Home » News » News Apnea » Nuovi record mondiali di immersione in apnea AIDA per Briseno e Coste

Nuovi record mondiali di immersione in apnea AIDA per Briseno e Coste

| 28 ottobre 2004 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

La stagione dei record AIDA entra nel vivo. Dopo quelli stabiliti il mese scorso a Spetses da Martin Stepanek (103 assetto costante) e Herbert Nitsch (66 metri assetto costante senza pinne), è toccato ad altri due nomi noti dell’ambiente AIDA fissare nuovi limiti nelle discipline dell’assetto costante senza pinne femminile e nell’assetto variabile maschile.
Il 23 ottobre, a Kona (Hawaii) la statunitense Annabel Briseno ha raggiunto 42 metri in assetto costante senza pinne, battendo di un metro il primato stabilito nel settembre 2003 dalla canadese Mandy Rae Cruickshank.
Nel frattempo, a Puerto La Cruz, in Venezuela, prosegue l’annuale appuntamento con Reto en el Abismo, la manifestazione a suon di record che vede per protagonisti il venezuelano Carlos Coste ed il danese Stig Aaval Severinsen. Dopo aver raggiunto quota 136 metri senza vedersi omologare il record per problemi relativi alle “riprese video”, necessarie per l’omologazione secondo il regolamento AIDA, ieri Carlos Coste ha invece toccato quota 135 metri in assetto variabile regolamentato nel tempo di 4′:36”.
Stig Severinsen, da parte sua, ha raggiunto quota 67 metri in assetto costante senza pinne, ma alla riemersione, dopo l’urlo di gioia liberatorio, è stato colto da samba e si è reso necessario l’intervento dell’assistenza. Stando a quanto riportato sul sito AIDA, inoltre, i suoi tentativi di record di apnea statica originariamente in programma per oggi e domani sarebbero stati cancellati.

Entro la fine di novembre sono previsti altri tre tentativi di record AIDA. A fine ottobre il francese Loic Leferme tenterà quota 170 metri nel No Limits, la sua specialità, mentre a metà novembre il neozelandese Anthony “Ant” Williams tenterà di superare la barriera dei 200 metri nell’apnea dinamica. A fine novembre, poi, sarà il turno del croato Kristijan “Kike” Curavic, che si è proposto di superare il tempo di 8’49” di apnea statica. Sia Williams che Curavic, però, non sono ancora in regola con i prerequisiti (195 metri in dinamica e almeno 8’34” in statica).

Category: News, News Apnea

Leave a Reply