Home » Articoli » Le novità Cressi per il 2012

Le novità Cressi per il 2012

| 16 gennaio 2012 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 1    Media Voto: 4/5]

Non basta sfogliare il catalogo Cressi 2012, disponibile anche on line seguendo questo link, per scoprire tutte le novità che la storica azienda ligure proporrà sul mercato quest’anno; alla lista dei nuovi prodotti si è infatti aggiunta da qualche settimana la nuova muta Camaleonte che, come si intuisce dallo stesso nome, si caratterizza per il mimetismo innovativo.

Le varie componenti del sistema Gara Modular (foto Cressi Sub)

Tuttavia una rapida panoramica sui prodotti più interessanti non può che iniziare con la nuova Gara Modular che segna il ritorno di Cressi alle pinne scomponibili: infatti, dopo aver inventato con la mitica Rondine Gara la pinna composta da una scarpetta con i longheroni e da una pala intercambiabili, Cressi aveva abbandonato il progetto, che invece era stato copiato con successo da molte altre aziende.
Nella progettazione della Gara Modular, pensata per l’apnea e la pesca a profondità impegnative, è stata quindi messa tutta l’attenzione e l’esperienza che l’azienda ha accumulato negli anni.

La nuova scarpetta, denominata Self Adjusting, utilizza due materiali che assicurano un confort totale, anche indossando calzari di spessore importante, senza rinunciare alla rigidità necessaria per trasmettere alla pala tutta l’energia sviluppata dalla gamba durante la pinneggiata.
La pala in dotazione, leggera, reattiva e molto resistente, è realizzata in uno speciale polipropilene elastomerizzato studiato per aumentare le prestazioni riducendo allo stesso tempo lo sforzo della pinneggiata; sono comunque allo studio pale con durezze diverse, comprese quelle in carbonio.

Le scarpette prevedono il montaggio standard della pala, con viti nella parte inferiore e clip laterali, possono essere acquistate anche separatamente, come le altri componenti, e sono disponibili nelle seguenti misure: 40/41, 42/43, 44/45, 46/47

Nel settore dei fucili ad elastico, proseguendo nella tradizione dei nomi legati ai pellerossa americani, debutta il Navajo, arbalete compatto, agile e leggero pensato per la pesca nella schiuma le cui componenti costituiscono una sintesi delle conoscenze di Cressi nel settore.

Particolari dell'impugnatura e della testa del Navajo (foto Cressi Sub)


Su un fusto del diametro di 26 mm è stata innestata una testata compatta, predisposta per il montaggio di un eventuale secondo elastico circolare, che grazie ad un perfetto allineamento degli elastici rispetto all’asta assicura un’ottima precisione mentre l’ampia apertura frontale facilità l’inserimento del codolo dell’asta per un più veloce riarmo dopo il tiro.

Grazie a queste caratteristiche, il brandeggio risulta molto rapido consentendo tiri veloci, tipici delle condizioni di mare mosso.
L’impugnatura Apache con appoggio sternale, che non intralcia la linea di mira, integrato nella guancetta e il meccanismo di sgancio derivato dal Comanche garantiscono una presa confortevole ed uno scatto preciso.

Disponibile nelle misure di 60, 75 e 85 cm. è dotato di serie di un’asta in acciaio inox da 6 mm ed elastici da 16 mm con ogiva snodata.

Sull’onda del rinnovato interesse che negli ultimi anni stanno riscontrando i fucili ad aria compressa, Cressi ha deciso di affiancare al glorioso SL il nuovissimo Saetta che, mantenendo alcune caratteristiche del modello precedente, come l’angolazione dell’impugnatura, il diametro della canna (13 mm) e soprattutto l’asta disassata, introduce notevoli miglioramenti meccanici ed estetici.

Il Saetta, nuovo oleo che si affianca allo storico SL (foto Cressi Sub)


Il meccanismo di sgancio è stato infatti rivisto e sul Saetta lo sforzo di sgancio risulta ridotto alla metà rispetto alla serie SL mentre nell’impugnatura, realizzata con un materiale più morbido che assicura una presa più confortevole, è stato realizzato uno spazio destinato a contenere il carichino; la colorazione bianca inoltre facilità l’individuazione del fucile in tutte quelle situazioni in cui è necessario abbandonarlo sul fondo.

Particolare della testa del Saetta con le nuove fresature per l'espulsione dell'acqua (foto Cressi Sub)


Anche il funzionamento interno è stato profondamente rivisto sia attraverso il raddoppio dei fori di passaggio dell’aria, sia attraverso l’utilizzo di un pistone completamente ridisegnato e di una nuova boccola di ammortizzo a fine corsa.

A questo si aggiunge un nuovo profilo per le fresature dei fori della testata attraverso i quali viene espulsa l’acqua presente nella canna; questa nuova geometria non solo consente una maggiore velocità di fuoriuscita dell’acqua ma contribuisce anche ad aumentare la stabilità durante il tiro.

Infine, la colorazione mimetica del serbatoio è realizzata tramite un processo di anodizzazione che le conferisce la stessa resistenza ai graffi e alle abrasioni della classica colorazione nera.
Il fucile, predisposto per l’utilizzo di un mulinello dedicato, è disponibile nella versione senza riduttore di potenza nella misure 40, 55 e 70 cm mentre per la versione con riduttore le misure sono 55, 70 e 100.

Concludiamo questa breve carrellata sulle novità 2012 di Cressi tornando da dove avevamo iniziato: la muta Camaleonte che si aggiunge alla precedente Tecnica ampliando l’offerta delle mute mimetiche.

La colorazione mimetica della Camaleonte si ispira ai fondali sardi (foto Cressi Sub)


Realizzata con neoprene foderato esternamente, scelta che assicura una elevatissima resistenza agli urti e alle abrasioni, e in spaccato a cellula aperta internamente, la nuova muta si contraddistingue innanzitutto per il tema mimetico.

Prendendo spunto dal fondale granitico tipico della Sardegna, con la scelta di un abbinamento cromatico che la rende ideale per un impiego sia su roccia che sull’alga, abbinato con un processo di stampa computerizzato che non interferisce con l’elasticità del tessuto della fodera, la colorazione tende a scurirsi appena bagnata per poi cambiare colore man mano che si scende in profondità fino ad acquisire le stesse tonalità del fondale.

La Camaleonte non è però solo mimetismo; il taglio è stato rivisto per migliorare la vestibilità ed il confort complessivo assicurato anche dalle preformature realizzate per braccia, gambe, cappuccio, vita e fondo schiena, per un risultato complessivo paragonabile a quello di un capo su misura.
Il rinforzo sternale, realizzato con un morbido spessore e ricoperto esternamente da un tessuto antiscivolo per evitare imprevisti, è posizionato sotto il marchio Cressi, stampato in tinta, che caratterizza ulteriormente questo capo.

La muta è disponibile nelle versioni da 5 e 7 mm, con giacca e pantalone non vendibili separatamente, nelle misure dalla II alla VI.

Le novità Cressi per il 2012 scritto da Redazione Apnea Magazine media voto 4/5 - 1 voti utenti

Tags: , , , , , , , , , ,

Category: Articoli, Pesca in Apnea, The Box

Leave a Reply