Home » News » Pescasub Trovato Morto nelle Acque di Castel dell’Ovo

Pescasub Trovato Morto nelle Acque di Castel dell’Ovo

| 6 novembre 2018

Il cadavere di un pescatore subacqueo è stato rinvenuto, nel pomeriggio di ieri, in prossimità degli scogli nelle acque adiacenti Castel dell’Ovo, a Napoli. L’uomo, Antonio Cenname, napoletano di 66 anni, era impegnato in una battuta di pesca sotto costa in compagnia di altri tre amici, tra i quali il figlio.

I soccorsi sono stati immediatamente allertati e sul posto sono giunti Carabinieri, sommozzatori, Guardia Costiera e i sanitari del 118. Il corpo è stato ritrovato dopo poco in prossimità gli scogli antistanti il lungomare di via Caracciolo.

Ad un esame esterno il corpo presentava numerosi lividi ed escoriazioni che, in un primo momento, hanno fatto considerare l’ipotesi della grossa onda che avrebbe sorpreso il subacqueo, scaraventandolo con violenza sulle rocce.

Ma i compagni e gli amici di Antonio, molto noto per la sua passione, lo descrivono come un subacqueo di rara esperienza, un vero “pezzo di storia” della subacquea napoletana, troppo capace e profondo conoscitore di quelle condizioni meteo per aver commesso qualche imprudenza.

Sarà compito di un eventuale esame autoptico accertare le cause della morte, anche se dal quadro generale sembrano tutti concordare per il malore improvviso, forse un infarto fulminante.

Tags:

Category: News, News Pesca in Apnea

I commenti sono chiusi.