Vai al contenuto

Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Sardegna,nuova proposta di legge


87 risposte a questa discussione

#1 Salvino

Salvino

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1851 Messaggi:

Inviato 04 gennaio 2014 - 12:36

https://www.dropbox....ca in apnea.doc

 

Ciao, per chi volesse dare una lettura. Se è stata postata mi scuso; questa dovrebbe essere una proposta di regolamentazione della pesca non professionale in Sardegna. Una tristezza. A voi i commenti amici.



#2 andre.ima

andre.ima

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2648 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:sestri levante

Inviato 04 gennaio 2014 - 12:55

ciao Salvino tu che ne pensi?



#3 Salvino

Salvino

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1851 Messaggi:

Inviato 04 gennaio 2014 - 13:02

Se fosse vera come proposta,non mi piacerebbe in tanti punti. A questo punto darei anche un senso al censimento che ci hanno fatto qualche tempo fa.



#4 diavolo300

diavolo300

    Member

  • Amici di Apnea Magazine
  • StellettaStellettaStelletta
  • 164 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:cagliari

Inviato 04 gennaio 2014 - 13:42

Perché non pensano di  fermare e convertire per sempre la pesca a strascico anzichè rompere i co***oni ai pescaportivi!!!!!!!!



#5 Giorgio Volpe

Giorgio Volpe

    Socio ASD AM

  • Admin
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17817 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Istia d'Ombrone (GR)

Inviato 04 gennaio 2014 - 13:44

Siamo alle solite. Il disegno di legge è l'ennesima riprova di come in Italia si sia specialisti nella reinvenzione inutile della ruota unita a incapacità congenita di normare le attività con un minimo di conoscenza e competenza.

Insomma, si inventano un sacco di robe nuove con tecnica legislativa improbabile ma non si risolve nessuno dei problemi vecchi 40 anni e ormai noti e stranoti (solo qui su AM ne parliamo da 13 anni).

 

Già in fase di classificazione questi fenomeni si sono peritati di allinearsi ai principi europei e nazionali salvo poi rivedere le tipologie di pesca, auto-costringendosi a postille e specificazioni inutili. Ad esempio, la pesca scientifica, che è sempre esistita... sparisce.

L'esercizio della pesca è addirittura costituito dall'avere a bordo delle imbarcazioni attrezzi o strumenti atti alla separazione degli organismi marini dal loro habitat e le attività preparatorie "dirette in modo non equivoco" (frase presa a prestito dal codice penale, che la usa per definire il tentativo di reato) all'esercizio della pesca. La NAVIGAZIONE è ritenuta esercizio della pesca: quali mirabolanti casistiche interpretative potranno scaturire da questi colpi di genio legislativo non è dato sapere. La definizione del carniere di pesca di cui all'articolo 13, poi, è davvero fantasiosa.

 

Senza addentrarmi nei dettagi, che saranno oggetto di apposite pubblicazioni sulla e.zine, ricapitoliamo i fatti salienti di questo disegno di legge:

 

1) i limiti di cattura vengono profondamente cambiati. Al fianco di quello giornaliero ne appare uno mensile di 20 Kg e uno annuale di 200 Kg, ossia limiti cumulativi. Ciconat devi espatriare :-) Se prendete una leccia di 20 chili a inizio vacanza, potete tornare a casa.

2) Per pescare occorre la licenza rilasciata dalla regione  (ma va) e l'assessorato competente determina "gli oneri a carico dei richiedenti" = obolo. Il rilascio delle licenze può essere calmierato....e si specifica che eventuali licenze rilasciate da altre regioni o stati non vale

3) Come per i cacciatori, ci viene dato il libretto su cui annotare data, ora di inizio e fine della battuta, quantitativo di pescato espresso in peso o in numero di esemplari. Come per il borderò SIAE, il tutto va compilato ENTRO la fine della sessione di pesca (il che potrebbe creare problemi a chi pesca da terra, visto che per l'art 12 comma 2 la sua sessione finisce nel momento in cui esce dall'acqua). Il libretto va riconsegnato entro il 31 dicembre di ogni anno (e se volete prendere l'ultima spigola dell'anno il 31, tenete conto degli orari degli uffici dell'assessorato)

4) l'articolo 23 contiene una disposizione che a raccontarla ad uno straniero non so che succederebbe: le SPECIE PROTETTE sono off limits per i pescatori non professionisti, e possono essere catturate solo dai professionisti.Più che specie protette, mi sembrano specie sfigate.

5) il pescato del dilettante è destinato ESCLUSIVAMENTE al consumo domestico e personale = non si puà regalare un pesce al vicino o ad un amico? Pur restando vietate vendita e commercializzazione ma non anche la cessione, questa destinazione esclusiva genera dubbi

6) sebbene al momento il ddl presenti un divieto di lavorazione del pesce a bordo, è probabile che compaia il taglio della pinna caudale

7) RICHIAMI: sono vietati. Quindi regolatevi :-)

8) VIETATO farsi trainare dal gommone sia per esplorare (paperino) che per pescare (trainetta). Vietati anche acquacooter di ogni tipo.

9) il problema storico del barcaiolo obbligatorio viene riproposto in modo da tagliare la testa al toro. E' un copia e incolla dell'art 3 DM 249/87 = pur avendo occasione di fare chiarezza, non ci hanno capito una mazza e hanno riproposto gli stessi problemi da cui cerchiamo con fatica di uscire da anni

10) l'obbligo di segnalazione con galleggiante diventa apparentemente assoluto e non più alternativo rispetto alla bandiera sul mezzo nautico. Il criterio della visibilità a 300 metri (regolarità variabile) viene lasciato così com'è. Un tripudio di incompetenza.

11) durante la stagione balneare (maggio-tutto ottobre) è vietato entrare da terra da spiagge di sabbia, ciottoli o posidonia spiaggiata

12) la pesca del tonno è vietata al pescasub, in quanto consentita solo da imbarcazione e solo con canna o lenze morte.

13) Cernia: max 1 esemplare al giorno, due al mese e 10 all'anno

14) durante i controlli (dove forse ci infilano anche le guardie ittiche FIPSAS) ci possono chiedere tutti i documenti, incluso il libretto di pesca. Vi lascio immaginare cosa possa implicare questa norma nel caso di pescasub da terra.

15) sulle sanzioni, abbiamo un esempio di legiferazione isterica all'italiana, incomprensibile senza un dizionario di greco antico e una calcolatrice. Ricostruiremo un quadro con calma, per adesso basti dire che OVVIAMENTE figurano anche la sospensione e la revoca della licenza

16) le taglie minime, come è sempre stato, sono peculiari e valide solo per la sardegna. Appare, credo per la prima volta, un limite di 300 grammi per il polpo.

 

Alla fine, l'impressione è banale.

Si vuol battere cassa e tutti gli arzigogoli servono a vestire di tutela dell'ambiente un provvedimento volto solo a creare occasioni di punizione per i pescatori sportivi. Di controlli efficaci o norme fatte come si comanda.... non ne vedremo mai?



#6 daniele.martelloni

daniele.martelloni

    Member

  • Socio ASD AM
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4234 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Livorno
  • Interests:Pesca sub, caccia alla lepre

Inviato 04 gennaio 2014 - 13:57

Chi ha scritto sta roba dovrebbe essere internato ed impedito di procreare. Eccheccazzo, basta!!!!!



#7 a.bassu

a.bassu

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1710 Messaggi:
  • Gender:Male

Inviato 04 gennaio 2014 - 13:59

In tanti ci stiamo chiedendo e muovendo per sapere di quale partito è la proposta......tanto per fare chiarezza :siiiii:



#8 Gia.Car

Gia.Car

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 354 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Sardegna

Inviato 04 gennaio 2014 - 14:30

con tutti i problemi che abbiamo in questo momento devono venire a rompere le palle a noi....che tristezza!!



#9 Mauro

Mauro

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1002 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Sud Ovest Sardegna

Inviato 04 gennaio 2014 - 15:17

Come dice Obi Wan Kenobi: Chicazzèquesto?  A febbraio abbiamo le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale sardo...



#10 Marcellino

Marcellino

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1376 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Cagliari
  • Interests:Pesca-sub musica

Inviato 04 gennaio 2014 - 15:21

Grazie Giorgio per la sintesi.

Se passa dovro' pensare seriamenta alla traina.

 

ci sono poi delle parti da capire,tipo:

 

Costituiscono il carniere di pesca le prede separate dal loro habitat naturale nonché quelle arpionate e custodite dal pescatore sebbene non separate dal loro habitat.

 

 

Saluti Marcello

 



#11 Marcellino

Marcellino

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1376 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Cagliari
  • Interests:Pesca-sub musica

Inviato 04 gennaio 2014 - 15:28

Grazie Giorgio per la sintesi.

Ho dato una veloce lettura.

 

Molte le cose da capire,per esempio:

 

Costituiscono il carniere di pesca le prede separate dal loro habitat naturale nonché quelle arpionate e custodite dal pescatore sebbene non separate dal loro habitat.

 

 

Saluti Marcello

 

ps

se passa mi do alla traina!



#12 raff

raff

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 180 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:napoli

Inviato 04 gennaio 2014 - 16:01

RIDICOLI e anche profondamente IGNORANTI, leggi fatte da persone che non sanno riconoscere l'acqua di mare da quella della fontana....ma di che parliamo...PURTROPPO viviamo nel paese dei co***oni!!!!



#13 Giorgio Volpe

Giorgio Volpe

    Socio ASD AM

  • Admin
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17817 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Istia d'Ombrone (GR)

Inviato 04 gennaio 2014 - 16:44

Non mi pare ci siano alternative: il pesce in cintura o sotto la boa non è separato dal suo habitat (definizione assurda, per quanto mi riguarda) ma è comunque carniere.

 

Giorgio



#14 Marcellino

Marcellino

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1376 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Cagliari
  • Interests:Pesca-sub musica

Inviato 04 gennaio 2014 - 17:58

Ok capito,

che si abbia il pesce in barca o sotto il pallone o meta' e meta',fa carniere,(citare l'habitat pero' e' una bella trovata...)

 

Non si potra' uscire in barca da soli.

 

Durante l'attività di pesca il pescatore subacqueo deve essere costantemente seguito da bordo del mezzo nautico di appoggio da almeno una persona pronta ad intervenire in casi di emergenza; in ogni caso deve esservi a bordo del mezzo stesso una cima di lunghezza sufficiente a recuperare il pescatore subacqueo

 

Ci sara' una licenza a pagamento,e sembra una differenza di permesso per i residenti,visto che si parla di pesca turistica.

 

Art.11

Pesca Turistica

La pesca turistica è l’attività di pesca ricreativa effettuata dal turista non residente in Sardegna e per un periodo di tempo limitato nell’arco dell’anno.

 

Per il sarago maggiore migliora,23 cm di taglia minima!

 

Ciao

 

 

 



#15 Giorgio Volpe

Giorgio Volpe

    Socio ASD AM

  • Admin
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17817 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Istia d'Ombrone (GR)

Inviato 04 gennaio 2014 - 18:19

Marcellino,

 

c'è di peggio:

 

9) il problema storico del barcaiolo obbligatorio viene riproposto in modo da tagliare la testa al toro. E' un copia e incolla dell'art 3 DM 249/87 = pur avendo occasione di fare chiarezza, non ci hanno capito una mazza e hanno riproposto gli stessi problemi da cui cerchiamo con fatica di uscire da anni

 

Sono stato laconico, ma le conseguenze dell'attuale formulazione mi sembrano due:

 

1) non si può andare in gommone da soli

2) qualcuno sosterrà che non si può andare senza gommone. La cosa può apparire strana, visto che in altre parti la legge contempla chiaramente questa possibilità, ma.... l'esperienza insegna che qualcuno certamente farà questa contestazione non avendo letto tutta la legge.

 

Giorgio






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi