Home » Pesca in Apnea » Agonismo » Prima Selettiva Campania: domina l’astro Allucci dell’Astrea.

Prima Selettiva Campania: domina l’astro Allucci dell’Astrea.

| 22 ottobre 2013 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

A Napoli si dice: è trasùt è sicch e sé mìs è chiàtt !!! Ovvero è entrato con discrezione e si è stabilito in pianta stabile… Allucci, simpatico omone dal sorriso sempre pronto, atleta dell’Astrea di Latina, ha deciso di fare le selettive in Campania quest’anno. Non è partito proprio male…!!!

Il campo gara è lo storico e vastissimo specchio d’acqua dinanzi il villaggio le maree in Pisciotta. Il piccolo borghetto marino con fulcro il funzionale porto, regala momenti di esistenza decisamente fuori dal mondo e dal tempo. Poi soprattutto in condizioni meteo fantastiche, come i giorni della gara, si resta rapiti dal mare e dalle sue energie positive.

Quattro prede e tre specie hanno decretato la vittoria di Allucci (foto L. Sepe)

Una forte ponentata del giovedì aveva decisamente sporcato l’acqua a tutte le profondità. Già sabato però la visibilità era migliorata di molto. Questa è una zona in cui la presenza di pesce è condizionata molto della visibilità. Al breafing del sabato, oltre i soliti sfottò e prese in giro, purtroppo si prende atto della disastrosa condizione agonistica in Campania. A testimonianza, gli appena 20 iscritti! Problemi economici e soprattutto mancanza assoluta di campi gara alla altezza, hanno falcidiato circoli e atleti.

Domenica si parte alle 8,20 dal porto con breve traghettamento con gommoni messi a disposizione dalla impeccabile organizzazione della Sezione di Pozzuoli della LNI. Appello e si parte! Il mare è fantastico e gli uomini dell’assistenza sono in costume da bagno a bordo!

Gli atleti si dividono in due gruppi di direzione: chi tenta il jolly a terra in pochi metri di fondo e chi classicamente se la vedrà col grotto in medio alto fondale. Capolongo (Triton) parte subito bene con 3 saraghi presi in sequenza su alcune tane ben note a lui. Gli fa da antagonista Esposito (LNI), che al primo tuffo si imbatte in un branco di grosse mormore, senza però riuscire a catturarne alcuna. Si rifà a breve insagolando un serra sotto il chilo e mezzo, in un branco da 30 pesci. Pesca massimo in 4 metri di fondo, essenzialmente all’aspetto.
Intanto il simpatico Allucci (Astrea) con una condotta molto intelligente e calcolata, pesca all’agguato in medio fondo. Cattura un sarago e una corvina in peso e a metà gara scenda a terra alla ricerca dei cefali. Ben 2 esemplari di buona taglia si aggiungono allo sparide e allo scenide già catturati. Diametralmente opposto in acqua alta, Esposito (Triton) fa la sua gara regolare sui suoi posti affidabili. Cattura un denticiotto, un sarago e poi rientra a terra nella speranza dei cefali. Difatti ne cattura uno in peso e ha tre pesci per tre specie. Buona la prova dell’esperto D’Ambosio (Triton) che cattura 2 muggini.

Lorenzo Esposito, terzo, mostra il serra di quasi un chilo e mezzo, miglior preda della gara (foto L. Sepe)


La gara termina senza sussulti o episodi particolari. Alla pesatura non vi è dubbio alcuno, vince Allucci, secondo Massimo Esposito e terzo l’ottimo Lorenzo Esposito appena ventenne, che si aggiudica anche la miglior preda col serra. Lauto buffet cilentano messo a disposizione dalla organizzazione, preparato dalla ottima cuoca del hotel Riviera sul lungo mare. Ospite d’onore dell’evento l’amatissimo Salvatore Pacifico, reduce dallo spiacevole infortunio di Terrasini. E’ in gran forma, anche se diffidato dal frequentare il mare…
Luca Sepe

Tags: , ,

Category: Agonismo, Articoli, Pesca in Apnea

Leave a Reply