Home » Articoli » I Trofeo Poseidon di tiro sub: nuovo impianto, stesso successo.

I Trofeo Poseidon di tiro sub: nuovo impianto, stesso successo.

| 6 dicembre 2011 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Anche quest’anno il Poseidon non è stato a guardare nella disciplina del Tiro al Bersaglio Subacqueo: puntualmente è stata organizzata la selettiva campana di specialità valida anche come Campionato Regionale.
Questa volta la location non è stata Castellammare di Stabia ma Sorrento, ed anche la denominazione della gara è cambiata: da Memorial Nico a I Trofeo Poseidon, decisione presa dal Consiglio Direttivo dell’associazione al fine di garantire la possibilità a coloro che erano più vicini al compianto Nico, e che hanno lasciato il Poseidon per costituire una nuova associazione, di poter organizzare in futuro il Memorial.

Girolimetto, Di Cresce e Ferrante sul podio del tiro libero maschile.


Fatta questa dovuta precisazione passiamo alla cronaca della gara: l’appuntamento è stato fissato presso l’impianto sportivo Ulysse, dove siamo riusciti ad ottenere la disponibilità della piscina per la giornata del 4 dicembre. Purtroppo dobbiamo riscontrare come per questa disciplina la disponibilità degli impianti sia divenuta un tasto dolente; infatti trovare al sud delle strutture che concedano spazi acqua per accogliere le nostre gare è sempre più difficile ed oneroso; se a questo aggiungiamo lo stato di difficoltà che attraversa il nostro Paese dal punto di vista economico, il quadro è completo e ben si comprende il ridotto numero di partecipanti.

Eppure, nonostante tutto, appena arrivati in piscina si incontrano solo volti sorridenti e persone disponibili a divertirsi e a trascorrere una giornata all’insegna dell’amicizia e della sana competizione. Partecipanti di riguardo sono Girolimetto e Marini entrambi dell’Amici Apnea di Bergamo, il primo fresco di record italiano di Tiro Libero Maschile e la seconda pluricampionessa femminile in entrambe le discipline nonché detentrice dei record in rosa.

Marini, dominatrice assoluta con 4.000 punti, con lei sul podio Bertin e Stinga.


La gara parte alle ore 9:00 con le prime batterie; nonostante la tensione una musica di sottofondo messa dal gestore tranquillizza un po’ tutti e la prima manche si svolge rapidamente e in un silenzio che non pare usuale durante le gare. Già dalla prima cinquina di tiri la Marini mette anche i maschietti in riga portando al Giudice un bersaglio da ben 2.100 punti che fan tremare le gambe ed il fresco record italiano al compagno di squadra Girolimetto.

La seconda manche si vive tutta sull’attesa del foglio bersaglio della Marini che grazie agli scongiuri di Primo non riesce a batter il record italiano assoluto per soli 10 punti, migliorando comunque quello femminile e portandolo a 4000, un risultato veramente impressionante per la categoria.

Alla fine i conteggi vedranno il podio del maschile formato da: Girolimetto Primo (Amici Apnea Bergamo) con 3600 punti, Di Cresce Michele (Blue Deep Roma) con 3220 punti e Ferrante Vincenzo (Astrea Latina) con 3035 punti.

Il podio della staffetta vinta dai padroni di casa davanti all'Astrea e agli Amici Apnea del due Manzini - Marini


Sul podio femminile finiscono, nell’ordine: Marini Marusca (Amici Apnea Bergamo) con 4000 punti, Bertin Ania (Astrea Latina) con 1769 punti e Stinga Cinzia (Poseidon Team Sorrento) con 1179 punti.

La staffetta viene vinta dalla squadra del Poseidon Team di Sorrento per un solo punto nei confronti della compagine dell’Astrea di Latina, terzi gli Amici Apnea di Bergamo.

Nel biathlon purtroppo il podio viene assegnato solo a Girolimetto che risulta essere l’unico a completare i cinque percorsi validi come da regolamento e lo stesso dicasi del femminile con la Marini.

La competizione era valida anche come Campionato Regionale Campano per cui nel tiro libero è stato proclamato Campione Regionale Campano Longobardi Aldo del Poseidon Team di Sorrento e nel femminile Campionessa Regionale Campana Stinga Cinzia del Poseidon Team di Sorrento.

Alla fine si è disputato il classico “terzo tempo”, dove sono stati tutti così agguerriti da non lasciare neanche le briciole dall’antipasto al dolce, e poi tutti di corsa in piazza per un buon caffè e la foto sotto l’albero.

Speriamo che il 2012 ci riservi ancora delle gradite sorprese per tutti noi che teniamo a questa disciplina.

Alcune fasi della gara

La tradizionale foto di gruppo alla fine della manifestazione

Tags: , , , , , ,

Category: Altre discipline, Articoli, Tiro al Bersaglio Subacqueo

Leave a Reply