> siccia's Content - AM FORUMS Jump to content

siccia

Socio ASD AM
  • Content Count

    3,308
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Everything posted by siccia

  1. Comunque io intendevo un calo di prestazione dopo allenamento specifico... per scelta
  2. Vero, l'ho provato sulla mia pelle, sarebbe bello approfondire invece.... Comincia tu, se non finisce a schifo ti seguo
  3. Può sembrare paradossale ma ci sono pescatori che dopo un periodo di allenamento specifico hanno ridotto quote operative e tempi di apnea nonostante il miglioramento dello stato di forma. Tuttavia questo è un discorso abbastanza delicato, per essere sviluppato completamente occorrerebbe un po' di "politicamente scorretto" e probabilmente su internet è meglio evitare...
  4. Intendiamoci... non è che sei Don Chisciotte o predicatore... per me, piuttosto lo sarai inevitabilmente per qualcun altro e precisamente per chi ha già scelto come muoversi per ottenere ciò che vuole a prescindere da quello che puoi dire tu. Se un soggetto si mette in testa di fare una cosa e tu la ritieni sbagliata, puoi dissuaderlo, FORSE, sempre se ritieni che ne valga la pena, solo parlando da un pulpito sufficientemente autorevole. Bene ad oggi l'autorevolezza del pulpito, spesso (fortunatamente non sempre) non è rappresentata dal singolo istruttore o allenatore (a meno che si tratti di
  5. Lo capisco, ma certi corsi sono spesso proprio ciò che consapevolmente cercano certi allievi... Io penso che se si indagasse un po' sui criteri con cui certe persone scelgono un corso o un istruttore, piuttosto che un altro, si scoprirebbero realtà abbastanza raccapriccianti. Ma se vogliamo fare un discorso generico sugli incidenti e non di politica e bandiere, devo dire che delle volte la vita è strana, sicchè capita pure che una testa di caxxo data per spacciata in mare nel giro di pochi anni, possibilmente morirà di vecchiaia perchè FORTUNATA (ci credi alla fortuna? se ci credi dovresti p
  6. L'intenzione di "salvare" il prossimo è nobile, ma non è scontato che il prossimo voglia essere salvato da "te" (te si fa per dire, ovviamente è generico). Inoltre quell'intenzione sottintende una presunzione: potersi permettere, per capacità e competenze, di salvare qualcuno, ma guarda che questo è un campo minato...
  7. Giampa hai descritto situazioni più da allenamento che da corso tecnico, ma l'istruttore e l'allenatore svolgono funzioni un po' diverse tra loro e teoricamente si rivolgono a tipologie di apneisti differenti, infatti la federazione distingue le due figure
  8. Col numero dei praticanti cresce anche quello di coloro che non sono improvvisati, probabilmente perchè oggi sempre più gente cerca di non entrare in acqua in stile fai da te: questo è un altro dato di fatto. Gli emuli ci sono sempre stati, ed in numero non potranno che crescere in modo direttamente proporzionale ai praticanti, ma non per questo quelli che sono morti e moriranno, sono stati e saranno tutti emuli... che cosa ne sappiamo di chi non conosciamo? Tanti non sono tutti e non per forza la maggioranza, tanti, molti o pochi significa tutto e niente... io mi limito a dire che sono comunq
  9. La prima persona a cui dovrebbe far bene un discorso sulla sicurezza è proprio quella che per prima ne parla perchè, come tutti i praticanti, non è immune dall'errore, dalla sfiga, e non possiede la formula magica per essere certo di tornare sempre a casa coi suoi piedi, ma troppo spesso leggo di consigli online per tornare a casa sani e salvi, nonchè di presunte cause di tutti i mali, senza condizionali, il che lascia intendere certezze che secondo me potrebbero essere proprio una delle cause di potenziali pericoli in mare. Probabilmente io stesso sono caduto in questo errore più di una volta
  10. La strada che hai imboccato è quella che porta a smettere di pescare per rispetto verso il mare, dato che quello sportivo non è un prelievo di necessità, non muori di fame se non peschi, contrariamente all'indiano se non ammazzava il bisonte, o al badjao del video se non uccide il pesce (loro si uccidevano per sopravvivenza e rispettavano al limite della venerazione ciò che uccidevano e di cui si nutrivano). Che dire, spero che tu faccia al più presto quella scelta integralista che ti permetterà di abbandonare finalmente sto brutto senso di colpa che ti impedisce di mostrare la tua faccia cont
  11. Non ho spulciato niente, volevo solo la conferma che quel pesce che hai ucciso ti ha reso talmente felice da fotografarlo e poi mostrarlo a qualcuno
  12. Quella dei pescatori subacquei è una "specie migratoria", essi si spostano in funzione della concentrazione del pesce o anche della difficoltà di cattura Più in un posto è difficile pescare qualcosa, meno pescatori ci si vedranno: probabilmente il posto a cui ti riferisci tu si è impoverito molto ultimamente Scrivere su un forum moderato "da altri", in un ambiente di prime donne come quello dei pescatori subacquei, è sempre stato un problemone, altro che... Il social ha risolto il problema, lì le prime donne possono esprimersi senza la "rottura" del contraddittorio, senza la moderazione di a
  13. Ma no.. i praticanti anzi aumentano, solo che i social stanno uccidendo i forum.
  14. Il tempo passa troppo velocemente... Auguri ad un'AM adolescente
  15. Ma puoi fargli la respirazione bocca a bocca (o bocca-tubo-bocca)
  16. Il mulinello serve moltissimo per esigenze di pesca e per sicurezza, basta chiedere in che modo e sicuramente qui arriveranno spiegazioni a bizzeffe... Se le riprese non sono in soggettiva, con ogni probabilità era il cameraman ad essere sagolato alla boa o questa era pedagnata a poca distanza. Per la cronaca: la legge obbliga all'uso della boa ed al mantenimento di una determinata distanza massima da essa, non a vincolarsi costantemente. Sagolarsi, inoltre, può anche essere pericoloso in certi casi, quindi, come lo stesso Bellani ha suggerito in più occasioni, meglio pedagnare la boa e pescar
  17. Non vi dico delle due boe segnasub che ho distrutto per usare sagola più corta della profondità di pesca e per mettere in trazione pesce incastrato male...
  18. I 3 profondi atti respiratori non servono soltanto ad abbassare poco la CO2, ma anche ad incrementare, seppur di poco, l'O2.Mi hai citato Doc Malpieri ed io ti rispondo con dati che fornisce lui stesso in una delle tante sue pubblicazioni reperibili in rete (se vuoi poi te la linko): l'iperventilazione determina un incremento dell'O2 dell'aria alveolare attorno al 5% (dal 13% al 18% circa). L'iperventilazione "selvaggia" (quella sconsigliata ormai quasi universalmente perchè troppo pericolosa), oltre a determinare quel piccolo incremento dell'O2 nell'aria alveolare, produce un eccessivo abbass
  19. I 3 profondi atti respiratori non servono soltanto ad abbassare poco la CO2, ma anche ad incrementare, seppur di poco, l'O2. Mi hai citato Doc Malpieri ed io ti rispondo con dati che fornisce lui stesso in una delle tante sue pubblicazioni reperibili in rete (se vuoi poi te la linko): l'iperventilazione determina un incremento dell'O2 dell'aria alveolare attorno al 5% (dal 13% al 18% circa). L'iperventilazione "selvaggia" (quella sconsigliata ormai quasi universalmente perchè troppo pericolosa), oltre a determinare quel piccolo incremento dell'O2 nell'aria alveolare, produce un eccessivo abbas
  20. Ciao Giuseppe, capisco, grazie delle info.Domanda: l'aria alveolare ha una composizione uguale a quella dell'aria atmosferica? Ciao Fabio, non sono in grado di rispondere alla tua domanda della quale, evidentemente, conosci giá la risposta.Per le mie comunque modeste competenze di fisiologia subacquea finalizzate ad immeregermi in sicurezza e ad insegnarlo ai miei allievi, ho espresso la mia opinione che non vuole essere veritá assoluta. Magari ho capito male quello che intendevi, per cui ti sono grato se mi esponi la tua teoria affinché possa comprendere meglio cosa succede al nostro corpo, s
  21. Ciao Giuseppe, capisco, grazie delle info. Domanda: l'aria alveolare ha una composizione uguale a quella dell'aria atmosferica?
  22. Non credo che l'iperventilazione non dia più O2 in assoluto... dipende da quanto O2 si ha a disposizione. Quando si è in carenza di ossigeno (come ad esempio dopo una lunga apnea) il corpo ci fa iperventilare spontaneamente proprio per ripristinare i valori di O2 (alzandone la concentrazione) e di CO2 (abbassandone la concentrazione) precedenti il lavoro che ha indotto l'alterazione di quei gas. Quando corri o vai in bicicletta, dopo un po' vai in debito di ossigeno ed è normale che una forma di iperventilazione (naturale o "studiata") tenda a farti stare meglio. Quando invece ti stai preparan
×
×
  • Create New...