Home » Pesca in Apnea » Agonismo » Selettive 2015: Levanto, il sorprendente ritorno agonistico di Gabriele Delbene

Selettive 2015: Levanto, il sorprendente ritorno agonistico di Gabriele Delbene

| 22 novembre 2015 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 11    Media Voto: 4.3/5]

Testo e Foto di Paolo Lo Biondo

delbenecerniaLa seconda selettiva della zona Emilia Romagna-Lombardia , disputata a Levanto il 15 novembre 2015, non poteva avere premesse migliori: la partecipazione di un atleta di altissimo livello, rientrato nel mondo agonistico dopo una pausa durata più di 10 anni. Nato a La Spezia, classe 1966, da sempre eccellente agonista, Gabriele Delbene esordisce come campione italiano di seconda categoria nel ’98 e disputa i campionati di prima categoria dal ’99 al 2001, nel 2003 e nel 2004. Fa parte della nazionale per 8 anni, è secondo atleta italiano classificato ai campionati europei nel ’99 a Minorca (sesto posto assoluto), vince la coppa del Montenegro insieme a Petrini nel 2002. Nel 2004 è assistente e secondo atleta di Stefano Bellani, che vince il titolo di campione mondiale in Cile. Nello stesso anno (2004) Delbene vince per la 4ª volta, insieme alla squadra, il trofeo internazionale a squadre Isola d’Elba, in un’altra occasione è invece vicecampione. Ritiratosi nel 2004 dalle gare (ma mai dalla passione che lo lega al mare ed alla pesca in apnea), nel 2013 fa ancora parlare di sé: al largo di Cagliari cattura una cernia di 7,7 kg alla profondità di 62,4 metri. La performance, durata 2 minuti e 42 secondi, è per Delbene (e non solo!) una “Cattura record”.

Dopo tanti anni di inattività agonistica, decide perciò di rimettersi in gioco, persuaso dall’entusiasmo personale e dall’amicizia che lo lega al più volte campione palermitano Nicola Riolo. Gabriele è iscritto al Sub Club Brescia, può perciò partecipare alle selettive zonali di Emilia Romagna-Lombardia che si svolgono nei fondali liguri. La prima prova disponibile rispetto ai suoi impegni è quella di Levanto, del 15 novembre 2015.

Separati da una spiaggia e un porticciolo, il campo gara è costituito da due versanti: quello sud e quello nord. La formula delle selettive a nuoto con partenza dai gommoni a centro campo gara, impone agli atleti partecipanti una scelta precisa. Com’è consuetudine il giorno prima della gara, anche Gabriele fa la preparazione del campo gara, scegliendo il versante sud che ispezionerà a tutte le batimetriche disponibili. Il pesce si trova però fra i 4 e i 15 metri, ed è qui che imposterà l’intera durata della gara del giorno successivo. In preparazione trova un primo sarago sotto un sasso conosciuto, poi ancora un altro sparide e qualche altro pesce qua e là pronosticando già che l’indomani, il potenziale vincitore andrà al podio con 5/6 pesci.

Domenica 15 novembre 2015, alle ore 9.00 ha inizio la gara. Gli atleti in acqua sono più di 30, tutti motivati e competitivi. Gabriele parte sul segnale trovato in preparazione. Armato di un arbalete da 75 cm con fiocina a 4 punte, ritrova e cattura il grosso sarago già nei primi minuti di gara. Qualcos’altro, in quella tana, si è mosso. L’acqua però si è intorbidita, a causa del movimento creato dalla cattura. Bisogna aspettare qualche minuto perché si ripulisca un po’ l’ambiente. Quando è il momento si immerge, decide di insidiare il pesce da un’altra apertura nella roccia, impostando un aspetto dentro la tana. Il pesce, spaventato o forse curioso, fa capolino dalla roccia che lo nascondeva e l’atleta non perde l’occasione per catturarlo e portarlo in superficie: è un’orata di oltre 2,5 kg. Dopo queste due entusiasmanti catture Gabriele si sposta su un altro segnale trovato in preparazione, catturando ancora un sarago. Il resto della gara è impostato sulla scelta azzeccata di pescare al razzolo, che gli consentirà infatti di mettere a cavetto ancora 4 tordi pavone.

Delbene

Terminata puntualmente la gara alle ore 13.00, alla pesatura i carnieri saranno più ricchi rispetto ai pronostici: i primi dieci classificati portano alla bilancia dai cinque ai dieci pesci (orate, saraghi, corvine, salpe, cefali, tordi, mostelle, gronghi e murene). I carnieri più belli, com’è solito nelle gare, sono lasciati per ultimi. Spiccano in particolare quelli di Delbene e del forte atleta modenese Michele Maselli, del club Nuoto Sub Vignola, reduce da un terzo posto alla prima selettiva di Punta Bianca (La Spezia). La suspense è alta per i due favoriti, ma è Delbene ad aggiudicarsi il gradino più alto del podio per uno scostamento di 415 punti e riceve inoltre il premio per la preda più grossa (la bella orata).

sub club bresciaIl Sub Club Brescia, con il 10° posto di un inarrestabile Stefano Marenco (reduce, davanti a Maselli, di un ottimo secondo posto nella selettiva di Punta Bianca) e il 15° posto dello scrivente (e giovane) Paolo Lo Biondo, è prima società classificata.

Per Gabriele il rientro agonistico non poteva essere più entusiasmante, vincendo una gara molto difficile, soprattutto in una dimensione molto cambiata negli ultimi dieci anni. Il prossimo obiettivo è l’accesso al campionato di qualificazione 2016, il che richiederebbe un primo o secondo posto all’ultima selettiva di Moneglia, in programma ad aprile prossimo. In realtà, dal momento che i posti disponibili sono solo due, molto dipende dalle combinazioni delle classifiche nelle tre selettive. Sono favoriti i primi migliori risultati delle prove già disputate, ma al momento i giochi sono aperti e tutto può succedere…

Selettive 2015: Levanto, il sorprendente ritorno agonistico di Gabriele Delbene scritto da Redazione Apnea Magazine media voto 4.3/5 - 11 voti utenti

Tags: ,

Category: Agonismo, Articoli, Pesca in Apnea

Leave a Reply