Home » Articoli » Tiro al bersaglio: a Brescia vittoria in rosa!

Tiro al bersaglio: a Brescia vittoria in rosa!

| 15 dicembre 2010 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Il Trofeo Città di Brescia di Tiro al Bersaglio Subacqueo è giunto alla sua ottava edizione. Alla manifestazione, organizzata dal Sub Club Brescia, col patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Brescia, valevole come selettiva nazionale e Campionato Regionale Lombardo, hanno aderito ben tredici società, alcune delle quali provenienti dal Piemonte, piacevole novità della stagione agonistica 2010/2011.

La piscina Palasystema – Lamarmora di Brescia

La partecipazione delle società piemontesi, anche se nel caso dell’Eridania Sub Torino si può parlare piuttosto di un ritorno, è stata il frutto del lavoro di promozione operato nel corso degli ultimi mesi, con prove teoriche e pratiche di tiro sub che hanno coinvolto diverse società di quella regione.

I quaranta atleti partecipanti hanno avuto modo di fruire, come consuetudine, della bellissima piscina Palasystema – Lamarmora di Brescia, grazie all’assessorato allo Sport del Comune di Brescia, che ha concesso l’utilizzo della vasca più grande tra quelle presenti in questo splendido impianto, la cui lunghezza di 50 metri per una larghezza di 25 ed una profondità costante di due metri, ne fanno in assoluto l’impianto più bello di tutti quelli finora utilizzati per le gare di Tiro al Bersaglio Subacqueo, con caratteristiche che esaltano la precisione dei tiri, grazie alla limpidezza dell’acqua ed al fatto che i fucili non subiscono particolari movimenti causati dal moto ondoso presente in altre piscine.

Tra gli atleti presenti, spicca il vice campione italiano assoluto di pesca in apnea Franco Villani, atleta dell’Apnea Club Brescia, peraltro reduce dall’esaltante esperienza ai mondiali di pesca in apnea di Lussino (Croazia) dove ha partecipato con la Nazionale, in qualità di secondo di Stefano Bellani.

Una fase della gara

Il bordo vasca comincia ad affollarsi di atleti con le proprie attrezzature, sotto lo sguardo vigile del giudice di gara Armando Abrami e del direttore di gara Pierangelo Robba. Dopo avere disputato le prove libere, necessarie alle ultime verifiche di mira ed il briefing con giudice e direttore di gara, la competizione ha inizio con il Tiro Libero.

Al termine della prima manche, la sorpresa viene dal giovane atleta del Gruppo Subacqueo Ferrarese, Edoardo Ballardini, che guida la classifica davanti agli atleti più blasonati, con un punteggio di assoluto rispetto: ben 1861 punti! Tra le donne, si mette in evidenza la solita Marusca Marini degli Amici Apnea Bergamo che totalizza il punteggio più alto di manche con 1950 punti, preludio di una vittoria che assumerà una connotazione ben più particolare…

Lo staff del Sub Club Brescia si adopera per calcolare i punteggi con il nuovo regolo, secondo l’attuale regolamento, schierando tre addetti in contemporanea, a dimostrazione che il nuovo sistema di valutazione necessità di maggiore impiego di risorse per rispettare i tempi della manifestazione.
Nel frattempo, giunge graditissima a tutti la visita di Valerio Grassi, che, come spesso accade, approfitta della circostanza per riabbracciare i tanti amici, dimostrando di tenere sempre a cuore questa disciplina, al cui sviluppo ha contribuito con convinzione e passione.

La seconda manche del tiro libero viene completata e le sorprese continuano, regalando la vittoria a Raffaele Bertarelli del Nuoto Sub Vignola che, dopo una strepitosa seconda frazione balza dal quinto posto al primo, imponendosi con 3610 punti davanti, a Giuseppe Meduri del Sub Club Brescia con 3530 punti ed al campione italiano di Tiro Libero in carica, Marco Vergine dell’Europa Sporting Club Brescia che ha totalizzato 3496 punti. Appena dietro, di soli 5 punti, il bravissimo Edoardo Ballardini, penalizzato solo dall’eccedenza di tempo.

Giuseppe Meduri si conferma campione regionale lombardo di specialità, Marusca Marini, continuando sulla scia positiva della prima manche, chiude con il punteggio di 3790 punti, che la colloca al vertice non solo della classifica femminile, ma anche di quella, puramente ipotetica, generale, totalizzando il punteggio più alto in assoluto e ritoccando ulteriormente il record di punteggio che già le apparteneva, oltre a vincere il titolo di Campionessa Regionale Lombarda. Alle sue spalle, Nada Ramunno dell’Ocean Sub Modena precede, con 2460 punti, la brava Evelina Santocono di Bolzano Sub, che completa il podio con 2088 punti.

Il podio maschile (Bertarelli,Meduri,Vergine) e femminile (Marini,Ramunno,Santocono) di Tiro Libero

Uno componente del team di Maremania

E’ la volta della Staffetta per Società, dove sono necessarie quattro batterie per vedere in azione tutte le squadre dei circoli in gioco, alcuni dei quali rappresentati da due compagini.

La squadra di Maremania Milano “A”, composta da Lucio De Natale, Stefano Oggioni e Lucio Tremolizzo, al terzo giro incappa in un incidente tecnico, per fortuna l’unico di tutta la gara, con l’asta che rimane piantata nella sagoma, causando l’interruzione della loro prova e successiva ripetizione al termine delle altre batterie, come previsto dal regolamento.

E’ stato un vero peccato, perché i tre tiri presenti erano altrettanti straordinari centri, che avrebbero proiettato la squadra verso un successo quasi certo. Quando la sfortuna si accanisce non c’è verso e anche la riproposizione della prova viene interrotta dai “maremaniaci” per la rottura di un archetto, determinando così il ritiro della squadra.

Il verdetto finale sancisce la vittoria, meritatissima, del Nuoto Sub Vignola “A” (Raffaele Bertarelli, Maurizio Grandi e Matteo Manzini) con 1854 punti. Secondi classificati, ma campioni regionali lombardi, con un solo punto di scarto, l’Europa Sporting Club Brescia “A” (Tino De Luca, Roberto Singia e Marco Vergine) davanti agli Amici Apnea Bergamo (Mario Buongiovanni, Primo Girolimetto e Marusca Marini).

A chiudere le competizioni arriva l’atteso Biathlon che, una dopo l’altra, propone le ultime due batterie con gli atleti più veloci che non deludono le aspettative.

Il podio del biathlon maschile (Deola, Oggioni, Girolimetto)

In particolare, nell’ultima batteria a darsi battaglia ci sono Giuseppe Meduri, Franco Villani, Alberto Rezzi e Primo Girolimetto, quest’ultimo risultato il più veloce di tutti con 87,5 secondi ma che, a causa di un tiro sbagliato, deve accontentarsi della terza piazza del podio, per cedere le armi al bravo Massimiliano Deola di Maremania Milano, classificatosi secondo con 5 tiri validi in 118 secondi, ma soprattutto al bravissimo Stefano Oggioni (Maremania Milano) che si è aggiudicato la gara ed il titolo di Campione Regionale con una grande prestazione, piazzando 5 tiri validi nel tempo di tutto rispetto di 107,6 secondi.

Nel Biathlon femminile esulta ancora una volta Marusca Marini degli Amici Apnea Bergamo che si impone su Evelina Santocono di Bolzano Sub ed Alice Benini del Gruppo Subacqueo Ferrarese.

Al termine della competizione, atleti ed organizzatori si sono spostati dalla piscina alla bella ed accogliente sede del Sub Club Brescia, dove ad attenderli c’era il famoso “terzo tempo”, a base di pizza, pasta e molte altre leccornie che hanno permesso a tutti di rifocillarsi, recuperando le energie profuse durante la giornata.

Il terzo tempo

Mentre il maltempo imperversava all’esterno, con freddo e neve, consigliando di affrettare le operazioni di rito per favorire il rientro degli atleti provenienti da lontano, è stata celebrata la premiazione dei primi tre classificati nelle varie discipline, oltre che dei campioni regionali lombardi, ad opera del presidente del Sub Club Brescia Giorgio Frassi ed alla presenza del responsabile provinciale FIPSAS Roberto Palazzo. Espletata la parte formale, non poteva mancare il momento goliardico con la riesumazione, è il caso di dirlo, del “tapiro d’oro”.

Questa volta però, non è stato assegnato per motivi di “attapiramento” legati alla gara del giorno, ma con una motivazione che in realtà è stata più un pretesto per tributare il giusto applauso al poliedrico Franco Villani che con la sua stagione splendida nella pesca in apnea, ha inanellato il secondo posto al Campionato Italiano Acque Interne e al Campionato Italiano Assoluto in Mare, sempre per una sola preda di differenza rispetto ai vincitori e, aggiungiamo, secondo anche a Stefano Bellani (per estensione letterale del termine), al mondiale di Lussino, con la nazionale italiana. Si può essere certi che Franco non avrà motivi per essere attapirato, risultando l’atleta più completo e regolare nel corso dell’anno 2010 e dimostrando ancora una volta di tenere anche al Tiro al Bersaglio Subacqueo, rientrando per l’occasione dalla Sardegna, dove si trova attualmente, per non mancare all’appuntamento con questa gara.

A chiudere la giornata, l’estrazione dei premi messi in palio dagli sponsor della manifestazione che anche in questa occasione sono stati particolarmente generosi.
Come consuetudine, i premi offerti da Beuchat, Best Hunter, Coltri Sub, Mepra, Omer, Seatec e Tecnoblu, sono stati sorteggiati tra gli atleti, lasciando alla dea bendata il compito di assegnare i premi di maggior prestigio, confermando il gradimento degli atleti verso questa formula che coinvolge tutti i partecipanti, a prescindere dal piazzamento in classifica.

Galleria delle premiazioni

Il Nuoto Sub Vignola A (Bertarelli, Manzini, Grandi)

L’Europa Sporting Club Brescia A (Marco Vergine, Tino De Luca e Roberto Singia)

Il podio del Biathlon femminile (Santocono,Marini,Benini)

Tags: , , , , , , , ,

Category: Altre discipline, Articoli, Tiro al Bersaglio Subacqueo

Leave a Reply