Vai al contenuto

Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

MACH-control


475 risposte a questa discussione

#1 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 10:09

Premessa

Circa 5-6 anni fa ci fu un concorso su un altro forum di pescasub. Concorso denominato "l'inventario" in cui venivano presentati diverse invenzioni relative ad attrezzature subacquee. Io ricordo che partecipiai con un mio prototipo: Shark I Revolution, uno dei miei primi roller modificati.
Tra le tante idee che si videro nel consorso, ricordo l'idea di "nitrorace" denominata "dynema-roller".
Era uno dei primi roller-derivati, se vogliamo il "Lucy" dei moderni roller-derivati.
Quello fu il primo fucile che mi fece capire che le rotelle potevano essere usate in un'infinità di modi su un arbalete.
I roller-derivati moderni sono anche figli di quella semplice idea e pertanto, almeno per quanto mi riguarda, rinnovo i miei apprezzamenti, anche a distanza di anni, per quella geniale intuizione di "nitrorace".

Il MACH-control che presenterò ( di cui posso solo ipotizzare le potenzialità, senza purtroppo ancora averle effettivamente verificate) è figlio anch'esso di quel "primordiale" concetto di Dynema-roller.
Permette però di superare i limiti del dynema-roller, essendo dotato di caratteristiche tipiche dei roller-derivati.
Qui un altro ringraziamento è d'obbligo.
Il ringraziamento va ad Oreste ( Orvac ) per aver intuito per primo i limiti della "trazione diretta" ed elaborato dei concetti ( il concetto VOLCAN ) finalizzati al superamento di detti limiti. In particolare mi riferisco alla modulazione della distribuzione delle forze lungo la propulsione dell'asta. Senza di Oreste tale concetto mi sarebbe rimasto sconosciuto e non mi sarei, di conseguenza, mai posto il problema del superamento di detto limite, ossia della necessità di "modulare" il rilascio di energia da parte degli elastomeri.
Gli arbaleti tradizionali, infatti, soffrono inesorabilmente di questo limite: hanno un rilascio "incontrollato" dell'energia degli elastomeri. Una volta premuto il grilletto, l'energia viene "erogata" a piacimento degli elastici.
Se è vero che il rilascio incontrollato di energia non rappresenta un problema su un monoelastico tradizionale, è altrettanto vero che rappresenta il limite di progettazione dei plurielastici, per i quali sono richieste masse sempre più consistenti per contrastare detto rilascio di energia.
Per di più il rilascio di energia avviene secondo le "regole" imposte dagli elastomeri: in altri termini, come avevo avuto modo di osservare nelle mie prove sperimentali di un anno fa e come ampiamente descritto da Mario B. nei suoi ultimi lavori( e a cui vanno i miei ringraziamenti per le nozioni messe a disposizione di tutti), gli elastomeri si contraggono con una velocità finita funzione del loro fattore di elongazione.
La velocità limite con cui si può contrarre un elastico è rappresentata, osserva Mario, dalla velocità di propagazione del suono in quel particolare materiale.
Da qui nasce l'idea del nome del sistema che presenterò: MACH ( da numero di MACH ossia il numero adimesionale che esprime il rapporto tra la velocità di un oggetto che si muove in un mezzo e la velocità del suono in quel mezzo).

Finiti i ringraziamenti, un piccolo chiarimento è d'obbligo.
Dopo i primi test sperimentali che mi hanno dato la conferma del possibile utilizzo del MACH-control sugli arbaleti, avevo pensato di brevettare il tutto.
Avevo iniziato a scrivere il documento relativo al brevetto, fatto i disegni in CAD.
Ma più procedevo col lavoro, più perdevo di stimolo alla brevettaazione nonostante la presunta bontà dell'idea.
Motivo?
Tempo ed impegni a parte che non mi avrebbero mai consentito di sfruttare il brevetto, un'altra idea, per la verita sempre presente in "background" nella mia mente, prendeva lentamente il sopravvento: il MACH-control non era solo una mia idea, ma era il frutto di tante idee condivise nel corso di questi anni. Pertanto doveva essere anch'essa condivisa.
Da qui la decisioni di presentare secondo licenza Creative Commons
Il lavoro è altresì dotato di "marcatura temporale elettronica " e può essere spedito a chiunque me lo richieda tramite e-mail certificata con marcatura temporale e certificazione dei contenuti.


Stefano Soriano
15.02.2011



MACH-control

Stato anteriore della tecnica e ricerca di anteriorità:
I fucili ad elastici (definiti anche arbaleti) attualmente in uso per la pesca subacquea sono costituiti da un fusto, un’impugnatura, un proiettile (asta), un sistema di immagazzinamento di energia (uno o più elastici) ed un meccanismo di sgancio. L’asta è collegata al fusto tramite il meccanismo di sgancio. L’elastico (o gli elastici) sono ancorati in genere in corrispondenza della testata. Nei fucili subacquei tradizionali, gli elastici sono ancorati in prossimità della parte più distale del fusto rispetto al meccanismo di sgancio (testata del fucile) e vengono allungati, grazie ad uno sforzo muscolare di caricamento manuale. Gli elastici così allungati vengono vincolati direttamente sull’asta ( o sul meccanismo di sgancio) grazie all’interposizione di un elemento di connessione chiamato “ogiva”. Gli arbaleti sfruttano quindi il principio di immagazzinare una certa quantità di energia negli elastici. L’energia viene fornita tramite la contrazione muscolare degli arti superiori del soggetto che esegue il caricamento. In alternativa gli elastici possono essere ancorati direttamente al meccanismo di sgancio. L’asta viene svincolata dal meccanismo di sgancio tramite il movimento di un apposito elemento detto “grilletto”. Il movimento del grilletto libera l’asta dal suo vincolo, consentendo agli elastici di trasferire la loro energia all’asta stessa che viene propulsa in avanti. Per aumentare la velocità di contrazione degli elastici e quindi anche la velocità dell’asta si ricorre, nell’arbalete tradizionale, o all’aggiunta di ulteriori elastici (fucili plurielastico) o al loro ulteriore allungamento a fattori sempre crescenti. L’energia immagazzinabile negli elastomeri dipende dalle caratteristiche di elasticità dell’elastomero usato nonchè dal fattore di allungamento usato e dal numero degli elastici installati. La velocità di contrazione dell’elastomero è funzione del suo rapporto di allungamemto. In altre parole, dato uno specifico elastomero, maggiore è il fattore di allungamento dello stesso, maggiore sarà la sua velocità. La velocità massima raggiungibile dagli elastomeri sarà quella ottenibile con la massima elongazione degli stessi a discapito di un sempre crescente sforzo muscolare. Una diversa tipologia di arbalete è quella detta roller ( rollergun). Nel rollergun gli elastici ruotano intorno alla testata tramite delle pulegge dotate o meno di cuscinetti. Gli elastici ruotando intorno alla testata consentono lo sfruttamento di tutto il fusto superiore. Ciò rappresenta un fattore migliorativo rispetto agli arbaleti tradizionali, in cui una parte di fusto non viene sfruttata a causa delle presenza degli elastici non contratti. Ulteriore miglioramento tecnico del fucile a propulsiome elastica è stato lo sviluppo di fucili provvisti di elastici in cui la velocità di contrazione degli stessi viene aumentata tramite un sistema di scorrimento su pulegge e carrucole mobile ( tali sistemi sono oggi noti come “arbavela” o “arbaparanchi”).
Il prodotto ideato, ed oggetto della presente descrizione, è finalizzato a consentire il superamento dei limiti di velocità di contrazione dei vari elastomeri, tramite un sistema di modulazione ed amplificazione della velocità trasmissibile all’asta dagli elastomeri. Tale sistema è riferibile, come concetto di funzionamento, a quello dei rotismi.

Obiettivo che l’innovazione intende raggiungere:
Con la presente invenzione si è inteso risolvere il problema del “limite di velocità di contrazione” degli elastomeri usati per i fucili da pescasubacquea. Infatti, integrando nel fucile subacqueo ad elastici il sistema ideato, si ottiene una modulazione ed amplificazione della velocità di contrazione generata dagli elastici. Ciò consente di imprimere maggiori velocità all’asta rimodulando, appunto, tramite il sistema ideato la velocità fornita dalla contrazione degli elastici.
La velocità di eiezione dell’asta è, infatti, funzione dell’energia che gli elastici possono fornire all’asta, ma è limitata dalla velocità di contrazione degli stessi senza carico. In altri termini un’asta non potrà mai essere spinta da un elastomero ad una velocità superiore a quella di contrazione degli stessi elastici senza di essa.
Grazie al sistema ideato si può potenzialmente spingere aste ad una velocità superiore a quella della contrazione degli elastici.
Inoltre, le caratteristiche del sistema ideato, consentono una modulazione della cessione dell’energia con potenziale beneficio sulla gestione globale del fucile in termini di rinculo e quindi di precisione.

Analisi del risultato raggiunto:
Il sistema di “modulazione, incremento o riduzione” della velocità di contrazione trasmissibile dagli elastici ( d’ora in poi definito più semplicemente “sistema di modulazione” o “MACH-control”) viene presentato integrato in un arbalete con una sola coppia di elastici.
Nella Tavola 1 è illustrato un modello tridimensionale del suddetto fucile:

Allega file  1.jpg   16,36K   504 Numero di downloads

Il sistema di modulazione è costituito da una coppia di elementi ognuno dei quali è formato da:
- Un cilindro a bordi rialzati, denominato d’ora in poi “movente”. Indicheremo il diametro della base del “movente” con “d”. Il “movente” si presenta dotato di un perno che consente l’ancoraggio di un filo ad alta resistenza. Al filo ancorato al “movente” sarà dato il nome di “filo di traino” ( Filo di colore bianco nelle TAVOLE)
- Un secondo cilindro a bordi rialzati, una cui base si presenta solidale al “movente”. Indicheremo questo secondo cilindro come “cedente” ed il diametro della sua base sarà indicata con “D” . Il “cedente” presenta anch’esso un perno a cui verrà ancorato un secondo filo ad alta resistenza. Al filo ancorato al “cedente” sarà dato il nome di “sagola” ( Filo di colore verde nelle TAVOLE).

Allega file  2.jpg   17,49K   395 Numero di downloads

L’insieme arbalete + sistema di modulazione è costituito essenzialmente da:
- un fusto con impugnatura (l’impugnatura, nella presente descrizione, verrà indicata come parte posteriore e la testata come parte anteriore del fucile)
- meccanismo di sgancio: nelle rappresentazioni grafiche è stato utilizzato un meccanismo del tipo delle balestre terrestri costituito da grilletto, demoltiplica e dente, ma il sistema di caricamento ideato può anche essere integrato su fucili che presentano un meccanismo tradizionale a sottrazione di base di cui sono dotati quasi tutti i fucili ad elastici attualmente prodotti.
- Un sistema di modulazione posto in corrispondenza della testata del fucile che ha il compito di modulare la velocità di contrazione fornita dagli elastici.
- Una coppia di elastici un’estremità dei quali è collegata al “filo di traino” (ad esempio filo in dynema) che termina, a sua volta, ancorato al perno del “movente” del sistema di modulazione. L’opposta estremità degli elastici è vincolata alla faccia inferiore del fusto o ad altro punto di ancoraggio situato nella parte posteriore del fucile .

Manovra di caricamento e funzionamento del sistema:

Il fucile scarico si presenta con gli elastici in lieve contrazione ( pretensionati ) e posti lungo la faccia postero-inferiore del fucile.

Allega file  3.jpg   16,79K   353 Numero di downloads

L’estremità posteriore degli elastici è vincolata al fusto inferiore, mentre l’estremità anteriore è collegata la filo di traino che si presenta srotolato rispetto al “movente”. La “sagola” si presenta invece arrotolata intorno al “cedente”. Il lieve pretensionamento degli elastici consente di mantenere il sistema in equilibrio senza che i fili si presentino in “bando”.
La manovra di caricamento del fucile avviene in modo classico ossia afferrando la sagola e stirandola fino al punto di aggancio posto sul meccanismo di sgancio o direttamente sull’asta.
La sagola si srotolererà dal “cedente”, mettendo in rotazione l’intero sistema di modulazione. Il filo di traino verrà dunque avvolto intorno al “movente” man mano che la sagola viene srotolata. A fine manovra di caricamento l’elastico sarà allungato del fattore voluto, la “sagola” sarà srotolata dal “cedente” mentre il “filo di traino” sarà avvolto attorno al “movente”.

Allega file  4.jpg   15,83K   359 Numero di downloads

Ulteriori elastici possono essere posti lungo la faccia inferiore del fucile e collegati al “filo di traino”. In tal modo si può avere un progressivo aumento della potenza installata sul fucile con un caricamento frazionato degli elastici. Il caricamento frazionato consente di fornire al fucile grandi quantità di energie.
Premendo il grilletto gli elastici saranno liberi di contrarsi verso il tiratore : ciò contribuisce come noto alla riduzione del rinculo del fucile con maggiore precisione del tiro. Gli elastici contraendosi metteranno in rotazione il sistema di modulazione: il filo di traino, trazionato dagli elastici, farà ruotare il “movente” il quale essendo solidale col “cedente” lo metterà in rotazione determinando un avvolgimento della sagola intorno al “cedente” e quindi un avanzamento dell’asta.

Allega file  5.jpg   8,94K   277 Numero di downloads

Ciò determinerà una modulazione dell’energia rilasciata dagli elastici.
La modulazione del rilascio di energia avviene grazie a due fattori che potremmo distinguere in “fattore statico” e “fattore dinamico”.
Il fattore statico è rappresentato dal rapporto tra il diametri D del “movente” e del diamtro d del “cedente”. Il diverso raggio del movente e del cedente determina diversa velocità e diversa forza trasmissibile dal cedente rispetto al movente. Tali rapporti si basano sui noti principi di un rotismo riduttore.
Il fattore dinamico è invece rappresentato dal numero di avvolgimenti della sagola e del filo di traino intorno ai rispettivi elementi di rotazione. La sagola ed il filo di traino, infatti, avvolgendosi su più file intorno al sistema di modulazione determinano un progressivo aumento “virtuale” del diametro degli elementi rotanti.
Tale fenomeno può essere sfruttato nel sistema di modulazione affinchè si abbia un progressivo cambiamento del raggi del movente e del cedente durante la contrazione degli elastici. In tal modo si ottiene un progressivo cambio di velocità e di forza trasmessa all’asta, passando progressivamente a fasi di velocità ridotta e forza aumentata a fasi di velocità aumentata e forza ridotta.
Le caratteristiche di tale modulazione dipendono, in ultima analisi, sia dai diametri iniziali (senza sagola o filo di traino) del cedente e del movente sia dai diametri terminali (con sagola o filo di traino ).
Le caratteristiche di forma dei rotori del sistema di modulazione acquisiscono, quindi, importanza funzionale nella modulazione del rilascio di energia all’asta.
In particolare la larghezza e la forma della “gola” del movente e del “cedente” diventano, in associazione al diametro della sagola e del filo di traino, elementi di controllo della modulazione ossia del rilascio dell’energia all’asta.

(CONTINUA )

Messaggio modificato da Stefano Soriano il 15 febbraio 2011 - 10:15


#2 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 10:09

A seguire alcuni esempi ipotetici di forme di modulazione di movente e cedente:

Allega file  6.jpg   14,42K   127 Numero di downloads

Allega file  7.jpg   14,38K   129 Numero di downloads

Le capacità di modulazione del rilascio dell’energia degli elastomeri avviene, in ultima analisi, grazie a due elementi:
1. Diverso diametro degli elementi “cedente” e “movente” che ruotano su un unico asse e tra loro vincolati. Il rapporto tra i diametri determina un incremento o una riduzione della velocità trasmissibile all’asta con relativa variazione della forza.
2. La forma e le dimensioni della gola dei cedenti e dei moventi determina le modalità di avvolgimento della sagola e del filo traino con variazione progressiva dei diametri effettivi di rotazione intorno all’asse dei rotismi.
3. Vi sono poi da quantificare gli attriti introdotti dal sistema che determinano anch’essi una modulazione dell’erogazione di energia dagli elastomeri al proietto ( asta ).


Finalità del MACH-Control

Il sistema è stato pensato per risolvere alcune limitazioni dell’arbalete tradizionale legati al rilascio “incontrollato” di energia da parte degli elastomeri e consentire una maggiore velocità di contrazione trasmissibile all’asta durante il suo avanzamento lungo il fusto del fucile.
L’assenza di elastici lungo il fusto superiore del fucile permette inoltre una maggiore istintività del tiro rispetto all’arbalete classico in cui parte della linea di mira viene ad essere nascosta dagli elastici stessi.

Principi di base ed ulteriori implementazioni del “MACH-control”

1) Possibilità di incrementare, ridurre e modulare la velocità trasmissibile all’asta tramite la contrazione degli elastici attraverso dei rotismi che basano il loro funzionamento sul principio dell’accoppiamento di un movente ed un cedente.
2) Posizionamento dei rotismi ( movente e cedente ) in corrispondenza della testata del fucile e collocati sullo stesso asse di rotazione
3) Posizionamento dei rotismi (movente e cedente) in corrispondenza della parte del fucile più vicina all’impugnatura e collocati sullo stesso asse di rotazione. In tal caso la cessione di energia all’asta avviene tramite l’interposizione di una coppia di pulegge aggiuntive in corrispondenza della testata del fucile e sulle quali ruota la sagola di collegamento tra “cedente” ed asta.

Allega file  9.jpg   12,35K   191 Numero di downloads

4) Rotismi posizionati in senso parallelo al fusto e su un unico asse ( in altri termini i rotismi sono posti lateralmente al fusto del fucile, mostrando ad esso la loro faccia piana)
5) Rotismi posizionati in senso perpendicolare al fusto su due assi diversi (in altri termini i rotismi sono posti lateralmente al fusto del fucile, mostrando ad esso la loro faccia curva).

Allega file  11.jpg   13,16K   194 Numero di downloads

6) Possibilità di dotare l’asse di rotazione dei rotismi di un cuscinetto in grado di ridurre gli attriti.
7) Possibilità di dotare i singoli rotismi di uno o più cuscinetti in grado di ridurre gli attriti.
8) Accoppiamento di moventi e cedenti in modo tale da avere riduzione della velocità tramessa di spinta dell’asta. Tale possibilità si realizza allorquando il movente ha un diametro superiore rispetto al cedente e ha il compito di modulare il rinculo del fucile.
9) Possibilità di modellare la forma della gola dei rotismi in modo tale da accogliere il numero desiderato di avvolgimenti di sagola in funzione del diametro della sagola stessa.
10) Possibilità di montare più coppie di rotismi sullo stesso fucile con diversi o stessi fattori di modulazione di velocità di contrazione.

http://www.stefano-s...t/MACH-control/
Stefano Soriano
Data 15.2.2011

Allega file  88x31.jpg   2,02K   62 Numero di downloads
MACH-control by Stefano Soriano is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.
Based on a work at www.stefano-soriano.it/MACH-control.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.stefano-soriano.it/MACH-control.

Messaggio modificato da Stefano Soriano il 15 febbraio 2011 - 10:13


#3 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 10:20

Questi sono i primi dati sperimentali ottenuti con un sistema "primitivo" di MACH-control:

Allega file  MACH.jpg   89,9K   175 Numero di downloads

Allega file  misterio.jpg   59,43K   129 Numero di downloads



#4 MarioB

MarioB

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 895 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:Robbiate

Inviato 15 febbraio 2011 - 11:19

Stefano, ti faccio i miei complimenti. Purtroppo conosco questa idea... e sono felice del fatto che la condivisione di idee e esperimenti abbia portato alcuni di noi -- indipendentemente, ma nello stesso tempo -- a generare progetti simili.

clapping.gif clapping.gif

#5 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 11:33

CITAZIONE(MarioB @ Feb 15 2011, 11:19) <{POST_SNAPBACK}>
Stefano, ti faccio i miei complimenti. Purtroppo conosco questa idea... e sono felice del fatto che la condivisione di idee e esperimenti abbia portato alcuni di noi -- indipendentemente, ma nello stesso tempo -- a generare progetti simili.

clapping.gif clapping.gif


Grazie per i complimenti Mario.

Penso però che in tanti ( praticamente tutti ) conoscevamo già questa idea: semplicemente nessuno aveva mai pensato di applicarla ad un fucile sub. laugh.gif

Tutti, penso, che l'abbiamo usata, ma con i piedi e non con le mani !!!

Mi spiego.

La vera ispirazione all'idea del MACH-control è stata ........ una bici.

O meglio il cambio della bicicletta !!!!!!
Il MACH-control è la stessa cosa di un cambio della bicicletta. tongue.gif

Bastava guardare una bici ed un fucile messi vicini !!!!!!!

La cosa divertente è che praticamente li ho visti vicini proprio sul sito di un noto produttore di fucile sub ( a dire il vero il cambio mancava, ma il telaio della bici c'era ) laugh.gif laugh.gif laugh.gif laugh.gif

Come dire: sempre avuto sotto gli occhi, anzi sotto il "sellino" la soluzione e mai vista !!!!!!! laugh.gif laugh.gif laugh.gif

Roba da morire dalle risate !!!!!!

wink.gif



#6 basskiller78

basskiller78

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 714 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Location:La Spezia

Inviato 15 febbraio 2011 - 11:38

Semplicemente sono senza parole..

I complimenti sarebbero sprecati.

Andrea



#7 orvac

orvac

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1587 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2011 - 14:37

Bhe! Stefano come tutte le grandi idee è "semplicemente" geniale,
nella mail di questa mattina avevo accennato a qualcosa di relativo alla combinazione dei differenti bracci di leva, ma difficilmente sarei
arrivato alla geniale semplicità di questo.

Divertendomi a costruire nell'intento di rendere il più correlato possibile il lavoro delle due bancate si
potrebbe........................................................................
.................................................................................
....
................................................................................
.................................................................................
.........
................................................................................
.................................................................................
.........


Nulla di complicato, solo problemi di settaggio del sistema.
Ora è patrimonio dell'umanità!


Oreste

Messaggio modificato da orvac il 15 febbraio 2011 - 15:16


#8 AlexNets

AlexNets

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 424 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2011 - 15:51

Chapeau!! clapping.gif clapping.gif clapping.gif clapping.gif clapping.gif

#9 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 17:43

Grazie a tutti !!!!!

Spero in serata di farvi vedere il prototipo di MACH-control con cui ho effettuato i test.
PS: Vi anticipo che è orrendo, ma se ha funzionato così com'è ..... può solo migliorare !!!!!


#10 teosub63

teosub63

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 498 Messaggi:
  • Location:Lazio Nord ma nato a Roma

Inviato 15 febbraio 2011 - 18:54

clapping.gif clapping.gif clapping.gif clapping.gif clapping.gif clapping.gif
grande Stefano!!!!!!

#11 itio

itio

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1171 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2011 - 20:28

Ciao Stefano ,come al solito ci hai stupito un pò tutti ,dico un pò ,perchè sembra che siete in due ad averla pensata . L'idea la trovo a dir poco geniale ,anche se presa a prestisto da un cambio da bicicletta . Ho guardato bene il tutto , che ti devo dire, ci sono non pochi problemi da risolvere , inerzie da smorzare, torsioni ,materiale e gole da studiare .
Per le prestazioni ho qualche dubbio , spero di sbagliarmi ma vedo non poche dispersioni . Sicuramente avrà un tiro bellissimo , ma se oggi su un vela ci voglione almeno 3 coppie di gomme per avere certe prestazioni , li spero che bastino per averne altrettante .
Adesso sono morto , dopo l'assalto della fiera ,ma appena mi metto pari ,ho proprio un fusto pronto da armare per fare delle prove . So già cosa fare il prossimo inverno , perchè se per settare un vela ci ho messo un anno , qui col doppio rotore , chissa quante pulegge doppie mi toccherà fare prima di trovare il rapporto giusto , perchè questo è l'anima del sistema ,oltre la trasmissione ........
Ciao .

#12 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 21:00

CITAZIONE(itio @ Feb 15 2011, 20:28) <{POST_SNAPBACK}>
Ciao Stefano ,come al solito ci hai stupito un pò tutti ,dico un pò ,perchè sembra che siete in due ad averla pensata . L'idea la trovo a dir poco geniale ,anche se presa a prestisto da un cambio da bicicletta . Ho guardato bene il tutto , che ti devo dire, ci sono non pochi problemi da risolvere , inerzie da smorzare, torsioni ,materiale e gole da studiare .
Per le prestazioni ho qualche dubbio , spero di sbagliarmi ma vedo non poche dispersioni . Sicuramente avrà un tiro bellissimo , ma se oggi su un vela ci voglione almeno 3 coppie di gomme per avere certe prestazioni , li spero che bastino per averne altrettante .
Adesso sono morto , dopo l'assalto della fiera ,ma appena mi metto pari ,ho proprio un fusto pronto da armare per fare delle prove . So già cosa fare il prossimo inverno , perchè se per settare un vela ci ho messo un anno , qui col doppio rotore , chissa quante pulegge doppie mi toccherà fare prima di trovare il rapporto giusto , perchè questo è l'anima del sistema ,oltre la trasmissione ........
Ciao .



Itio penso che da settare non sarà così difficile. Magari mi sbaglio, ma sono molto fiducioso.

Il problema iniziale da risolvere sarà come fare girare il filo intorno alle pulegge.
Devo dire che la cosa mi sembrava più difficile.
A me è riuscito di far girare le rotelle per quasi tutta la corsa al primo tentativo ( e le rotelle facevano letteralemte schifo: adesso faccio delle foto e poi le posto ).
Certo il discorso era solo sperimentale.
Costruendo delle rotelle che prevengono il "deragliamento" dei fili il gioco è fatto.

POi, se le rotelle o l'asse di rotazione vengono dotati di cuscinetti, l'attrito dovrebbe essere davvero minimo e comunque non superiore a quelle di un roller o un roller-derivato. In ogni caso non tutti i mali vengono per nuocere: l'attrito potrebbe essere sfruttato per una maggiore modulazione del rilascio di energia, perchè il problema "velocità elastici dovrebbe essere inesistente.

Il difficile non era partorire l'idea, ma sarà trovarle il giusto accoppiamento in un fucile.

Sono sicuro che diversi di noi vorranno quantomeno provarci.
E se in ballo entrano persone competenti come te allora sarà tutto molto più semplice.

A proposito whistling.gif gira voce che c'e' un fusto ( a parte il tuo ) già bell'è pronto per il MACH-CONTROL: logicamente rigorosamente in legno !!! thumbsup.gif Ma non è un mio legno.

PS: riguardo al fatto che qualcun'altro sia arrivato a conclusioni simili alle mie non lo metto in dubbio.
Anche gli Aztechi costruirono delle piramidi come gli antichi Egizi: eppure non sapevano l'uno nemmeno dell'esistenza dell'altro !!!

Io ho costruito la mia piramide senza sapere che qualcun'altro ci stava pensando wink.gif
Se a qualcosa mi sono ispirato, come ho già detto, è stato al cambio di una bici ed alle idee delle persone che ho menzionato in premessa
biggrin.gif

Itio, sono sicuro che tu sarai tra i primi a riuscire a far viaggiare un'asta a "velocità MACH".
E quel giorno io sarò felice come ed insieme a te.
Almeno poi il "MACH-legno" fammelo provare laugh.gif laugh.gif laugh.gif laugh.gif laugh.gif laugh.gif laugh.gif laugh.gif laugh.gif

#13 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 22:21

Ecco il modello sperimentale che ho usato.
Le pulegge sono state tornite in modo del tutto grossolano da un pezzo di Nylon duro del diametri di 3 cm circa.

Il tutto è stato creato ed assemblato alla meno peggio in un'oretta circa.

Lo scopo, come ho già detto, era solo verificare la funzionalità del sistema.

Gli stessi elementi "grossolani" che vedete montate sul modello sperimentale sono poi state montate su un mio fucile per quanche tiro di prova in aria, utilizzando sia la funzione di amplificazione che riduzione della velocità: in pratica in un primo momento ho usato la puleggia grande come cedente e la piccola come movente. Successivamente ho invertito le funzioni delle pulegge.
Per valutare gli attriti ho solo fatto girare il dynema intorno ad un puleggia ( stile dynema-roller ).
Il risultato è stato quello dei grafici già proposti sopra.

Come potete vedere le condizioni sono "pietose": se avessi voluto aggiungere più attriti non ci sarei riuscito biggrin.gif


Allega file  Img_6936.jpg   105,41K   328 Numero di downloads

Allega file  Img_6937.jpg   88,61K   274 Numero di downloads



#14 Stefano Soriano

Stefano Soriano

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2172 Messaggi:
  • Gender:Male
  • Interests:Ciao Frà, amico mio ..... ci rivedremo in un altro mare ed insieme prenderemo quel ricciolone !!!

Inviato 15 febbraio 2011 - 22:22

.
Allega file  Img_6938.jpg   58,71K   182 Numero di downloads

Messaggio modificato da Stefano Soriano il 15 febbraio 2011 - 22:23


#15 itio

itio

    Member

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1171 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2011 - 22:40

Ciao Stefano ,qualche anno fà quando ho lavorato sul vela ,il problema più grosso da risolvere era quello dell'inerzia creata dalla rotella di testa ,questa non riuscivo a stopparla ,e si fondeva con l'attrito del cordino . Sul tuo progetto la rotella è doppia il cordino è vincolato ma il peso è doppio . Quando questa ad una certa velocità viene stoppata cosa succede? più va veloce e più chili hai bisogno per fermarla , fai due calcoli ,peso rotelle vellocità presunta e vediamo cosa ne viene fuori . Sono dell'idea che possa dare il meglio di sè con aste non molto grosse ,come il piccolo Volcan di Oreste ,per aste pese ho paura che vi vogliono molte gomme ,poi posso sbagliarmi , ma avvolgere svolgere una sagola richiede più energia ,almeno credo ,che far scorrere una sagola su delle rotelle . Comunque stai tranquillo ,ci metto mano appena posso e se funziona lo chiamo MACH-CONTROL-DI-S .




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi