Home » News » News Pesca in Apnea » Mondiale di Sines: sfida Cile Portogallo, Italia fuori dai giochi

Mondiale di Sines: sfida Cile Portogallo, Italia fuori dai giochi

| 17 settembre 2006 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Nel momento in cui scriviamo è da poco iniziata la pesatura, ma è bastato un occhiata ai carnieri per rendersi conto della realtà, purtroppo amara per i tifosi dell’Italia. Il cileno Patricio Saez si è riproposto con una bella prestazione in basso fondo, e con lui anche i portoghesi Silva e Torres.

Molto bene anche lo spagnolo Santiago Cid, autore di una prestazione maiuscola, così come Pedro Carbonell, che con una cernia e una ventina di prede dovrebbe aver recuperato molte posizioni rispetto al 23° piazzamento della prima frazione.

Male, purtroppo, gli Azzurri, la cui strategia prevedeva una prima fase di gara a fondo, su segnali di cernie e pesce di tana, ed una conclusione più a terra, nelle zone di salpe e cefali. Stefano Bellani, in particolare, ha iniziato all’attacco su un segnale di una cernia, che purtroppo non ha ritrovato. In successione, ha controllato altri tre segnali di serranidi, senza esito. Poi, venendo a sapere che Ramacciotti non aveva gran fortuna in basso fondo -ma non che il portoghese Silva stava inanellando catture su catture- si è spostato su una tana di saraghi, catturandone 7-8 di buone dimensioni. Infine, si è recato in costa, a caccia di salpe e cefali, ma purtroppo era ormai tardi ed il vantaggio accumulato dai concorrenti che da subito avevano scelto il bassofondo si è rivelato incolmabile.
La dichiarazione a caldo del DT Luigi Magno: “Questa prestazione, sicuramente molto al di sotto delle aspettative, è dovuta ad un misto tra sfortuna e ingenuità. L’ingenuità: avevo dato indicazione di fare un massimo di ore fuori, più a fondo, ed il resto a terra. Nel pescare fuori, complice la totale assenza di informazioni (anzi, abbiamo persino avuto informazioni fuorvianti) abbiamo sottovalutato le pescate degli altri, un’ingenuità che ci è costata cara. Ad un certo punto, ci hanno detto che Ramacciotti, che stava pescando in terra, aveva solo 4 prede, così Stefano è rimasto fuori, ma non ci hanno detto che il portoghese Silva nello stesso momento era già a quota 15 prede. Purtroppo il Capitano non aveva un proprio mezzo…. ero a bordo sul gommone di Bellani e questo ha fortemente limitato la possibilità di assumere informazioni durante la prova“.

Le operazioni di pesatura dovrebbero protrarsi ancora per almeno un paio d’ore, poi verrà stilata la classifica definitiva ed infine si procederà alla premiazione.

Nuovi aggiornamenti nelle prossime ore.

Category: News, News Pesca in Apnea

Leave a Reply