> Rob.. - AM FORUMS Jump to content

Rob..

Members
  • Content Count

    35
  • Joined

  • Last visited

About Rob..

  • Rank
    Nuovo Member

Previous Fields

  • Disciplina praticata in prevalenza
    Pesca in apnea
  • Tesserato FIPSAS?

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Bedizzole (BS)
  1. Ciao Sly, grazie per la risposta. Se ho ben capito posso partire subito dopo il porto loc. puntone spostandomi verso sud. Le mie uscite saranno alla mattina presto quindi pochi problemi con traffico nautico. Per la visibilità nessun problema, dopo il lago qualsiasi situazione non può essere che migliore. Purtroppo le compagne difficilmente condividono gli stessi ideali, soprattutto se marini..... Ora vado a preparare il 100 con il doppio..... A proposito qualcuno ha info relative a qualche ordinanza che potrebbe guastarmi la vacanza? Grazie a tutti Roby
  2. Ciao a tutti, dopo una lunga e forzata assenza dalla pesca a causa lavoro, finalmente posso godermi una meritata vacanza in Toscana zona Scarlino. Qualcuno può consigliarmi una zona tranquilla e facilmente accessibile da terra dove passare un paio d'ore all'alba senza problemi? Disponibile a qualche uscita in compagnia. Grazie a tutti in anticipo per le dritte. Roberto
  3. I primi anni ho sofferto spesso con questo problema, ho provato di tutto senza grossi risultati. Ora ho risolto e debbo dire che sono almeno 3 anni che non ho otiti. Credo che il mio problema fosse principalmente una compensazione errata, forzando quando incontravo anche una leggera difficoltà. Quindi il primo consiglio che ti posso dare è NON FORZARE MAI. Di solito è solo per pigrizia e non "sprecare" la calata che si insiste, ma questo ha solo il risultato di infiammare le parti sottoposte a pressione. Torna su, togli il la maschera e riprova. Come disinfettante uso acqua borica con acido a
  4. Bellissimo! Grande stima per una scelta che dimostra un grande equilibrio ed un evidente amore per il mare. Sono convinto che il mare ti ripagherà con gli interessi al momento opportuno. Complimenti. Roberto
  5. http://www.garesub.com/sito/seconda.asp Chissà perchè manca proprio il 1974? Boh.
  6. Caspita questa si che è un'idea che si addice al mio modo di pescare e ai fondali che frequento, dove si cambia spesso tecnica e profondità. E poi ragionando un attimo, se la Totem fornisce come standard l'asta da 7 un motivo ci sarà ( e 2 prove le avra ben fatte). Grazie mille per l'ottimo consiglio Roberto
  7. Ecco adesso mi vengono le paturnie! Devo dire che i tiri fatti sui pesci più belli sono sempre stati tiri lunghi e con l'asta da 6.5 x 130 ho avuto l'impressione che la massa fosse insufficiente ( i pesci erano passati a malapena). Pensavo di superare il problema con il doppio, ma la massa inferiore potrebbe vanificare il tutto. to be or not to be....
  8. Se ti è arrivato così dalla totem evidentemente va bene anche così. Grazie per le dritte Tra meno di un mese sarò in Sardegna ed avrò modo di provarlo come si deve. Grazie ancora Roberto
  9. Fino ad ora ho usato sempre aste da 130, anche quella da 6,5 (mi trovo bene, soprattutto nell'agguato). E' un errore? Con l'asta da 130 x 6.5 non ha senso il doppio? Grazie
  10. Dopo un'utilizzo quasi esclusivo del mio twin con il singolo da 19, vorrei passare al doppio da 16 con asta da 6.5 per avere un pò più di brio nel tiro (ho l'impressione che con quella da 7 il tiro risulti un pò più lento). Con l'asta da 6.5 mi sembra che necessiti di un pò di peso in punta, anche se devo dire che in acqua si gestisce bene e nell'agguato non stanca il polso. Domanda è da appesantire in punta? Di quanto? Qualche idea su come fare? Grazie Roberto
  11. Ciao a tutti, in agosto sarò in vacanza in Sardegna zona Rudalza (vicino a Marinella). Considerando che praticamente pesco solo all'agguato nel bassofondo all'alba, ci sono zone nei paraggi adatte? Ci sono limitazioni? Se ci fosse qualcuno in zona nel periodo dal 1 al 13 agosto sarei ben contento di condividere qualche uscita insieme. Grazie a tutti. Roberto Bonomelli
  12. Perchè non proviamo ad utilizzare dei metodi scientifici per identificare/pesare le varie problematiche e per ultimo trovare delle valide soluzioni o in alternativa perlomeno catalogare i vari rischi dando un peso oggettivo? Esiste uno strumento che si chiama FMEA (Failure modes and effects analysis), sono sicuro che diverse persone sono a conoscenza di questa metodologia. Per fare qualcosa di serio e importante serve un team di persone esperte (possibilmente le più esperte) disposte ad analizzare, scomporre tutti i possibili problemi, le cause, gli effetti ecc. Sicuramente un lavoro
×
×
  • Create New...