Home » Il III° Trofeo Gruppo Sommozzatori Bolognese G.S.B.

Il III° Trofeo Gruppo Sommozzatori Bolognese G.S.B.

| 6 maggio 2004 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


Il podio di statica maschile: Battaglia, Brunetta e Rossa

Come passa il tempo.
Sembra ieri che con entusiasmo e timore di sbagliare il GSB, nota società subacquea di Bologna, organizzava il primo Campionato Italiano di apnea indoor… ed invece sono già passati due anni. I grandi nomi dell’apnea italiana da Battaglia alla Acco, da Tovaglieri alla neo mamma Silvia Dal Bon (auguri a te, al bimbo ed ad Andrea) avevano dato spettacolo, e già allora si erano fatti notare dei nuovi personaggi come Giuliano Marchi e Michele Tomasi.
Questa è ormai la terza edizione del Trofeo Gruppo Sommozzatori Bolognese G.S.B., e oggi come allora, nonostante l’esperienza sviluppata, c’è sempre un po’ di tensione nell’organizzare una manifestazione che deve permettere agli atleti di esprimersi al meglio. La gara, valida come selettiva per il campionato italiano e come Campionato Regionale, si è svolta alla piscina comunale di Castel San Pietro Terme in provincia di Bologna domenica 25 Aprile, ed ha visto gli atleti confrontarsi nelle specialità di apnea statica e dinamica.

Il campo dei partecipanti anche quest’anno è stato ricco di nomi importanti quali Ilaria Molinari, Manuela Acco, Gaspare Battaglia, Stefano Tovaglieri ma la nota entusiasmante della giornata è stata la competitività di nuovi elementi che si stanno affacciando nel mondo delle gare di apnea. Massimiliano Crovato e Lorenzo Stoppar nella dinamica maschile, Paola Tagliabue in quella femminile. Claudio Brunetta, Giuliano Rossa e Stefano Taviani nella statica maschile. Questi sono solo alcuni dei nomi degli atleti che si sono fatti notare con prestazioni importati.

Podio statica femminile: Acco, Molinari, Tagliabue

La competizione di apnea statica maschile ha visto primeggiare Gaspare Battaglia con 6′:30″. Ormai Gaspare ci ha abituato a questi tempi, sarebbe strano vederlo al di sotto dei suoi standard. E’ sicuramente un’atleta che non soffre la gara, di una sicurezza assoluta. Alle sue spalle Claudio Brunetta e Giuliano Rossa del C.S. Trieste, poco lontani dai 6′. Claudio, in verità, lo scorso anno aveva già dimostrato di poter fare questi tempi, e ai Campionati Italiani di Trento si era piazzato al 10° posto, sicuramente al di sotto delle sue possibilità. Una bella conferma.
Nella statica femminile Manuela Acco ha fatto segnare un ottimo 5′:27″ e altrettanto buona è stata la prestazione di Ilaria Molinari con 5′:16″ in continua crescita anche nelle gare indoor, dove fino allo scorso anno non riusciva ad esprimersi come nel costante.

Una breve pausa e lo spettacolo è cominciato con la prova di apnea dinamica.
A conferma del costante miglioramento delle prestazioni in questa specialità, Gaspare Battaglia ha bissato la vittoria in statica con una prestazione maiuscola in dinamica, ben 140,70 metri. Di questo passo, possiamo realmente sperare che ai Campionati Italiani di Roma si possano vedere prestazioni al di sopra dei 150/160 metri. Alle sue spalle, la conferma di Stefano Tovaglieri, la bella prova di Lorenzo Stoppar -che nonostante dei problemi in partenza ha chiuso i 125 metri con le due pinne- e, sempre sulla stessa distanza, la sorpresa di Massimiliano Crovato, ex pinnatista di Udine.

I Campioni Regionali Roberto Carini e Andrea Zani
Podio dinamica maschile: Battaglia, Stoppar e Tovaglieri

Anche Lorenzo, come Claudio, nella statica ha confermato quanto di buono aveva fatto vedere ai Campionati Italiani di Trento: 4° assoluto a parimerito con Andrea Tucci.

Fra le ragazze Manuela Acco con 134,80 metri si conferma su distanze di assoluto rilievo Mondiale seguita da Paola Tagliabue con 116,7 metri e da Ilaria Molinari con 113,1 metri.

Come “gara nella gara” è infine da segnalare anche l’attribuzione dei titoli regionali delle relative specialità, andati agli incontrastati atleti del Gruppo Sommozzatori Bolognese, società ospitante. Per la statica il Campione Regionale è l’esordiente Roberto Carini, “fratello d’arte” del veterano Paolo, che si piazza al primo posto con un buon 4.48. Nella dinamica il vincitore del titolo di Campione Regionale è Andrea Zani che, con 108,20 metri compete oramai alla pari con gli atleti più blasonati.

La classifica finale a squadre ha visto prevalere al primo e secondo posto di due compagini di atleti di Apnea Academy Competition, rispettivamente con 350 e 310 punti, al terzo posto con 294 la squadra del Circolo Sommozzatori Trieste.

Per scaricare le classifiche in formato Excel compresso (418 Kb) clicca qui

Category: Senza categoria

Leave a Reply