> Considerazioni sulla Morte - Page 4 - Pesca in Apnea - AM FORUMS Jump to content

Considerazioni sulla Morte


Recommended Posts

  • Replies 49
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

in verità vi dico che Dario alias Astapersa è il messia

si riconoscono in lui miracoli come: la moltiplicazione dei pesci, cammina sulle acque e dulcis in fundu a casa sua non manca mai il vino

 

detto questo mi rivolgo a tutti gli atei comunisti senza dio "vi ammazzo a furia di ginnastica, vi faccio venire i muscoli anche al buco del culo e trasformerò queste masse di putrida materia in uomini, per questo dio mi aiuta e mi vuole bene"

Full metal jaketfull metal jaket

Link to post
Share on other sites
Re-intervengo,

non sono un baciapile ma credo, credo dentro, ho le mie evidenza che c'è un disegno superiore

nonostante ciò non mi sento minimamente disturbato da chi professa teorie atee, nè tantomeno mi sogno di fare "sottile opera di proselitismo"

 

nella fede ci deve essere spazio per la tolleranza, anzi deve essere un punto cardine

 

nel discorso di Dario sembra che la fede c'entra poco, io l'ho interpretato come

"questa è la vita vai, vivi, e alla fine, quando viene il tuo momento, muori"

ma questo in un certo senso è il succo del credo, Dio ti rende libero delle tue scelte, stà a te cercare si rendere bella e piena la tua vita

pleonastico che le nostre scelte segnano il percorso

fin troppo ovvio che gli sbagli li facciamo noi e che il destino prima o poi scriverà la parola "fine"

 

perciò , in fondo atei o credenti credo che le persone di buon senso possano ben riconoscersi nelle parole di Dario

 

 

 

 

mmazza che pesantezza :rolleyes:

 

Giusto :thumbup:

Link to post
Share on other sites
... Mi pare che comunque, dal tuo discorso, risulti che è il destino a portarci alla morte, e nulla possiamo fare per evitarla. ...

 

Non credo nel destino così come non credo in nessun dio, sono scuse inventate da noi esseri imperfetti per giustificare le perfette cazzate che facciamo...

 

 

In questo post ci sono vari aspetti dell'essere "umano".

 

La presunzione di sentirsi superiori alle altre forme di vita, in contrapposizione alla paura dell'ignoto....Ricerchiamo affannosamente risposte che non avremo mai o che non saremo noi a raccogliere. Giustifichiamo l'imponderabile con entità superiori. Ci attribuiamo poteri solo per stupide convenzioni. Eleviamo la coerenza a valore, quando non è insità nella natura umana. Interpretiamo i fatti secondo schemi che ci fanno comodo, che spiegano il nostro esclusivo modo di concepire la vita. Certo dalla nascita siamo sicuramente condizionati dall'ambiente in cui viviamo....sia esso religioso, mafioso, politico e chi più ne ha......

Se solo riuscissimo ad evadere dalla ambiente antropocentrista in cui esistiamo ci renderemmo conto che non siamo altro che una piccola entità biologica sulla terra....Com'è il fatto che dice che se paragonassimo la vita sulla terra alla vita di un uomo, la nostra esistenza sarebbe appena un battito di ciglia.....

E tutto relativo...pure la morte (per quanto innevitabile essa sia)....però almeno possiamo scegliere......e scegliere cosa....per quanto mi riguarda....il rispetto (già citato da Dario) la solidarietà (mi sembra la auspicava un certo Leopardi come soluzione) e sacrificio (che spesso da il giusto valore a ciò che si ottiene). Ma forse ci facciamo ancora governare dai nostri istinti primordiali.

 

Mo posso pure andare a....farmi un bagno :P

 

:bye:

 

 

 

Link to post
Share on other sites
Ciao Dario, come sempre hai toccato un argomento che interessa il forum, che sia di divertimento, in questo caso di profonda riflessione.

Hai elencato con precisione molti casi in cui un sub in apnea può rimanere in apnea per sempre,io vorrei esprimere il mio pensiero da uomo con i capelli bianchi,da una vita metto la faccia sott'acqua, questo mi ricarica di energia positiva, mi rilassa, mi lascia solo con me stesso, i problemi vengono (purtroppo)momentaneamente dimenticati.

Certo non sono incoscente, so che sono in pericolo ma se questo mi dovesse tormentare perchè persistere in un'attività stressante.

 

Concludo dicendo io vado a mare con serenità, sicuro di non fare male a nessuno, e comunque se dovesse succedere l'irreparabile,è stata una mia scelta.

 

Meglio morire abbracciato dal mio amato mare, che in una corsia d'ospedale carico di flebo dopo una lunga malattia.

 

Ostrega........................... come disse Totò dopo la livella.

Comunque domani vado a mare. ;)

 

Un abbraccio Sarino ciao Dario

Mitico

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...