Home » Altre discipline » Apnea » Come t’agguanto il Geno

Come t’agguanto il Geno

Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


Mai Apnea Magazine ha avuto inviati più improbabili e temibili. Il trio Piecoro, Orato e ‘O Sub, tre esponenti di spicco della “subbaqqueria” partenopea e membri della comunità Apnea Magazine, ci ha inviato a sorpresa questa intervista a Gianluca Genoni che non potevamo certamente non proporvi. Se non altro per dimostrare che l’apnea è uno sport che permette di sviluppare mooolto autocontrollo e soprattutto che con grinta e determinazione si può mettere all’angolo anche un uomo grande e grosso come Gianluca Genoni, che salutiamo con simpatia.

Ore 4.44 am, 17 Maggio 2002 Eccomi di ritorno… sono appena tornato da una serata trascorsa, tra l’altro, in compagnia di due amici del forum che, dopo un lungo “aspetto”, finalmente ho potuto conoscere di persona…!

Francesco e Amedeo [n.d.r. nell’ordine, l’Orato e il Piecoro, altrimenti noto come TestadiCernione] …

Ci vediamo in occasione dell’inizio di un corso di apnea che il primatista mondiale Gianluca Genoni si appresta a tenere ad un gruppo di giovani allievi napoletani.

Appuntamento alle 19.45 davanti al circolo subacqueo Blue Reef (organizzatore dell’incontro), che si trova a poca distanza da casa mia… ci arrivo con Enzo, mio fidato compagno di immersioni… i pilastrini di pietra lavica tipici della zona vesuviana ci sorreggono egregiamente per un pò, poi diventano scomodi… sono stato puntuale e devo dire che lo sono stati anche Franz ed Amedeo, che sono arrivati alle 20.43. E’ stata una sorpresa scoprire al paese di Franz, pochi km di distanza dal mio, c’è il fuso orario!!! :o)

Gianluca Genoni in balia di Vicienz O’Sub

Una veloce presentazione e ci “immergiamo” in questa breve avventura! Siamo dentro ed aspettiamo… pochi minuti ed eccolo… ha l’aria di un gigante “buono”… mi presento, gli porgo i saluti del nostro “barcaiolo” Giorgiozzo [n.d.r. il nick storico di Giorgio Volpe, responsabile di AM] e ci accomodiamo per le poche domande che avevo preparato per “aggiornare” l’intervista già fatta a Geno da parte della nostra Sandra, pochi mesi fa… le domande erano poche, ma le risposte sono state molto esaurienti e dettagliate… davvero molto disponibile, serio, cordiale e professionale il Geno!!

Dopo le domande ci siamo alzati ed intrattenuti in un colloquio molto amichevole e simpatico nel quale ci si è scambiati idee, pareri, sensazioni! pettegolezzi… è emerso subito: il Geno è UNO di NOI!!!…Che bordello che c’era! Gente da tutte le parti… chi lo chiamava per una foto, chi per una ripresa… chi voleva sapere del suo record… chi, con l’espressione di chi in mare ci va dal 12 al 18 agosto, cercava di carpire dalle sue parole gli arcani segreti che stanno dietro a questa nobile disciplina.

Ho sentito dire di tutto… “E’ sceso 190 metri”… “E’ rimasto per quasi mezz’ora senza respirare”.. e altre sciocchezze del genere!!! Finita l’intervista, lui si è concesso un “tuffo” nel buffét, io no… non mi andava nulla.

Gianluca Genoni ormai soggiogato dal Trio

Dopo il buffet, incontro con gli allievi: 4 chiacchiere sull’apnea quale momento di ritrovo con sè stessi.. e tutti lì… come un perfetto pubblico pagante di una prima teatrale… stupiti, taluni esterefatti…altri incuriositi. Aaaaahhhh… Solo chi ama il mare può comprendere ciò che il grande Geno cercava di trasmettere con qualche filmato “scortato da poche parole… ho osservato TUTTI negli occhi… solo in ALCUNI di essi ho potuto leggere la passione, la stessa che spinge Geno me, noi.. e tanti altri “fratelli di mare” ad andare nel profondo blu… quella passione “devastante” che quando chiama non puoi fare a meno di sentire e saziare!!

Hai di recente avuto un incontro con Sandra Vallelunga (nazionale italiana femminile di apnea) decisamente più carina di noi tre, che ti ha sottoposto un’intervista pubblicata poi sul sito APNEA MAGAZINE; pertanto le nostre domande saranno meno ‘tecniche’ ma altrettanto efficaci ed interessanti!! o almeno si spera..

Prima Domanda: Ti sei già iscritto al forum di Apnea Magazine?

Geno: NO! (male, molto male;o) ndòS), ma visito spesso il sito per consultare gli articoli e talvolta visito anche il forum. [n.d.r. Nelle more della pubblicazione del servizio….il Geno, temendo rappresaglie del trio…si è iscritto].

Hai di recente stabilito un record nella tua disciplina preferita, la statica, portando i tempi di apnea a livelli inimmaginabili fino a qualche tempo fa’ complimenti!! Qual è stato il tuo ultimo pensiero (o a chi è andato) prima della performance, quale quello durante e quale il tuo primo dopo la riemersione.


Il trio mette Genoni alle strette

Premetto che non si è trattato di un vero e proprio record, bensì di un esperimento controllato che consisteva nell’effettuare una prova d’apnea dopo una ventilazione controllata, con Ossigeno Puro.

Nei momenti che hanno preceduto l’apnea ero concentratissimo… mai nessuno aveva tentato di “provare” questi tempi; il mio pensiero pertanto era rivolto solo a ciò che stavo facendo, ero concentratissimo!

Ero nel contempo anche molto teso, è stata un’esperienza diversa per me: era la prima volta che effettuavo una mia performance a “casa mia”, proprio nella piscina del mio paese, Busto Arstizio. Potrete quindi immaginare l’emozione che ho provato nel riemergere tra quelle centinaia di amici, alcuni dei quali non vedevo da anni (oltre agli amici di sempre e i familiari); questa è stata la mia emozione più grande… al momento della riemersione, il mio primo pensiero è andato a quegli oltre 300 amici e parenti che mi aspettavano uniti come una enorme famiglia..

Nei tuoi prossimi obiettivi, oltre che la formazione di tanti giovani ‘apneisti’ con i corsi NAUI (della quale sei responsabile per il settore apnea) che tieni in tutta Italia, come quello che ci ha dato occasione di incontrarti, hai sicuramente quello di ‘strappare’ il cartellino dei 131 dalle mani del tuo compaesano Umberto’ Hai già pensato ad una data?

Un quartetto irripetibile: Genoni, Amedeo il Cernione, Francescorata e il Presidente Vicienz O’ Sub

Sono reduce dalla prova svolta solo Domenica scorsa pertanto non ho avuto ancora il tempo materiale per pensare ad altro; ciò che è certo è che quest’estate mi allenerò in Sardegna, precisamente a Marina di Portisco, dove per una settimana terrò delle sedute di allenamento con numerosi allievi che avranno la possibilità, oltre che di porre domande, chiedere informazioni, anche di esser protagonisti di una bella iniziativa: partecipare alle riprese di alcuni filmati che realizzeremo proprio in quei giorni, durante gli allenamenti.

Tornando al record credo che proverò a riprendere il record nella disciplina dell’assetto variabile (ndòS: attualmente il record è di Umberto Pelizzari con -131 metri conquistato nelle acque di Capri il 3 Novembre u.s.) subito dopo l’estate… per adesso non ho ancora deciso una data; l’unica “chicca” per adesso è che… posso darvi appuntamento nelle acque della Liguria, per la data… dovrete pazientare ancora un po’!

Grazie Geno, sei stato cordiale e simpatico. Grazie da parte mia, dello staff e di tutti i frequentatori di Apnea Magazine… alla prossima…!

Geno: Un saluto “profondo” a te e a tutti gli amici di A.M.

Avevo preparato altre domande inerenti la pesca subacquea, ma ho dovuto desistere…

purtroppo il Geno non pratica questa disciplina. (“…tra record, corsi, stage, viaggi, proprio non ho tempo di far null’altro”, dice!);o)….

Tags:

Category: Altre discipline, Apnea

Leave a Reply