Home » Pesca in Apnea » Agonismo » Grimaldi primo a Ischia – Trofeo La Pietra 1° Dicembre 2002

Grimaldi primo a Ischia – Trofeo La Pietra 1° Dicembre 2002

| 4 dicembre 2002 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Domenica 1° Dicembre ha avuto luogo ad Ischia il trofeo “La Pietra”, competizione di pesca subacquea individuale che già da qualche anno sta diventando una “classica” di fine anno. Nutrito il gruppo degli atleti partecipanti con la presenza di molti veterani non più giovanissimi, a dare ulteriore lustro alla manifestazione: questi veri lupi di mare, con la loro esperienza di tanti campionati Italiani effettuati, sono sempre in grado di dare filo da torcere ai giovani e agguerriti atleti del momento e per questo meritano una menzione: Giuseppe Baldari, Beniamino Cascone, Marcello Amoroso, Giancarlo Allucci e Michele Capolongo, quest’ultimo vero “pilastro” nel campo delle organizzazioni delle gare campane (ultimo grosso impegno, il Campionato Italiano per Società ad Ischia).

gruppo-trofeo-lapietra

Foto di gruppo per i partecipanti

Ma veniamo alla cronaca di gara. Il raduno è fissato alle ore 7.30 sul porticciolo di Baia ove gli atleti progressivamente si presentano per l’ iscrizione di rito ed il trasferimento in gommone verso la splendida isola d’Ischia, per poi fermarsi tutti di fronte allla chiesa del Soccorso di Forio.
La formula di gara è quella “vecchia”, con gommone e barcaiolo; con riferimento alle prede, il peso minimo è fissato in 250 grammi ed il coefficiente a preda è di mille punti.
La gara ha inizio alle ore 10.30 (un po’ tardino): è prevista una durata complessiva di tre ore e mezzo ed il campo gara risulta compreso tra la “Pietra Nera” e “Punta Soccorso”. Al via i gommoni schizzano veloci nelle varie direzioni e molti si fermano nei pressi di Forio; un altro gruppo di gommoni staziona vicino allo scoglio della Pietra Nera con Somma, Pacifico e Grimaldi che imperterriti sommozzano a circa 15 metri di profondità, anche se inizialmente senza successo.

Il primo acuto della giornata è un grosso grongo “formato anaconda” catturato da Baldari dentro una profonda fenditura ad oltre 20 metri di profondità, da lui gia conosciuta: il grosso animale è molto “arrabbiato”, ma la grande esperienza dell’atleta partenopeo evita ulteriori problemi alla cattura.
Intercettiamo Cascone molto al largo di Forio, l’atleta sommozza senza sosta su una batimetrica di oltre 25 metri, su alcuni sommi da lui conosciuti: ha in carniere due bei saraghi che lo lanciano nelle zone alte della classifica. E’ bello vederlo all’opera, la sua classe è fin troppo evidente.

Alle ore 12 giunge notizia di un colpo di… fortuna da parte del bravo Grimaldi, che intercettata una tana piena di saraghi, con un tiro di arbalete riesce a fare addirittura una tripletta. Urla e rabbia invece per il giovane e promettente atleta del circolo Ischitano “Sea one” Nicola Mazzella, che mentre estraeva da una fenditura un tordo appena in peso, vedeva uscire dallo stesso buco una mastodontica corvina che dopo un’attimo di esitazione (fatale !?!) si dileguava nelle alghe.

podio-trofeolapietra

I primi tre classificati da sx Grimaldi, Mazzella, DeLuca

Alle ore 14.00 circa la competizione giunge al termine, ed i gommoni ripartono rapidi alla volta della costa napoletana subito dopo aver consegnato il carniere alla giuria.

La pesatura sancisce la meritata vittoria -con 7.715 punti- dell’atleta del circolo Tursiope Salvatore Grimaldi, cui viene consegnato lo splendido trofeo messo in palio dall’organizzazione. La piazza d’onore è appannaggio del giovane Nicola Mazzella del club Sea One con 6.375 punti; terzo posto per Alberto De Luca del circolo La Pietra con 6.100 punti. Seguono in quarta e quinta posizione, rispettivamente, Beniamino Cascone del circolo canottieri Irno con 5.760 punti e Giancarlo Allucci del Sub Latina con 5.485 punti.
Doverosa la menzione di tutti quelli che si sono prodigati alla perfetta riuscita di questa manifestazione, primo fra tutti, come già detto Michele Capolongo, in rappresentanza del circolo organizzatore.

Un ringraziamento va anche al circolo Sub Baia, per la sede messa a disposizione, le Capitanerie di Porto di Napoli ed Ischia, per l’abnegazione dimostrata nella vigilanza dello specchio acqueo interdetto.
La competizione veniva patrocinata dalla: SPORASUB, MEROU, supermercati SISA, ditta IMP CENTER, vini LICCARDO, e Valerio Pirolo (Pietra Salata) per la realizzazione del trofeo messo in palio.

Francesco Somma

Tags: ,

Category: Agonismo, Pesca in Apnea

Leave a Reply