Home » News » News Nuoto Pinnato » Europei Nuoto Pinnato – day 4: tris di Figini e ragazze di bronzo

Europei Nuoto Pinnato – day 4: tris di Figini e ragazze di bronzo

| 26 luglio 2008 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

foto La copertina di oggi, nonostante per l’Italia sia arrivata anche una medaglia più preziosa (condita tra l’altro dall’ennesimo record del mondo), è tutta per le ragazze della 4×200. Storico il terzo posto conquistato da Giorgia Viero, Claudia Ammetto, Roberta Mastroianni e Silvia Baroncini che in 6’23’07 salgono sul terzo gradino del podio dietro le imprendibili russe, oro con primato mondiale in 6’09’31, e le ucraine (6’21’22).
Negli 800 np maschili come detto arriva invece il terzo oro per Stefano Figini. Senza rivali l’atleta milanese che chiude in 6’22’14 migliorando il limite mondiale per l’ennesima volta. Secondo l’ungherese Kanyo (6’30’51) davanti al russo Maletin (6’31’13).
Delusione nei 50 apnea dove gli azzurri sfiorano il podio con Gianluca Mancini quarto (14’97) e Cesare Fumarola quinto (15’17) dietro al russo Skorzhenko, vincitore in 14’52, all’ucraino Soroka (14’73) e al francese Morice (14’94).
Splendida la finale dei 100 np donne: questa volta è un record europeo a cadere, merito dell’ucraina Artushenko, oro con 39’73. Completano il podio le due francesi, Heitz e Louison, rispettivamente a 40’18 e 40’64. Roberta Mastroianni è ottava in 42’69.
Nella stessa gara stile pinne la russa Kravchuk abbatte il muro dei 49 secondi fissando il nuovo primato mondiale a 48’55. Ha la meglio della connazionale Kasimova (49’18) e dell’ungherese Karolyi (49’30). Le azzurre si piazzano al quinto e settimo posto: Elisa Mammi in 51’42 stabilisce il nuovo record italiano rubandolo a Claudia Mazzolai (51’89) che nel mattino aveva fatto registrare 51’56.
Nei 400 vs al primo posto la russa Arakelyan (3’07’20), al secondo l’ucraina Polojshentzeva (3’10’51), al terzo la francese Quentin (3’13’06).

Tags: , , , , , , ,

Category: News, News Nuoto Pinnato

Leave a Reply