Home » Articoli » Pathos: passione estrema per la pesca in apnea!

Pathos: passione estrema per la pesca in apnea!

Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Angelos Mixalopoulos è il rappresentante di una famiglia di industriali greci che dal 1970 produce pinne da nuoto in gomma vulcanizzata e accessori per piscina e mare per varie aziende del settore.
Dal suo amore per il mare e per la pesca in apnea nasce nel 1996 Pathos Pro Spearfishing, un’idea e un sogno che inizia la sua avventura sul mercato delle attrezzature per la pesca subacquea con il progetto del primo fucile.

Il primo prototipo di fucile esce nell’anno 2000, ed il test viene affidato a Roberto Calich, istruttore Apnea Academy e, all’epoca, campione greco di pesca in apnea.
Nello stesso anno l’azienda assume il nome Pathos.
Per gli antichi greci il Pathos indicava tutti gli istinti irrazionali che legano l’uomo alla sua natura animale, una delle due forze che regolano l’animo, “passionalità estrema con perdita della ragione”.
Per Angelos Mixalopoulos il Pathos rappresenta la sua passione per il mare, per la pesca subaquea e per la produzione di attrezzature per fare ciò che più ama: pescare!

Nel 2002 i primi italiani a vedere il fucile furono gli atleti partecipanti alla Spearfishing Champions League in Grecia a Kassos, che rimasero entusiasti dall’innovazione apportata da questi prodotti, dalla cura con cui essi erano costruiti, dalla loro semplicità.
In quell’occasione Giuseppe Tortorella mise in contatto l’azienda Pathos con la Effesub di cui era atleta; nacque così una collaborazione durata 5 anni duranti i quali Pathos ha prodotto per l’azienda italiana 12.500 fucili e 5.000 impugnature e testate.

Nel 2004 esce il primo fucile con testata aperta per elastici circolari, il primo fucile open di serie nel mercato.
Nel 2006, dall’esperienza aziendale nella produzione di pinne in gomma, nasce la scarpetta Fire Blade per pale composite; vulcanizzata con 3 diverse mescole colpisce per il confort, la sua accuratezza e per l’estrema leggerezza.
Nel 2009 arriva sul mercato la prima serie dei fucili Laser con un impugnatura rivoluzionaria: congegno di sgancio ribaltato interamente in acciaio, linea di mira molto intuitiva, testata open; un fucile che esprime il massimo della semplicità e della bellezza di un arbalete che oggi viene equipaggiato di serie con aste realizzate in acciaio Sandvik, ottimo come risposta di memoria e durezza, con alette e fori lucidati.
Fino ad arrivare ai giorni nostri con l’uscita della nuova scarpetta realizzata utilizzando mescole innovative che assicurano più confort e redditività nella spinta.

Per il 2012 l’azienda propone dei nuovi meccanismi di sgancio Laser, lucidati con una speciale macchina che rende lo sgancio della freccia ancora piu dolce, ed un nuovo fucile con fusto Mild-forming close strike, nuova testata, e nuova impugnatura, che arriverà nella tarda primavera.

Giacomo De Mola è il responsabile commerciale di Pathos


I macchinari all’avanguardia di cui l’azienda dispone offrono a Pathos la possibilità di produrre interamente in proprio e direttamente in Grecia ogni articolo in catalogo.

Tutti i prodotti vengono ideati, elaborati e costruiti con estrema cura nei dettagli e tanta tanta passione che accomuna tutti noi amanti del Mare.

Da alcuni anni la responsabilità commerciale di Pathos è stata affidata a Giacomo De Mola, noto apneista italiano che nel suo palmares può vantare vittorie e piazzamenti importanti in campionati italiani ed internazionali di apnea nelle specialità di Assetto costante e Jump Blue.

Infine è stata avviata una collaborazione tra Pathos e Davide Carrera per lo sviluppo ed il test delle attrezzature.

E’ possibile consultare il catalogo completo dei prodotti e l’elenco dei distributori in Italia su www.pathossub.com

De Mola in azione con un Pathos Laser Open Carbon 100

Pathos: passione estrema per la pesca in apnea! scritto da Redazione Apnea Magazine media voto 5/5 - 1 voti utenti

Tags: , , , , , , , , ,

Category: Articoli, Pesca in Apnea, The Box

Leave a Reply