i fine settimana e ho sempre creduto e sperato fermamente che nella tragedia abbia trovato la pace ,lo stesso augurio è per Giulio. Per noi rimane il vuoto, il nulla: Impossibile trovare una giustificazione , una spiegazione. Dopo tanti, tanti anni quel giorno è vivissimo nella mia mente e ancora oggi,quando sono a mare, il pensiero và con affetto a Stefano e all'immenso vuoto che ha lasciato,che hanno lasciato.

Un pensiero affettuoso alla famiglia ed ai suoi amici.

Voglio credere che i tanti amici che abbiamo perso in questi anni stiano tutti insieme a raccontarsi meravigliose storie di mare.

 

Maurizio Maggi

Link to post
Share on other sites
Per noi ci sarà per sempre "un prima e un dopo Giulio”!

 

Quello che è successo non è successo a caso.

Troppe sono le coincidenze strane.

Nulla accade per caso, e nulla sarà come era prima!

La sera della cena mi disse che ormai aveva la nausea ad andare a pesca alla Frasca, c’era andato per troppi anni.

La Frasca è il mio posto!

Anche io mi sono un po’ stufato della Frasca…

Venerdì 08-10-10, il giorno della cena, ho conosciuto e sono andato a pesca con Luca Ponzo, l’amico che era con lui domenica.

Luca è un ragazzo di assoluto valore umano, uno fuori dalla media!

La data, Domenica 10-10-10, vorrà ben dire qualcosa.

Ci metteremo una vita a capire quali e quanti messaggi ci ha lasciato con la sua vita e la sua scomparsa prematura.

 

Vi voglio raccontare un episodio per far capire a chi non lo conosceva che persona era Giulio:

Quando acquistai una suo fucile, un Idro 110, decidemmo di andare a pesca assieme, così me l’avrebbe consegnato personalmente facendomi risparmiare i soldi della spedizione.

Io ancora non lo conoscevo.

Decidemmo di partire con il suo gommone.

Mi diede il fucile e mi disse di metterlo nella sacca, ma io la sacca non l’avevo!

Mi disse allora: “Te la regalo io la sacca… non puoi lasciare il fucile senza protezione, si rovina!”!!!

Giulio amava ogni sua creazione!

Insomma quel giorno acquistai il fucile (ad un prezzo di favore per via del fatto che ero amico di un suo amico) , mi regalò la sacca e mi porto anche a pesca!

Questo era Giulio!

 

Io credo che noi dobbiamo imparare da lui non soltanto come si pesca e come si va per mare, ma anche e soprattutto come si vive!

Per me sarà sempre un esempio da seguire.

Giulio quando ci rivediamo lassù ricordami che ti devo una pescata!

Ti avremo sempre nel cuore!!!

 

Un abbraccio forte a tutta la famiglia.

 

Se non mi ricordo male eravamo in tre, quel giorno. Io arrivai in ritardo, e Giulio mi cazzio bonariamente, con il suo sorriso di sempre.

Me la ricordo bene quell'uscita (non so se è quella di cui parli, Lorenzo, o una che abbiamo fatto insieme subito dopo la vostra). E mi ricordo anche tutte le altre che ho fatto con Giulio, ci ho ripensato spesso, in questi giorni. Ed la vacanza di pesca in Sardegna insieme.

Penso davvero che non sono frasi di circostanza, io Giulio lo porterò sempre dentro al cuore. E mi sarà impossibile non pensare a lui, da ora in poi, quando entrerò in acqua, pescando in quei posti che erano i suoi posti.

Ieri sera, dopo aver messo a letto le mie bambine, sono sceso in cantina, nella "mia" stanza, quella dove tengo tutte le mie attrezzature da pesca e da caccia.

Ho tirato fuori dall'armadio i miei fucili Eban, il mio Idro ed il mio Evo, li ho messi sul tavolo e mi sono seduto li davanti. Li guardavo, semplicemente. Ne osservavo i particolari. Ne guardavo l'insieme ed i dettagli, la cura costruttiva, le differenze (il mio Idro 110 è un prototipo, credo sia uno dei primi costruiti, dopo quello di Giuliano). Osservavo la staffa per la videocamera ancora montata (ero passato a prenderla da Giulio un mesetto fa).

Non so spiegarlo, come mi sentivo. Ero commosso, mentre li guardavo, profondamente. Per la prima volta da anni, ho pianto.

Ma dentro, per la prima volta da domenica sera, mentre guardavo i miei, anzi i suoi fucili, mi sono sentito una grande serenità. Forse perchè, finalmente, mi ero sfogato piangendo. Ma io non lo credo. Io, ieri sera, mi sono sentito come se Giulio fosse davvero in quella stanza con me.

Hai detto una cosa bellissima, cara Cristina: lo spirito è materia e la materia è spirito. La nostra mente è in grado di far vivere, realmente, chi non c'è più.

Giulio starà sempre nel mio cuore, nel cuore di chi lo ha conosciuto e gli ha voluto bene.

 

Link to post
Share on other sites

Era il 2007 forse novembre quando con Ciccio62 (Serafino) e Giulio, partivamo col suo marshall rosso da La Frasca direzione Tarquinia. Scaduta di libbeccio con onda lunga e visibilità al limite della decenza. Ve la faccio breve, ricordo Giulio che mi prendeva per il c**o perchè ero divelto sul calpestio bianco come la cuscineria e dopo aver sboccato due volte ...

 

E di quella volta che con Giorgetto con il suo marshall rosso siamo andati sull'antimurale del porto di Riva di traiano di straforo e Giulio si sentiva la spigola gia a paiolo ... bè, non ci crederete ma l'ha presa veramente e pure documentata con tanto di video. Sempre con la sua modestia come se avesse sparato un tordo .

 

E quando con Giuliano siamo andati a Ladispoli e abbiamo sbagliato due volte l'uscita, ricordo la risata di Giulio in macchina che nonostante stessimo in netto ritardo sulla tabella di marcia, riusciva a dare un senso diverso alla giornata cominciata non proprio bene ... e infatti uscimmo col mio gommone, sempre un marshall rosso, e cappottammo tutti e tre.

 

Di ricordi ne ho tanti, le cene del roma e dintorni dove non mancava mai e dove portava sempre il sorriso, a lui piaceva anche ascoltare e non essere protagonista.

 

E dei biglietti dell'eudi ne vogliamo parlare ???

 

Giulio Giulio, mi mancherai, veramente!

 

P.S. Giuliano, se hai tempo e voglia raccontaci qualche aneddoto passato con Giulio, anche divertente.

 

 

Edited by simone78
Link to post
Share on other sites
ciao, sono Cristina la sorella maggiore di Giulio, vorrei ringraziarvi tutti per i messaggi e la solidarietà che state mostrando. Non conosco il vostro mondo ma, so che mio fratello ci stava bene, in particolare, negli ultimi anni era felice di occuparsi a tempo pieno della sua grande passione: il mare. Che voi siate credenti oppure no, in questo caso, possiamo stargli vicino solo con il pensiero e la preghiera. Le relazioni, a mio avviso, vanno oltre la fisicità, rimangono sempre con noi e, se noi vogliamo, la mente è in grado di ridarci tutto quello che pensiamo di aver perso. Sono fortemente convinta che lo spirito è materia e che la materia è spirito. Ricordatevi che quando vi immergete in posti che a lui sono piaciuti o quando prendete un pesce o raggiungete un record di apnea lui è lì con voi, sente tutto quello che dite vi vede, ride e condivide ogni cosa.

 

Che cosa aggiungere a queste parole? Rimane solo un senso di profonda tristezza, amarezza e incredulita'. Un abbraccio forte a te e alla tua famiglia, Cristina.

 

Mi sento fortunato ad avere uno dei fucili di Giulio; andare in mare impugnando quel fucile avra' ora un significato diverso.

 

Un pensiero anche a Luca; perdere un compagno di pesca in questo modo deve essere una cosa terribile. Un abbraccio anche a te.

 

Matteo

Link to post
Share on other sites

Io con Giulio a pesca non sono mai andato, era troppo il divario tecnico per organizzare un'uscita assieme. Però ho avuto lo stesso modo per conoscerlo ed apprezzarlo, le cene del gruppo di Roma avevano un qualcosa in più quando c'era anche lui, e la sua mancanza si sentirà.

La notizia della sua scomparsa è stato un fulmine a ciel sereno, sopratutto a fronte del fatto che solo il giorno prima eravamo stati a cena assieme.

E' un rapporto strano quello che ci lega nel gruppo di Roma e dintorni, e sicuramente io (come altri presumo) ho sottovalutato il valore di un'amicizia autentica ancorchè nata davanti allo schermo di un pc.

Non sono mai stato a pesca con Giulio, ma in fondo... è come se ci fossi sempre andato.

 

Link to post
Share on other sites

ciao a tutti....profonda tristezza e sconforto ci affligge per questo tragico evento..siamo tutti vicini alla famiglia e prego affinchè possano trovare la forza per andare avanti!!!

un saluto particolare anche a Luca..forza e coraggio!!

Sono onorato di pescare con uno dei suoi fucili e ogni volta che entro in acqua sarà sempre presente!

saluti alla famiglia!

Link to post
Share on other sites

.....ricordi ce ne sono di belli con lui anche per me..... le tante volte che passavo a trovarlo in magazzino e tra un lavoro e l altro era sempre pronto a darmi dei consigli tecnici e pratici, le tante pescate insieme con Giuliano e le risate sincere che accompagnavano spesso le nostre giornate, iniziate ancora al buio e finite nello stesso....L enorme soddisfazione nell aver acquistato uno dei primi EVO 100 proprio da lui perchè oltre ad essere in quel caso il mio venditore,era anche e sopratutto un amico...Ricordo che una sera al rimessaggio dopo una pescata Giuliano si attaccò ad una bottiglia per bere e mentre io e Giulio stavamo parlando tra di noi, sentimmo tossire all inverosimile Giuliano che per la sete non si accorse che quella bottiglia conteneva la rimanente acqua saponata della giornata!!Le risate si sprecarono fino a sentirci male........................ CIAO AMICO MIO , ogni volta che pescherò, sarai sempre con me a consigliarmi ed a proteggermi, fino a quando ti rivedrò lassù, ancora sorridente......... come sempre! :clover:

Link to post
Share on other sites

Novità tramite email di Luca:

 

Ultimo aggiornamento: io, Luca Ponzo

insime Roberto La Mantia e il sommorzattore, Roberto Scotto, che ha in

possesso dei brevetti altamente qualificati e specifici per andare oltre

...i 40 metri, domani ufficialmente andremo al Giglio a ritrovare il nostro

caro "Archimede" Giulio... sperando di concludere a buon fine

di ritrovare il suo copro e consegnarlo i suoi cari familiari...

 

 

 

FORZA RAGAZZI!!!!!!

Link to post
Share on other sites
Alle 07:36 notizia tramite sms di Luca:

 

Sono partito per raggiungerLO e concludere il nostro obiettivo....pensami...

 

 

 

Forza Luca Ponzo!!!

Forza Roberto La Mantia!!!

Forza Roberto Scotto!!!

 

FORZA RAGAZZI!!!!

 

Gran bella iniziativa!!! Forza ragazzi!!!

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...