Home » Articoli » Pesca in Apnea n° 3 – Maggio 2003

Pesca in Apnea n° 3 – Maggio 2003

Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


La copertina del n° 3 di Pesca in Apnea

E’ uscito il numero di maggio di PESCA IN APNEA. I servizi che appaiono su questo n. 3 sono davvero interessanti. Eccone alcuni:

1) MARCO BARDI: “A tu per tu con il dentice”.

Si tratta di un servizio di ben otto pagine importante e completo. Come in ogni servizio di questo tipo, si parla di biologia, tecnica di pesca, attrezzature, ecc. Ma c’e’ un particolare che rende questo intervento molto speciale: il rapporto che Marco intrattiene con il dentice. Quando ne parla, e’ come se raccontasse di una persona alla quale si deve rispetto e considerazione. Ma non e’ solo questo. Il suo narrare ha uno spessore che distanzia la realta’ dall’intuizione. Facciamo un esempio. A un certo punto a Marco scappa di dire: “‘ Quando la primavera comincia a riscaldare le acque, il dentice lascia gli infiniti spazi della profondita’ e sale verso la costa. Qui, a ridosso delle movimentate batimetriche dei litorali, il Dentice (e scrive proprio cosi’, con la D maiuscola) si incontra con i suoi simili e si aggrega in gruppi numerosi per la riproduzione'”.

Questo e’ sentire (e trasmettere) il mare come faceva e fa Enzo Maiorca, che nella sua vita non ha mai scritto la parola MARE in minuscolo. Lo stesso tono Bardi usa quando, nello spazio che chiamiamo “le idee”, propone una vera e propria etica del pescatore in apnea;

2) PIETRO MILANO: “Tecnica dell’aspetto”.

Pietro descrive con linguaggio spiccio, essenziale, toscanamente ineccepibile, una tecnica di pesca che conosce alla perfezione. Ma non e’ questo il punto fondamentale: l’accento viene messo costantemente sul rapporto costo/ricavi, cioe’ fra quello che si spende in energia, rischio, ecc., e quello che si puo’ ottenere. E’, questa, una grande lezione di buon senso della quale tenere conto. Anche questo servizio ha una grande forza trainante per la capacita’ di descrivere in comparti e caselle chiare e sempre decifrabili una materia spesso trattata confusamente;

3) NINO PIRAS: “La spigola pasqualina”.

Piras e’ un passionale. I suoi racconti (qualcuno e’ stato criticato, perche’, e’ stato detto, il pesce portato a casa era in quantita’ maggiore del consentito, ma si trattava di altri tempi ormai lontani) hanno sempre un doppio binario di azione, due direzioni. Nella prima c’e’ il pesce che, ovviamente, cerca di svignarsela, ma difficilmente ci riesce. Nella seconda ci sono gli amati/odiati amici/nemici con i quali inevitabilmente Nino e’ in conflitto. Ma, alla fine, vince l’amicizia e tutti insieme si trovano intorno a una tavola con pesce splendidamente cucinato;

4) STEFANO NAVARRINI: “La star Maurizio Ramacciotti”.

In questo servizio Stefano, con un serrato “domanda e risposta”, riesce a carpire a un Ramacciotti, questa volta preda, una serie di “segreti” che gli consentono di uscire dalla mera cronaca ed entrare nell’analisi, nella personalita’ di un atleta di tutto rispetto, sulla breccia da quasi venti anni. Ci piace ricordare cosa Ramacciotti dice a un certo punto dell’intervista: “‘ Fra i tanti miei difetti c’e’ quello che non sono mai stato un tecnico. Potresti darmi in mano un manico di scopa, con una forchetta in cima e io farei quello che posso'”. Questa semplicita’ torna ad onore non solo dell’intervistato, ma anche dell’intervistatore che e’ riuscito a strappargli questa confessione;

5) GIORGIO VOLPE: “Sicurezza”.

E’, questo, un importante intervento di Giorgio Volpe sull’applicazione della normativa sul pallone segnasub con una intervista molto interessante al comandante Pescatori della Capitaneria di Porto di Gaeta;

e inoltre:

6) STEFANO NAVARRINI: “Il turbo ai piedi”. – Un’analisi delle pale in carbonio;

7) MASSIMO MALPIERI: “Se soffrite il mal di mare”. – Malpieri parla di un disturbo piu’ frequente di quanto non si creda nei subacquei;

8) STEFANO NAVARRINI: “I gommoni del sub”. – Navarrini fa il punto su come deve essere il gommone ideale;

9) PIETRO MILANO: “I presuntuosi”. – Anche i grandi pescatori in apnea commettono errori, lo dice Pietro Milano;

10) ALESSANDRO MARTORANA: “Dove regna Antonini”. – Tutte le attivita’ della pesca in apnea nel Lazio con nomi, cognomi, indirizzi e guida tecnica sui fondali di questa regione;

11) ROBERTO TIVERON: “Apnea, esercizi per l’armonia”. – L’apnea per star bene anche;

12) “Agonismo: Follonica e Civitavecchia”. – I primi due appuntamenti per le prove del circuito Fipsas a coppie, sponsorizzato dalla Spora Sub;

13) PIETRO MILANO: “L’Elba, da Punta Nasuto a Punta Fetovaia”. – Un itinerario per pescatori in apnea.

Naturalmente, la rivista PESCA IN APNEA non si ferma qui, perche’ il lettore viene “inondato”, al di la’ di quelle descritte, da una grande quantita’ di notizie e informazioni sull’apnea, sulla preparazione atletica, sull’agonismo, sulle descrizioni tecniche delle attrezzature, ecc. ecc.

Tags: , ,

Category: Articoli, Rivista pesca in apnea, Rubriche

Leave a Reply