Home » News » News Apnea » Il record di apnea statica di Mifsud non verrà omologato dall’AIDA

Il record di apnea statica di Mifsud non verrà omologato dall’AIDA

| 23 marzo 2004 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Dopo le vicende di Annabel Briseno e Carlos Coste, l’AIDA si trova adesso a fronteggiare nuove polemiche per l’ennesima mancata omologazione di un record “approvato” dai giudici presenti in loco. Questa volta a fare le spese delle contraddizioni dell’AIDA è il campione francese Stéphane Mifsud, che cinque mesi fa aveva trattenuto il fiato per lo strabiliante tempo di 8’24”: i giudici presenti sul posto avevano confermato la validità della prova, peraltro caratterizzata da un’uscita pulita, ma il responsabile dei record AIDA Dieter Baumann ha recentemente annunciato che il record non può essere convalidato. Secondo alcuni, nel video della prestazione, a fine prova, il cameraman avrebbe chiuso il fuoco sul volto di Mifud, mancando di riprendere il segnale di OK da parte dell’atleta. Per quanto possa sembrare strano, il segnale di OK -visto, a quanto pare, dai giudici presenti alla prova ma assente nel video- è per l’AIDA un elemento indispensabile, senza il quale non può aversi l’ omologazione. Baumann ha in seguito precisato che l’operatore avrebbe “zoommato” sul volto di Mifsud dopo i 20 secondi, e che il segnale di OK non sarebbe stato fatto (questa versione sembra confermata dal video ufficiale, vedi in fondo).
La reazione di Mifsud, come era prevedibile, non si è fatta attendere: ha dichiarato che non parteciperà mai più ad eventi in qualsiasi modo correlati all’AIDA, e che il suo legale è già al lavoro per ottenere il rimborso dei 500 dollari spesi per il test antidoping, cui si è sottoposto dopo il tentativo. La vicenda ha generato altre fratture: Frederic Buyle ha pubblicamente indirizzato a Baumann un messaggio durissimo: “[…] non puoi dire che Stephane Mifsud non ha fatto il segno di ok nei venti secondi. Se ne sei convinto, pubblica il video e tutti verificheranno di persona […]. Quando abbiamo messo su l’AIDA undici anni fa, l’abbiamo fatto perché temevamo che questo giovane sport potesse essere governato da persone interessate unicamente al proprio tornaconto, buone solo a proiettare nell’apnea le proprie frustrazioni. Tu dov’eri allora? Bene, alla fine è accaduto. Tu ne sei la prova vivente (un esempio: tu ti limiti ad approfittare della situazione per vendere i tuoi video) […]”.

L’IFB di Howard Jones, invece, ha riconosciuto la prestazione, inserendola tra i record mondiali.

Il video ufficiale dell’uscita di Mifsud è visibile a questo indirizzo

Category: News, News Apnea

Leave a Reply