Home » Articoli » Pesca subacquea: dedicato a chi inizia

Pesca subacquea: dedicato a chi inizia

| 6 settembre 2001 | 0 Comments

Corrado Natale con un bel carniere

L’estate ormai volge al termine e le coste si fanno sempre più deserte e riacquistano pian piano il fascino selvaggio dell’inverno.

Inizia sicuramente un periodo favorevole per la pesca subacquea, sia per la diminuzione dell’affollamento estivo sia per le abitudini di molte specie di pesce che si avvicinano alla costa e si fanno numerose.

In questo periodo vi sono tantissimi neo-pescatori che si sono lasciati affascinare dalle bellezze del mare ed hanno, magari per caso, iniziato a praticare la pesca subacquea.

Ad essi è dedicato questo articolo, che vuole essere un semplice elenco di pochi consigli, non esaustivo, teso ad offrire una prima guida a questo popolo di aspiranti subacquei.

Naturalmente i consigli e le indicazioni che mi accingo a dare si basano sulla mia esperienza personale e sui ricordi delle mie prime esperienze di pesca.

Essi si propongono piuttosto di costituire una prima linea guida dalla quale poi, con l’aumentare dell’esperienza e della capacità, il pescatore potrà discostarsi per muoversi liberamente tra le infinite soluzioni di questo meraviglioso sport secondo le proprie personali inclinazioni.

PREPARAZIONE E SICUREZZA

Contrariamente a quanto accadeva qualche anno fa, tutti i pescatori sub all’inizio della loro “carriera” hanno oggi la possibilità di seguire dei corsi specifici sia di apnea sia di pesca subacquea. L’iscrizione ad un circolo subacqueo e la frequentazione di un corso di apnea potrà essere determinante nella svolta del neofita per la conquista di un livello immediatamente superiore.

L’impiombatura è il modo ideale di collegare il monofilo all’asta

Si potranno acquisire nozioni fondamentali che miglioreranno il nostro modo di andare sott’acqua e soprattutto si avrà l’opportunità di conoscere pescatori più esperti, dai quali riceveremo senz’altro preziosi consigli. Potremo quindi iniziare a bruciare le tappe, evitando il “fai da te” a tutto vantaggio della sicurezza e dei risultati.

Molti circoli inoltre organizzano uscite in mare e garette di pesca sociali, magari a squadre, proprio per avvicinare i neofiti alla vita di circolo e alla pesca subacquea.

Saranno forse proprio queste gare promozionali a permettere ai neofiti di carpire principali segreti e tecniche della disciplina. Tutto questo, unito alle doti innate e uniche che ognuno ha dentro di sé e all’esperienza acquisita sul campo, formerà il vero pescatore sub.

Inoltre, inizieremo gradualmente a controllare emozioni ed ansie, nemici acerrimi dell’apnea che normalmente convivono con il desidero di avventura e scoperta di questo mondo nuovo.

ATTREZZATURA

Ecco uno degli argomenti basilari e sicuramente più interessanti per chi inizia.

Evito subito di elencare tutta l’attrezzatura necessaria per effettuare la pesca subacquea perché in questa sede voglio dare poche indicazioni che ritengo prioritarie in ordine alla boa segnasub ed al fucile. Dai siti, dalle riviste specializzate e dai manuali si possono facilmente apprendere le varie nozioni, ma io preferisco in questa sede suggerire a modo mio poche scelte da fare. Nella mia opinione, si tratta di scelte che possono risultare determinanti:

a) Pallone segnasub: è di vitale importanza per la nostra sicurezza.

Voglio subito dire che devono essere presi alcuni accorgimenti importanti per impedire che questo attrezzo influisca negativamente sulla nostra azione di pesca. Il pallone dovrà sempre essere trainato e dovremo avere la possibilità di sganciarlo velocemente in ogni evenienza.

Inoltre, dovremo assicurarci che almeno il tratto finale del sagolone non spaventi eccessivamente i pesci, che naturalmente non gradiscono questo cordone ombelicale. In particolare, dovremo legare il pallone ad un sagolone galleggiante (circa 10-15 mt), magari dotandolo sulla parte finale di un galleggiante piccolo e idrodinamico. A questo punto costruiremo la parte che unirà il sagolone al subacqueo immerso, utilizzando un tratto di nylon del 50 – 60 lungo circa 10 mt, in modo che sia invisibile al pesce che insidieremo. Il nylon così utilizzato terminerà in un moschettone a sgancio rapido che potremo collegare ad un pedagno (piombo) anch’esso sgancio rapido.

Io sono solito collegare la parte terminale del nylon ad un piccolo spezzone di sagola (della lunghezza di circa 30 cm) e poi al moschettone. Questo consente di controllare e maneggiare meglio il tutto che avrà meno probabilità di intrigarsi con i piombi.

Io sono solito collegare la parte terminale del nylon ad un piccolo spezzone di sagola (della lunghezza di circa 30 cm) e poi al moschettone. Questo consente di controllare e maneggiare meglio il tutto che avrà meno probabilità di intrigarsi con i piombi.

Potremo quindi iniziare la nostra battuta di pesca svolgendo circa 20 mt di sagola, in modo da avere il pallone alla giusta distanza di sicurezza evitando però che intralci nostra battuta di pesca. Ricordate che il pallone dovrà sempre essere munito della bandiera rossa con diagonale bianca che, normativamente, è il solo riconoscimento del subacqueo immerso. Un pallone sprovvisto di bandierina ci esporrà ad una contravvenzione di 1032 Euro.

b) Fucile: non essendo ancora sub specializzati e dovendo spesso iniziare a conoscere ed imparare tutte le tecniche, ritengo che il fucile ideale per iniziare sia un arbalete da 75 cm o al massimo da 90 cm. Utilizzeremo per il momento delle aste leggere da 6 mm. L’asta che ritengo ideale è la tahitiana da 6,3 mm, che ha una fattura ed un profilo idrodinamico molto vantaggioso ai fini del tiro. Chiederemo al negoziante o a qualche sub più esperto di consigliarci degli elastici buoni e veloci.

Inizieremo a collegare il codolo dell’asta ad un monofilo di nylon del 140-160 e lo fisseremo senza nodi con gli appositi rivetti in metallo in modo da avere la chiusura del cappio a circa 1, 5 cm dalla tacca di maggiore potenza (fig.1). Potremo inoltre fissare l’aletta con un piccolo OR da 5-6 mm in modo da non avere aperture accidentali dell’aletta in fasi cruciali di pesca che potrebbe spaventare la preda e mandare a monte la cattura.

Come collegare l’asta al fucile

Potremo inoltre collegare l’altro capo del monofilo di nylon ad un pezzetto di sagola in testata, che abbia con un nodo di facile scioglimento in caso di necessità (fig 4). Ogni volta che inizieremo l’azione di pesca dovremo tassativamente controllare che la sicura non sia inserita per evitare di vederci sfilare davanti un bel pesce a grilletto inchiodato. Inoltre, consiglio di eliminare dal fusto lo scorri-asta che fa da guida. Lo ritengo inutile e poi può influire negativamente sulla precisione del tiro.

Potremo inoltre collegare l’altro capo del monofilo di nylon ad un pezzetto di sagola in testata, che abbia con un nodo di facile scioglimento in caso di necessità. Ogni volta che inizieremo l’azione di pesca dovremo tassativamente controllare che la sicura non sia inserita per evitare di vederci sfilare davanti un bel pesce a grilletto inchiodato. Inoltre, consiglio di eliminare dal fusto lo scorri-asta che fa da guida. Lo ritengo inutile e poi può influire negativamente sulla precisione del tiro.

L’arbalete così armato potrà guidarci meglio nell’evoluzione da neofiti a “tiratori scelti” e potremo iniziare a prendere confidenza con i segreti della mira. Avremo la possibilità di vedere l’asta per intero e ciò ci aiuterà a diventare precisi più di quanto possa fare un oleopneumatico.

Per i più ambiziosi, potrà essere utile montare da subito un bel mulinello con almeno 50 mt di sagola. [continua... ]

clicca qui per leggere la seconda parte dell’articolo.

Tags: , , , , ,

Category: Articoli, Pesca in Apnea, Pesca in apnea: Tecniche e attrezzature

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *