Home » News » News Pesca in Apnea » Nino Palumbo si aggiudica la 20° Coppa Citta’ di Pesaro

Nino Palumbo si aggiudica la 20° Coppa Citta’ di Pesaro

| 25 maggio 2010 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Domenica 9 maggio si è svolta lungo il litorale pesarese la ’20° Coppa Città di Pesaro’ di pesca in apnea, terza gara di qualificazione della zona SEI (Marche/Umbria).
Vittoria individuale di Nino Palumbo tesserato con Giuneblu di Perugia, alle piazze d’onore Roberto Campeggi e Fabio Galli di Pesaro. Vittoria a squadre per il Sub Tridente di Pesaro. Apertissima la lotta per il titolo di campione regionale.
La gara si è disputata regolarmente il 9 maggio, sebbene fino al venerdì la situazione sembrasse compromessa dalle acque torbidissime. Inaspettatamente, il sabato c’è stata una schiarita e finalmente domenica il campo di gara risultava agibile ed i mezzi di assistenza potevano lasciare il porto canale di Pesaro con i 36 concorrenti e dirigersi verso nord.
Buona l’organizzazione del Centro Subacqueo Pesaro, che disponeva lungo il campo di gara i mezzi per la direzione di gara e l’assistenza con a bordo medico e sub di soccorso, mentre vari gommoni assistevano i 36 atleti scesi in acqua.
La situazione delle prede era disomogenea, infatti ampi tratti del campo di gara risultavano deserti o popolati di prede di scarso peso, mentre i pochi pesci presenti si concentravano nel bassissimo fondale o negli anfratti delle scogliere.
Alcuni degli atleti locali favoriti si dirigevano verso la zona nord del campo di gara, dove iniziavano ad effettuare alcune catture interessanti. Tra questi Roberto Campeggi che pescando all’aspetto inanellava un ricco carniere misto di mormore, cefali ed una spigoletta.
Ottima prova anche di Fabio Galli, anch’egli del Tridente Pesaro, che pescando all’aspetto in pochi centimetri di profondità realizzava un ricco carniere di mormore.
Il più volte campione regionale Ettore Trebbi si dirigeva invece verso la zona sud del campo gara, dove non riusciva a realizzare il carniere sperato: solo tre le prede in peso nel suo carniere alla fine della gara. Analoghe considerazioni possono farsi per l’anconetano Lorenzo Cioffi, nel cui carniere sono finite mormore e cefali al limite del peso, nonché per i pesaresi Stefano Pieri e Francesco Cormio.
Protagonista di un colpo di scena è stato Nino Palumbo, atleta tesserato quest’anno con Giuneblu di Perugia, che catturava in tana due spigole, di cui una sopra il chilo – risulterà la preda più grande della giornata – ed un paio di cefali.
Dopo il rientro a terra si è giunti al rito della bilancia presso la sede nautica del Centro Sub Pesaro, dove il giudice di gara Maurizio Tonelli, coadiuvato dal direttore di gara Ivano Pieri e dalla segreteria di gara, procedeva alla pesatura e stilava la classifica.
Molti atleti si vedevano scartare diverse prede.

Classifica

1° Nino Palumbo (Giunelblu Perugia) quattro prede ‘ punti 6.272
2° Roberto Campeggi (Sub Tridente Pesaro) quattro prede – punti 3.956
3° Fabio Galli (Sub Tridente Pesaro) cinque prede ‘ punti 3.948
4° Marco Clemente (Centro Sub Pesaro) quattro prede’ punti 3.846
5° Lorenzo Cioffi (Kòmaros Sub Ancona) tre prede ‘ punti 2.950
6° Ettore Trebbi (Sub Tridente Pesaro) tre prede ‘ punti 2.528
7° Andrea Coli (Apnea Delfino Marotta) tre prede ‘ punti 2.490
8° Tiziano Cirelli (Sub Tridente Pesaro) due prede ‘ punti 2.334
9° Salvatore D’Angelo (Apnea Delfino Marotta) due prede ‘ punti 2.490
10° Andrea Curzi (Monsub Jesi) due prede ‘ punti 2.034
Seguono altri undici concorrenti con prede e quindici senza nessuna preda.
La classifica per società ha visto prevalere il Sub Tridente Pesaro, secondo il Komaros Sub Ancona, terzo l’Apnea Delfino di Marotta e quarto il Centro Sub Pesaro.

Tags: , , , ,

Category: News, News Pesca in Apnea

Leave a Reply