Home » Articoli » Pinne System One: one problem, one solution!

Pinne System One: one problem, one solution!

| 11 aprile 2011 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Nel 2010 la Salvimar, storica azienda dedita alla produzione di attrezzature subacquee già dal 1962, ha deciso di intraprendere un nuovo corso, sviluppando e presentando sul mercato una serie completa di attrezzature evolute dedicate all’apnea ed alla pesca subacquea.

Dopo un intenso sforzo progettuale ed economico, il coinvolgimento di partner come la Antolas Design per la progettazione e l’acquisizione e sviluppo di intere filiere produttive, la Salvimar ha cominciato a sfornare numerose interessanti novità.

Oggi desideriamo presentare le pinne in polimero System-One, delle pinne alla portata di tutti che si differenziano dalle concorrenti per l’ineguagliabile rendimento, analogo, se non migliore, alle pale in carbonio di prima generazione.

Le nuove pinne in polimero System One (foto Salvimar)

Il parabolic pressure control system (foto Salvimar)

La pala si avvale dell’esclusivo “Parabolic pressure control system” che è un sistema di rinforzi differenziati e costolature che consente alla pala di flettersi in maniera progressiva, secondo un arco parabolico, per adattarsi a diverse intensità di pinneggiata.

È possibile ottenere già una buona spinta muovendosi solamente “in punta di pinne” con poco sforzo ed allo stesso tempo, nel caso in cui si necessiti di maggiore potenza, si potrà flettere tutta la pala che restituirà una spinta poderosa. Insomma, una pinna, due marce!

La pala One risulta estremamente reattiva grazie alla sagoma biconcava che, ridistendendosi, agisce come una molla, aiutata anche dal particolare polimero impiegato, caratterizzato da una grande memoria elastica.

I due esclusivi fori triangolari sul corpo della pala,  rientrano nel “Parabolic pressure control system”,  regolando la pressione dell’acqua in una zona della pala dove porterebbe molta fatica e poco spostamento,  ragion per cui viene fatta passare attraverso la superficie della pala senza affaticare inutilmente le gambe e senza inficiarne il rendimento.

Lo speciale profilo della terminazione mantiene stabile la pala,  senza il tipico effetto “derapage” delle pinne in plastica,  canalizzando il flusso verso il centro della pala;  la lavorazione della superficie è stata differenziata e calibrata per equilibrare la differenza di rendimento muscolare tra la fase di calcio in avanti e calcio indietro.

L’esclusivo innesto nelle scarpette,  consente una perfetta connessione tra scarpetta e pala,  assicurando così l’efficiente trasmissione dell’energia per una pinneggiata fluida.

Dettaglio della connessione pala-scarpetta (foto Salvimar)

Il risultato di tutti questi accorgimenti è il completo abbattimento della fase neutra di spinta nell’inversione di movimento,  che si traduce in un rendimento eccellente ed armonico ad ogni andatura.

Sezione della scarpetta con in evidenza la Power Band (foto Salvimar)

Durante la fase di test, è stato divertente registrare le esclamazioni degli atleti che le avevano in prova e che non riuscivano a credere ai loro piedi, pur risalendo da profondità di tutto rispetto! Le pinne System-One vengono fornite montate sulla scarpetta Delta-One, che rappresenta l’attuale stato dell’arte nel campo delle scarpette a pala removibile.

È realizzata in pura gomma naturale con un innovativo sistema che coniuga l’utilizzo della gomma al tessuto, in una esclusiva composizione a strati. Power Band è il nome della esclusiva fascia in Kevlar® inserita sopra il dorso del piede, in una zona che non crea costrizione.

Attenti studi e numerose prove hanno portato ad ottenere un prodotto dall’eccezionale comfort unito ad una perfetta resistenza alla deformazione, anche quando la scarpetta viene sottoposta a forti stress.

Fronte della pala System One (foto Salvimar)

Retro della pala System One (foto Salvimar)

Per ulteriori informazioni vienici a trovare sul nostro sito

 

Tags: , , , , ,

Category: Articoli, Pesca in Apnea, Pesca in apnea: Tecniche e attrezzature

Leave a Reply