Home » News » News Apnea » Non omologato e rinviato il record CWT di Davide Carrera

Non omologato e rinviato il record CWT di Davide Carrera

| 16 maggio 2014 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

La scorsa settimana Davide Carrera aveva annunciato di voler tentare di battere, nelle acque di Sharm El-Sheikh, il primato italiano CWT (ndr Assetto Costante) attualmente detenuto da Homar Leuci con la misura di 104 mt. La preparazione all’evento si è rivelata più faticosa e impegnativa del previsto, complice la mancanza della base della pesca estiva, disciplina di cui Davide è da sempre un appassionato praticante e che gli ha facilitato il prendere contatto e confidenza con le grandi profondità.

carrera 2

Davide Carrera (foto A.Balbi)

A ciò si è aggiunto il fatto che lo spirito con cui il campione si è avvicinato a questo tentativo non è stato il suo solito amore nei confronti del mare e delle sensazioni che gli ha regalato; ha piuttosto iniziato a pensare ai metri come un obiettivo concreto ma imprescindibile, la passione si era quasi tramutata in un obbligo, un lavoro.

Nonostante tutto, i tuffi di allenamento dei giorni scorsi avevano lasciato ben sperare per la riuscita del record: i 101 mt raggiunti venerdì, con corrente ma un’uscita perfetta, erano di ottimo auspicio. Il programma previsto consisteva nel fare un altro tuffo di preparazione domenica, toccando i 103 mt, per tentare poi i definitivi 105 mt il martedì successivo.

Purtroppo il meteo non è stato di aiuto, le previsioni di venti forti e mare in aumento da lunedì hanno spinto Davide ad affrettare un po’ i tempi, anticipando a domenica il tentativo di record.

La discesa è stata perfetta, lenta ma assolutamente rilassata ed efficace. Anche la compensazione è filata liscia fino al piattello del cartellino. Poi un piccolo errore di valutazione nella risalita, poca pazienza e troppa spinta, gran parte dell’ascensione è accompagnata dalle contrazioni, l’uscita non è con la solita tranquillità, tra occhialini e mare mosso Davide manca il cavo e si ritrova per un attimo con la bocca nuovamente sotto il pelo dell’acqua.

carrera 1

Davide Carrera in costante (foto A.Balbi)

Concludere il protocollo correttamente e nel tempo prestabilito non servirà, il giudice darà il cartellino rosso proprio a causa della re-immersione involontaria della bocca.

L’immediata amarezza lascia velocemente il posto ad una lucida autocritica. Davide ci ha abituato a delle uscite sempre perfette, con il sorriso, lui stesso avrebbe considerato questo record un po’ menomato. Ma le sensazioni erano state molto positive, tanto da pensare di poterci riprovare già ieri.

Nel pomeriggio di mercoledì però arriva la notizia del definitivo rinvio. Il piccolo “azzardo” non aveva pagato e forse non sarebbe stato un bene insistere, appuntamento quindi solo rimandato a giugno, nelle acque di Marina di Camerota.

Tags:

Category: News, News Apnea, Pesca in Apnea

Leave a Reply