Home » Pesca in Apnea » Agonismo » Raduno Team Omer 2001: in marcia!

Raduno Team Omer 2001: in marcia!

| 1 giugno 2001 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


Il dott. Luca Bartoli Preparatore atletico del Team Omer

Al rientro al villaggio, troviamo il resto del gruppo: nel frattempo sono infatti arrivati anche tutti gli altri.

Gli atleti della squadra di apnea Andrea Badiello, Roberto Chiozzotto e Riccardo Mazzi ed i giornalisti Stefano Navarrini del Subacqueo e l’affiatata coppia formata da Emanuele Zara e Lucia Notarangelo per Pescasub. La cena al ristorante è squisita ed un buon goccio di liquore di mirto ci manda a letto nel giusto “mood”. Ospite gradito della serata è Luciano Cottu, con il quale ho il piacere di intrattenere un’amabile quanto interessante conversazione.

Domani segnerà l’inizio ufficiale del raduno ed anche se questa prima giornata è stata davvero gratificante dobbiamo riposare in vista del nutrito programma che ci attende a partire dalla mattina seguente.

L’appuntamento è fissato per le ore 8 al punto di riunione.

Dopo la colazione, il responsabile del Team Marco Bardi illustra ai presenti le ragioni del raduno e le modalità del suo svolgimento.

Ogni mattina verrà illustrato il programma della giornata, caratterizzato da una serie di appuntamenti rigorosamente pianificati che richiederanno puntualità e perfetto sincronismo da parte di tutti i partecipanti, ospiti compresi.

Ogni sera, prima di cena, il gruppo si ritroverà per discutere della giornata di lavoro.

Al termine del discorso introduttivo di Bardi, tocca a Luca Bartoli esporre il programma della giornata.

Bardi aiuta De Silvestri ad indossare il cardiofrequenzimetro

Bruno De Silvestri, Stefano Manciulli e Corrado Natale andranno a pesca accompagnati dal sottoscritto; gli apneisti Badiello, Chiozzotto e Mazzi insieme a Salvatore Rovella si alleneranno in mare, mentre gli altri resteranno a disposizione dello staff medico per effettuare vari esami e test in piscina. Chi si recherà in mare giocherà comunque un ruolo importante nelle ricerche mediche: vengono distribuiti cardiofrequenzimetri e computer subacquei da polso che consentiranno ai medici di capire cosa succede all’organismo durante una seduta di allenamento in apnea o durante una battuta di pesca.

Il cardiofrequenzimetro registrerà l’attività cardiaca durante tutto il tempo dell’immersione, mentre il computer si occuperà di registrare la successione cronologica dei tuffi, la loro durata e la loro profondità.

I dati saranno poi scaricati sul computer posto nella base operativa, che consentirà in seguito di sovrapporre le curve temporali dei due strumenti e di avere un quadro completo dell’attività cardiaca durante tutte le fasi dell’immersione.

Questo tipo di test non è mai stato effettuato in precedenza, anche perché nessuna equipe medica ha mai avuto a disposizione apparecchiature idonee associate ad un team organizzato di campioni di apnea e pesca subacquea.

Il singolare gancio anteriore di Bruno De Silvestri

E’ emozionante trovarsi a fare da testimone a questa nuova frontiera del mondo dell’apnea, mi sento un po’ come un pioniere appena giunto in terre lontane e sconosciute.

Con i compagni di giornata ci dirigiamo verso il gommone di Bruno De Silvestri, parcheggiato di fronte al Diving Costa Paradiso, a due passi dallo scivolo.

Caricata l’attrezzatura a bordo del Marshall 90 potenziato da un potente fuoribordo da 40 cv ed attrezzato di tutto punto con ecoscandaglio e gps cartografico, Bruno si dedica alle operazioni di alaggio. E’ davvero un ingegnoso Archimede: il suo fuoristrada è dotato di un secondo gancio traino montato sulla parte anteriore della vettura: “La manovrabilità durante la fase più delicata dell’alaggio è incredibilmente migliore, mi trovo benissimo con questo sistema”, spiega.

Da questo ed altri accorgimenti – ad esempio, l’alloggio per la targa sulla parte anteriore del carrello -, si desume che Bruno non è il tipo da lasciare nulla al caso.

L’allestimento del suo mezzo è assolutamente impeccabile ed improntato alla massima ergonomia e non mancano le soluzioni originali ed efficaci, come l’ingenoso sistema di drenaggio del gommone da lui inventato e realizzato.

Tags: , , ,

Category: Agonismo, Articoli, Pesca in Apnea

Leave a Reply