Home » Altre discipline » Apnea » Ilaria Bonin fa il pieno a Lignano

Ilaria Bonin fa il pieno a Lignano

| 13 giugno 2011 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

E’ stata sicuramente Ilaria Bonin la protagonista assoluta di Subacquatica 2011.
Con un record del mondo CMAS, in dinamica con attrezzi, e due record italiani l’atleta dell’ASD Apnea Academy Competition ha dominato le varie specialità dell’apnea dimostrando di essere già pronta per il prossimo Campionato Mondiale.

Ilaria Bonin accanto al tabellone con il record mondiale CMAS (foto M. Bellodi)

Ma andiamo con ordine.

A Subacquatica 2011 le gare di apnea sono iniziate ancora prima dell’inaugurazione ufficiale dei giochi con la prova di dinamica senza attrezzi che si è disputata nel pomeriggio di venerdì e la Bonin ha subito esordito con il nuov record italiano di specialità chiudendo con 138,54 m in 2’50″07.
Alle sue spalle Alessia Zecchini (135,12 – 2’35″94) e, molto staccata, Michaela Ravazzolo (112,54 – 2’06″47).

Tra gli uomini è Tomasi a conquistare l’ennesimo titolo italiano con 156,88 m in 2’51″08, precedendo di poco più di un metro Andrea Vitturini (155,58 – 3’15″38) e Lorenzo Bossi (150,06 – 2’51″00).

Sabato è il giorno della statica e anche in questa specialità la Bonin non ha rivali superando la barriera dei 6 minuti (6’04″59) e stabilendo il secondo record italiano.
Al secondo posto una inossidabile Monica Barbero (5’18″36) veterana della disciplina ma sempre puntuale agli appuntamenti che contano; terza Jessica Giraldi (5’14″19).

Record italiano anche tra gli uomini con i primi tre tutti oltre i 7 minuti; vince Gaspare Battaglia con 7’50″19 davanti a Marco Morelli (7’38″64) e Aldo Stradiotti (7’02″12) ben oltre il suo personale stabilito da poco in Grecia.

Domenica tocca alla gara di dinamica chiudere non solo il campionato di apnea ma tutta la rassegna di Subacquatica e nella gara conclusiva arriva il capolavoro di Ilaria Bonin: quasi tre minuti (2’54″89) per percorrere 205,44 metri che costituisce la miglior prestazione mondiale in ambito CMAS.
Dietro di lei ancora la Barbero (181,83 – 2’19″53) e al terzo posto Francesca Scolari (170,54 – 2’15″13).

Tra gli uomini la vittoria si gioca oltre la soglia dei 200 metri ed è Michele Fucarino a spuntarla (212,78 – 2’49″66) battendo il solito Tomasi (210,60 – 3’02″38) che a sua volta supera Vitturini (207,91 – 3’00″32).

Fucarino in una immagine di repertorio (foto S. Rubera)

 

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Category: Altre discipline, Apnea, Articoli

Leave a Reply