Home » Rubriche » Rivista pesca in apnea » Pesca in Apnea n° 93 – Novembre 2010

Pesca in Apnea n° 93 – Novembre 2010

| 1 novembre 2010 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Buongiorno, amici di Apnea Magazine, il numero di novembre di PESCA IN APNEA è in edicola e vogliamo ricordarvelo con la solita presentazione di brevi estratti dei servizi pubblicati, ma anche parlandovi del servizio di apertura di Marco Bardi che ci sembra particolarmente interessante. Il tema è l’inverno, la stagione fredda quando qualsiasi persona ragionevole si copre di più e, se può, resta a casa a godersi un bel libro o un pigro far niente. La cosa vale anche per noi pescatori in apnea?

La copertina del numero 93 di Pesca in Apnea

La risposta è precisa: no, assolutamente no. Infatti, la stagione fredda presenta per noi dei vantaggi che con la dovuta prudenza possono dare soddisfazioni e gioie a chi sa approfittarne. Queste cose sono note a chi da anni esercita questo sport, ma a chi comincia vanno ricordate con i piccoli suggerimenti del caso. Per questo, in apertura di rivista, Marco Bardi, con un articolo minuziosamente informato, fa il punto sia ideologico che pratico su questo tema.
Quanto all’“ideologia’, ecco quello che Marco dice: «La filosofia della pesca invernale è quella del lupo solitario che ama il mare privo di confusione. Le barche sono un lontano ricordo e il silenzio si mescola al caratteristico sibilare del vento che in inverno non manca mai». Chi ama la confusione, dunque, aspetti l’estate.
Quanto alla pratica, ecco, in breve, alcuni concetti sulla pesca invernale che nell’articolo Marco sviluppa anche nei particolari: «La cattura in pochi metri di profondità acquisisce un valore più alto…, le tecniche di pesca più congeniali sono l’aspetto e l’agguato…, la luce più bassa è un altro vantaggio…, d’inverno il pesce è meno smaliziato…, queste alghe cambiano e sono più compatte con colorazione diversa tanto da sembrare un posto sconosciuto…, una buona abitudine sarà quella di alternare la battuta di pesca a momenti di pausa durante i quali ci si dovrà soffermare e fare dei movimenti rotatori del collo e delle spalle…». Questi sono solo piccoli esempi di un raccontare fluido fatto di consigli e suggerimenti che sono un invito ad andare in mare durante la stagione fredda.
E ora, a seguire, la presentazione del numero di novembre di PESCA IN APNEA ora in edicola. A voi buona lettura.

1) Pag. 12: TECNICA / COSA FARE QUANDO ARRIVA L´AMICO INVERNOdi Marco Bardi

Vediamo, in pratica, come affrontare la stagione fredda.

… Una maggiore presenza di pesce non può che giovare agli stimoli di cattura. Certe specie si trovano in abbondanza solo in questo periodo e la spigola insieme al cefalo ne sono la prova più evidente. Per gli amanti della pesca in basso fondale, l´inverno mette a disposizione numerose mareggiate che sono un richiamo atteso da molte specie di pesci, come orate e saraghi che vengono a banchettare nel fondale smosso dalle onde.…

2) Pag. 19: MONDIALI 2010 / BRAVA CROAZIAdi Pietro Milano

La squadra ospite del 27º Campionato si è aggiudicata il primo posto, seguita dal team azzurro e dalla Spagna. Nella classifica individuale vince il croato Daniel Gospic.

… Croazia campione del mondo, Italia vicecampione davanti a una fortissima, ma non imbattibile, Spagna. Questo è il succo del 27º Campionato del Mondo individuale e per nazioni…

3) Pag. 24: ESCLUSIVO / IL SALUTO DI RAMACCIOTTIdi Maurizio Ramacciotti

Con questa lettera, Maurizio Ramacciotti racconta la scelta di abbandonare le gare. Questo grande campione lascia un vuoto nel panorama agonistico nazionale e internazionale oltre a un ottimo ricordo di sé.

… Maurizio Ramacciotti ha fatto molto per la pesca in apnea in generale. E per la nazionale, dove ha ricoperto incarichi importanti anche come capitano, che ha lasciato solo per continuare a gareggiare, sua vera e unica grande passione. Speravamo di vederlo in Croazia, cosicché potesse salutare con un´ultima gara il pubblico di appassionati che lo ha seguito con costanza, ma ha preferito non essere presente, in quanto per lui c´era un ruolo come secondo. Maurizio fa parte di quella scuola toscana che ha caratterizzato molti anni di competizioni, scuola che oggi, dopo il suo ritiro, sarà un po´ più povera. A Ramacciotti vanno gli auguri di tutta la redazione
e di tutti gli appassionati e il ringraziamento per averci mandato in esclusiva un documento così importante.…

4) Pag. 26: TATTICA / COMPORTAMENTO DEI PESCI E STRATEGIA DI PESCA/2di Pietro Milano

… Nel numero precedente abbiamo parlato dei saraghi, in questa occasione affrontiamo due tra gli sparidi del Mediterraneo maggiormente presenti nei sogni di un pescatore in apnea: il dentice e l´orata. Di forma abbastanza simile, essi mostrano invece dei comportamenti totalmente differenti per caratteristiche e abitudini di vita che li contraddistinguono: il primo è un predatore puro, il secondo è un macinatore di cozze e altri animali non propriamente mobili (anellidi e molluschi bivalve). Questa dieta, che prevede per entrambi la “degustazione’ di pranzi prelibati, fa sì che loro stessi abbiano carni altrettanto deliziose…

5) Pag. 29: CHI SIAMO / ROBERTO DEIANAdi Alberto Balbi

È una delle giovani promesse del team Sporasub, un ragazzo solare e simpatico che ci ha svelato i segreti dei suoi fondali, quelli della costa laziale, caratterizzati da ampie distese di grotto.
… Abbiamo conosciuto Roberto nella sua città natale, Civitavecchia, e, approfittando di una calda giornata settembrina, lo abbiamo convinto a posare per noi e a svelarci qualche segreto della pesca a scorrere sul grotto laziale…

6) Pag. 34: ESPERIENZE / A BOCCA APERTAdi Marco Bardi

Era il 10 ottobre, una data che Sergio non avrebbe dimenticato tanto facilmente. Era entrato in acqua quasi pigramente, come un gesto spesso ripetuto di cui si perde il culmine dell´emozione, quando improvvisamente alcuni grandi dentici lo avevano circondato. Non sapeva dove guardare, non capiva cosa fare, l´unica sensazione percepita era la tremenda adrenalina esplosa dentro di lui. Finalmente una nuova e impagabile emozione.

7) Pag. 38: TECNICA / I SEGRETI DELLA MANGIANZAdi Alberto Balbi

Nulla come una preda può allarmarsi all´arrivo di un predatore. Per questo la mangianza può costituire un valido aiuto per il pescatore in apnea, che dalla sua osservazione può trarre utili indicazioni.

… Per il pescatore apneista, osservare la mangianza e il suo comportamento è molto importante. Questi agglomerati di piccoli pesci costituiscono un anello fondamentale nella catena alimentare dei predatori e sono in continuo movimento per la sopravvivenza.
Con l´aiuto di un veterano della pesca come Paolo Cappucciati e di un abile pescatore come Corrado Cono, analizziamo allora i vari aspetti della mangianza…

8) Pag. 43: AGONISMO / FOLLONICA 2010: CAMPIONATO PER SOCIETA´di Marco Bardi

Una gara ricca di spunti raccontata dai protagonisti.

… Se è vero che al Mondiale di Lussino sono usciti pochi pesci e abbastanza gronghi, allora Follonica è stato un campionato ricco di prede. Se a vincere è la squadra di Viareggio, che ha solo spiagge attrezzate e nemmeno un fazzoletto di roccia, da oggi nessuno si potrà più lamentare dei propri fondali…

9) Pag. 47: LE DOMANDE E LE RISPOSTE / PICCOLI PERICOLI CRESCONOdi Stefano Navarrini

Nel giusto equilibrio fra chi ne minimizza i pericoli e chi li esalta oltremisura, la pesca in apnea resta uno sport impegnativo dai punti di vista fisico e psicologico, dove la prudenza deve sempre restare il parametro guida di ogni azione e dove la conoscenza e l´assuefazione all´ambiente creano tranquillità e sicurezza. In questo contesto esistono quindi pericoli immaginari o quasi, altri assolutamente reali da cui bisogna guardarsi con attenzione e altri ancora che vengono spesso sottovalutati, ma che in circostanze sfortunate possono creare situazioni di rischio. Il discorso potrebbe essere lungo e articolato, ma, per il momento, ci limiteremo a qualche suggerimento da cui trarre spunto per affrontare e vivere al meglio la nostra passione.

10) Pag. 50: LA PESCA CHE CAMBIA / EFFETTO TROPICOdi Antonio Mancuso

Grazie al susseguirsi di notevoli variazioni climatiche, oggi nei nostri carnieri finiscono sempre più spesso prede un tempo impensabili.

… a oltre trent´anni nel Mediterraneo si stanno registrando cambiamenti climatici significativi che hanno portato anche alla comparsa di organismi estranei agli attuali ambienti marini, per la maggior parte provenienti dalle vicine acque tropicali del Mar Rosso e dalle acque atlantiche attraverso lo Stretto di Gibilterra. Questo fenomeno, ormai noto con il nome di tropicalizzazione, continua ancora oggi a far parlare delle conseguenze che può comportare …

11) Pag. 53: LE ATTREZZATURE / NOVANTA CENTIMETRI DI PASSIONEdi Alessandro Martorana

La nostra carrellata sulle piccole e grandi cure da adottare al fine di far rendere le nostre attrezzature al massimo termina con quelle riservate all´arbalète più utilizzato dalla maggior parte dei pescatori: quello da 90.

… In passato ci siamo occupati dell´arbalète da 50-60 cm e del fucile a elastico extralungo. Ora è invece arrivato il momento di sviscerare tutte le caratteristiche del modello di arbalète più utilizzato dal pescatore in apnea, il polivalente “90’, al fine di garantirne un funzionamento sempre perfetto e scevro da problemi…

12) Pag. 56: STORIE DI MARE / LA PIOVRA. IL DICIASSETTE PORTA FORTUNAi Antonio Mancuso

Peppino riemerge urlando, ma io non riesco a capire cosa stia dicendo.
Poi, avvicinandomi, vedo una massa scura attaccarsi al gommone
e dei grossi tentacoli spuntare da entrambi i lati dei tubolari…

… Quel giorno, come tanti altri e con tanta voglia di immergerci, ci incontriamo di buon´ora con Peppino (compagno di numerose avventure) per decidere se sia possibile organizzare una delle nostre solite battute di pesca. Nonostante la grigia giornata invernale e la temperatura piuttosto bassa, considerato che il mare è fermo come l´olio, pensiamo che la cosa sia fattibile. Decidiamo di andare a visitare un piccolo sito distante poche decine di chilometri dalla nostra base di partenza utilizzando il piccolo, agile e insostituibile gommone di 2 metri e 80, motorizzato con un minuscolo fuoribordo da 9.9 cavalli, l´unico mezzo nautico che, da studenti squattrinati, possiamo permetterci…

13) Pag. 59: NUOVE TENDENZE / LA PESCA E´ ANCHE DONNAdi Giorgio Volpe

E´ stata l´evoluzione stessa della pesca in apnea a smontare l´immagine del pescatore-Rambo ed è in questa nuova dimensione che la nostra passione sta sempre più contagiando il gentil sesso.

… Si dedica con regolarità alla pesca in apnea da un paio d´anni, ma i suoi carnieri dimostrano una stoffa non comune, confermata dal conseguimento del brevetto di istruttrice nella passata stagione estiva. Tiziana Martinelli è l´ulteriore dimostrazione di come la pesca in apnea non sia affatto una disciplina riservata ai muscolosi maschietti e ci è quindi sembrato doveroso saperne di più…

14) Pag. 62: PICCOLI SUGGERIMENTI / GLI ERRORI DA EVITAREdi Roberto Tiveron

Per raggiungere buoni risultati, è importante disporre di un´attrezzatura equilibrata e adatta al nostro stile di pesca.

15) Pag. 65: BLOCK NOTES SUB

IL BRAVO PESCATORE IN APNEAdi Marco Bardi
Aspetto vincente; Mimetismo doc – Quando le condizioni ambientali esaltano la scelta; Contro il freddo; Le eta´ della cernia; Anche loro hanno un carattere; Verdi praterie – Sono le distese di posidonia, ottimo riparo per tante creature marine.

LE MIE ATTREZZATURE PER LA PESCA IN APNEAdi Alessandro Martorana
Monster è la boa Best Hunter; Seatec Arbalète Grotto Evolution – Nuova versione per un fucile sempre interessante; Un gilet portapiombi Mares – Due versioni per un comodo schienalino; Miracle Towel Omer per asciugarsi – E´ in microfibra questo telo adatto per asciugarsi rapidamente dopo una battuta; Dalla Sporasub il coltello Commando; SL Cressi-sub: un fucile oltre la moda.

STAR BENE ANDANDO SOTT´ACQUAdi Roberto Tiveron
I formicolii articolari e alle labbra; Il riflesso di scoppio – È un importante alleato per la salvaguardia dei nostri polmoni e per evitare barotraumi; Se si corre più veloci, si dimagrisce prima?; Il latte dopo l´allenamento.

SICUREZZA E PROTEZIONEdi Antonio Mancuso
Selacofobia: la paura degli squali – Può colpire bagnanti, nuotatori e subacquei, colti dal terrore di subire un attacco; Un ancoraggio sicuro; Pinne: una buona scarpetta; Il morso del pesce serra; Prevenire il mal di schiena.

NOTIZIE DI BIOLOGIAdi Valerio Sbragaglia
C´è sarago e sarago; La pesca in apnea e l´ultima glaciazione; Prime nozioni sulla pelle dei pesci.

16) Pag. 76: CAMPIONI&CAMPIONATI / I CONSIGLI DEI CAMPIONI COSA SERVE PER VINCERE/9di Marco Bardi

Abbiamo intervistato altri tre atleti di massimo livello per capire quali sono, secondo loro, le componenti più utili per raggiungere i migliori risultati.

17) Pag. 78/84: PRESENTAZIONE TECNICA

OMERSUB/MUTA SIMBIOX CAMO 3D: Quando il neoprene liscio si mescola al foderato, ecco il risultato.

SPORASUB/MUTA J55: Una muta tecnica per i pescatori più esigenti a un prezzo veramente interessante.

STC ITALIA/TESTATA X-POWER: La prova dell´ultima versione della testata sottovuoto X-Power, con le impressioni ricavate dopo l´utilizzo dell´attrezzatura durante i mesi estivi.

ROFOS/MUTA PHANTOM 5 MM: Mimetismo indovinato e materiali e taglio di buon livello sono le principali caratteristiche.

18) Pag. 86: A COLPO SICURO SARDEGNA 1 / SUL RELITTO DELL´ANGELIKAdi Antonio Mancuso

Un´immersione suggestiva su un relitto alla portata di tutti.

19) Pag. 87: A COLPO SICURO PUGLIA 2 / TARANTO: LA SECCA DELL´ARMELEIAdi Antonio Mancuso

Fondali di grotto e acque cristalline, ideali per la pesca in apnea.

20) Pag. 88: INSIEME / PIERO MALATO DA… ROMAdi Giorgio Volpe

Oltre alla pesca in apnea, gli piace viaggiare, cacciare, ballare e cucinare. Piero è un pescatore che punta al sodo, con catture importanti, ma ha imparato con un “fucilino’ e con i consigli di suo padre.

Tags: ,

Category: Rivista pesca in apnea, Rubriche

Leave a Reply