Home » Articoli » Interviste pre- Assoluto 2008

Interviste pre- Assoluto 2008

| 1 settembre 2008 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


Secondo molti uno dei favoriti: Stefano Bellani (foto A.Balbi)

Il 5-6 Settembre prossimo prenderanno il via i Campionati Italiani di Prima Categoria.
Per l’occasione, come tutti gli anni, abbiamo fatto qualche domanda ad una parte dei 30 atleti che disputeranno la gara.
Abbiamo cercato di carpirne la forma, gli umori, le sensazioni e, non ultimo, abbiamo chiesto un pronostico.
A Torre Vado (LE) infatti, gli atleti troveranno grotto in abbondanza e pesce smaliziato (perlopiù saraghi).
Sicuramente la preparazione e le condizioni meteo influiranno, ma molti agonisti pare che abbiano le idee già chiare.
Ecco a Voi le interviste!

Stefano Bellani:

Sono mesi che m’alleno in vista del Mondiale sia a terra che in acqua.
Dovrei essere in grande forma ma purtroppo invece sono parecchio scarico.
Ci sarebbe voluto un mese di “mantenimento” con molto riposo e piccole uscite ma, con l’incombenza dell’Assoluto, non posso staccare.
Mirerò a qualificarmi.
Il posto lo si conosce un po’ tutti: tanto grotto basso e monotono, i saraghi la faranno da padrone, batimetriche migliori tra i 10/15 metri e si userà fucile corto con fiocina.
Questi gli ingredienti principali.
Sul fatto che si disputino a Settembre non credo che cambi granchè anche perchè siamo ai primi e non dopo la metà.
Speriamo in qualche piacevole sorpresa.

Cristian Mortellaro:

Sono molto contento di disputare questo primo Campionato Assoluto che mi darà la possibilità di stare a fianco di campioni di cui fino a pochi mesi fa leggevo solo sui giornali.
Per essere all’altezza di questo impegno mi sono allenato molto preparandomi ad una gara da fare sul grotto alla ricerca di saraghi e pesce bianco.
Della zona non conosco assolutamente nulla; ho chiesto ad alcuni amici che negli anni scorsi hanno gareggiato nelle acque pugliesi e, dalle informazioni che ho avuto, ci sarà la possibilità di pescare a tutte le quote cercando in particolare i saraghi.
Penso di affrontare la gara con un fucile corto armato con fiocina a quattro punte e sono convinto che per fare risultato ci vorranno parecchi pesci.
Confermarsi in prima categoria sarà un’impresa molto difficile vista la qualità dei partecipanti ma metterò tutto il mio impegno per fare il meglio possibile.

Il Laziale Giustino Blasio (foto A.BAlbi)

Maurizio Ramacciotti:

Sono in buona forma e mi sto allenando con continuità.
Penso che sarà la solita gara sul grotto a saraghi: si cercheranno le zone migliori fino ai 20/25 metri e poi si scorrerà il fondo alla ricerca del buco buono.
La zona la si conosce un po’ tutti (anche se non so ancora i campi gara che verranno estratti il 31 c.m.) ed il fucile più adatto sarà un corto con la fiocina.
Usciranno anche qualche bel corvo, i soliti labridi (anche se rari) e le salpe.
I favoriti per me sono Riolo, Bellani e de Silvestri.

Giustino Blasio:

Sto ultimando la preparazione.
Avendo due figli non ho tantissimo tempo, ma nell’ultimo mese mi sono dato da fare con 3/4 uscite la settimana e spero di avere dei benefici durante il Campionato.
Comunque mi sento pronto e darò il massimo.
Non conosco la zona, mi è stato detto che si pescherà sul grotto e questo agevolerà i miei compiti anche perchè è il tipo di pesca che pratico tutto l’anno.
Quando sarò sul posto deciderò come preparare e come impostare la gara.
Userò i soliti due fucili: arblete da 50 e 60cm con fiocina sia a 4 che a 5 punte.
Da quest’anno sono entrato nel team Seatec e sarei molto contento se potessi rimanere in Prima Categoria.
Sarà durissima… ma vedremo.

Roberto Praiola:

Mi sento bene, mi sono allento con costanza e non dovrei aver problemi.
Sarà un campionato che si deciderà in medio fondo ed in prevalenza si pescheranno saraghi.
La sorpresa può comunque essere sempre dietro l’angolo.
Il fondale di grotto faciliterà il mio compito in quanto pesco per otto mesi l’anno su questo tipo di terreno.
Penso che alternerò il 75 con tahitiana al 55 con fiocinetta.
Sarà molto importante capire come si muoverà il pesce e le zone migliori.
I miei pronostici vedono favoriti Bellani, De Silvestri e Ramacciotti.

Angelo D’Onofrio:

Come ben sai io faccio le gare per divertirmi.
Amo il mare e pratico la pesca in apnea tutto l’anno; cercherò di fare del mio meglio ma se andrà male non sarà un dramma.
La forma fisica c’è.
Non ho mai disputato Campionati in loco ma la Puglia ionica riserverà il solito grotto.
Se le condizioni meteo ed il resto andrà per il meglio si pescherà tra i 15/25 metri, a saraghi, nei piccoli buchi del grotto, se le cose non dovessero girare per il verso giusto sarà una lotteria.
Ed allora pure a terra si potrà far carniere.
I labridi, qualche corvina e anche le orate potrebbero rimpinguare il carniere.
Io pescherò in tana col 55 e la fiocinetta.
I miei pronostici vedono favoriti De Silvestri e Praiola.

Bruno De Silvestri del Team Cressi-Sub (foto A.Balbi)

Bruno De Silvestri:

La mia forma va migliorando di giorno in giorno per il Mondiale.
Per questo tipo di Assoluti una media forma è più che sufficiente.
Bisogna allenare decisamente il quoziente fortuna ma un metodo perfetto ancora non l’ho trovato.
Si pescherà come al solito saraghi e tordi in medio fondo passando le tane del grotto.
Una vera noia; questi regolamenti proprio non mi piacciono.
Le mire si prenderanno col GPS e gli sbadigli, le tattiche andranno a farsi benedire salvo alcune sfumature decisamente minori e non verrà mai fuori il fattore meritocratico.
Così succederà che De Silvestri andrà a cercarsi quei 3/4 pesci sicuri per giornata (con la speranza di trovarli) per salvare capra e cavoli e festa finita.
Il fucile più usato sarà un 75 con tahitiana ed un 60 con fiocina; e che Dio ce la mandi buona.
A uno come me, a cui piace pescare fondo, cercare il pesce bello e dannarsi anima e corpo per sudare una cattura o trovare un posto jolly, questa formula fa venire il prurito.
Che vinca il più fortunato!
Stop.
A me basta qualificarmi.
Favoriti? Può vincere chiunque.

Nicola Riolo:

Rispetto agli anni scorsi sono molto meno in forma.
Se a questo aggiungiamo che non conosco assolutamente la zona dove si disputerà la gara, penso proprio che per fare un buon risultato e rimanere nei primi dieci mi servirà una buona dose di fortuna, magari tutta quella che non ho avuto in passato.

Concetto Felice:

Mi sono fermato per due settimane per impegni di lavoro.
Ne ho approfittato per far riposare le gambe e soprattutto la testa; ho anche messo su un paio di chili che mi serviranno come riserva per affrontare i giorni di preparazione e anche la gara.
Sono molto motivato e spero di fare una bella gara.

Nicola Riolo: il più titolato tra gli atleti in gara (foto AM)

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Category: Articoli, Interviste, Pesca in Apnea

Leave a Reply