Home » News » News Apnea » Campionato Siciliano di Apnea dinamica: Polisportiva Ciambra protagonista

Campionato Siciliano di Apnea dinamica: Polisportiva Ciambra protagonista

| 12 maggio 2010 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

foto La seconda edizione del trofeo Acquatica, che ha riportato l’apnea dinamica agonistica in Sicilia, è stata anche l’occasione per lo svolgimento del campionato regionale di specialità.

Nella pittoresca cornice del Centro sportivo Principe di Piana degli Albanesi, in un assolato pomeriggio di avanzata primavere, a fare la parte del leone è stata la Polisportiva Ciambra, capitanata da Jimmy Montanti che, oltre al risultato di squadra, ha anche conquistato il titolo di Campione regionale di prima categoria.

Gli atleti della società ericina si sono anche imposti nelle categorie juniores maschile, terza categoria maschile, esordienti maschile.
Marco Galante di Acquatica Palermo, società organizzatrice, si è invece imposto nella seconda categoria maschile chiudendo i 100 metri con uno scarto di solo 67 centesimi rispetto al tempo dichiarato all’iscrizione.
Un’altra atleta della società organizzatrice, Laura Mattei, si è aggiudicata il titolo regionale nella seconda categoria femminile mentre il suo compagno di squadra Francesco Galante si è piazzato al secondo posto nella seconda categoria esordienti.

Le altre due società presenti, Blu Life e Sport Nautici Triremi Trapani, hanno ben figurato portando a casa il titolo per juniores under 16.

Un’organizzazione impeccabile ha permesso uno svolgimento regolare che ha consentito agli spettatori presenti in buon numero di seguire le prove degli atleti impegnati sui due campi di gara allestiti nella vasca della piscina.

Al termine della gara, partecipanti ed accompagnatori hanno gustato le pietanze offerte dall’agriturismo Parco Vecchio e dagli altri sponsor che hanno sostenuto la manifestazione.

Le classifiche ufficiali su: www.acquaticapalermo.it

Tags: , , , ,

Category: News, News Apnea

Leave a Reply