Home » News » News Apnea » Grande successo per Tea in Dahab organizzato da Gianluca Genoni

Grande successo per Tea in Dahab organizzato da Gianluca Genoni

Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

foto comunicato – Grande successo per l’evento TEA IN DAHAB organizzato da Gianluca Genoni, primatista mondiale di immersione profonda in apnea in collaborazione con il Ministero per il Turismo Egiziano, nella veste dell’Ente Nazionale per i Parchi Egiziani, e con la Camera dei Diving di Dahab.
TEA IN DAHAB – Training and Education for Ambient – è una manifestazione che nasce lo scorso anno grazie a un videoshooting di Genoni proprio nel famosissimo Blue Hole di Dahab. Il Blue Hole è una cavità circolare naturale nel reef di Dahab, profonda più di 100 metri, meta prediletta da apneisti e subacquei in cerca di performance.
La località si trova nella riserva naturale protetta di Abu Galum ed è gestita da una piccola comunità beduina, residente, a cui fa capo la responsabilità della raccolta dei rifiuti sul posto. Tuttavia l’enorme numero di subacquei e turisti che si reca in questo posto, 4 milioni all’anno, supera di gran lunga le capacità di accoglienza della piccola comunità, così la situazione di abbandono dei rifiuti lungo le coste rischia fortemente di compromettere l’ecosistema del luogo.

Gianluca Genoni con le autorità

Dopo essersi reso conto della situazione Gianluca Genoni, nel 2009, al ritorno in Italia si è attivato con gli sponsor e le autorità egiziane per attuare un sistema di responsbilizzazione dei turisti al fine di ridurre la quantità di rifiuti abbandonati sul posto.
E’ iniziata così una campagna di sensibilizzazione al problema attraverso lo strumento principale di gestione del turismo nella località, i diving center, grazie alla adesione al progetto della CDWS ( Chamber of diving and water sport), camera che riunisce tutti gli operatori che gestiscono il turismo sportivo e subacqueo al Blue Hole.

La scorsa settimana, Gianluca Genoni si è recato a Dahab, con un gruppo di apneisti, suoi allievi, che hanno dato vita alla manifestazione TEA IN DAHAB. Lo scopo era quello di dimostrare che si può fare attività sportiva, anche ad alti livelli, nel pieno rispetto e nella piena responsabilità del proprio impatto ecologico sull’ambiente.

Fasi della raccolta delle bottiglie di plastica

La settimana ha visto gli apneisti coinvolti in una sessione di allenamenti in apnea, in assetto costante, nel Blue Hole. Nella giornata di mercoledì, 12 maggio scorso, grazie alla organizzazione precisa e puntuale dei partner egiziani ( National Park of Egypt e CDWS), si è svolta una pulizia della costa e del reef del Blue Hole. Gli atleti di Gianluca divisi a gruppi si sono adoperati per raccogliere bottiglie in plastica, lattine, sigarette, vetri e quant’altro hanno trovato abbandonato sulla coste. In questa attività sono stati affiancati volontariamente da alcuni beduini, ragazzi e adulti, che gestiscono l’accoglienza nella località. In seguito i subacquei di assistenza di Genoni si sono immersi con le bombole e hanno raccolto quanto hanno trovato sul reef fino alla profondità di 30 mt. I rifiuti raccolti in 50 sacchi sono stati depositati su di un camion che li ha trasportati al punto di raccolta di Dahab.

Contestualmente alla raccolta sono stati posizionati sia al Blue Hole che in altri siti di immersione dei cartelloni fissi, scritti in 6 lingue, educativi alla raccolta dei propri rifiuti.
Alla manifestazione erano presenti il presidente dei Parchi del Sud Sinai Osama El Gebaly, e il presidente della camera dei diving Egiziana CDWS El Bendary nonchè il capo della polizia di Dahab, Esam El Sayed, che hanno ringraziato Genoni e il suo staff per avere così a cuore il loro territorio.
Il problema della situazione delle coste attorno al Blue Hole, ma di Dahab in generale, è un problema che interessa molto le autorità agiziane, tanto che con il nostro evento è partita una campagna di sensibilizzazione, in cui sono stati coinvolti i diving center, per attivare un sistema strutturato di fruizione responsabile delle coste con programmi di educazione responsabile, rivolti al turista subacqueo, che si reca nelle loro strutture per immergersi.
Questo viaggio è stato per Gianluca Genoni anche l’inizio della stagione di allenamenti in mare che quest’anno vedranno come, momento più importante il 30 Settembre 2010, quando per la prima volta al mondo Genoni scenderà in apnea, senza limiti di profondità, con l’ausilio di uno scooter subacqueo appositamente elaborato dalla SUEX, nelle acque di Zoagli in Liguria.

Tags: , , ,

Category: News, News Apnea

Leave a Reply