Home » Pesca in Apnea » Agonismo » Campionato Nazionale di pesca in apnea – Slovenia 2004

Campionato Nazionale di pesca in apnea – Slovenia 2004

Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


La Slovenia è un piccolo Stato (la sua estensione è pari a 4/5 della Sicilia) entrato di recente nell’Unione Europea che confina con l’Italia nella sua parte nordoccidentale. Possiede un totale di 48 chilometri di costa, un terzo circa dei quali ricade all’interno di aree marine protette. La maggior parte del fondale pescabile è costituito da posidonia, qualche pietra e grotto, ed anche la varietà di prede non è particolarmente ricca. Nel Golfo di Trieste si possono trovare spigole, cefali, gronghi, orate, e più raramente saraghi maggiori e pizzuti, piccole ricciole e lecce. La principale differenza tra le competizioni di pesca in apnea italiane e quelle slovene è che in Slovenia non esistono prima, seconda e terza categoria, ma un’unica divisione che raggruppa in totale circa 50 agonisti. La situazione generale della pesca in apnea negli ultimi anni sta migliorando, perché nelle società sportive si sta assistendo ad un ricambio generazionale grazie all’afflusso di giovani vogliosi di imparare e competere in questo stupendo sport.

Per permettere ai concorrenti di competere su diversi tipi di fondale, il campionato si struttura in due prove: la prima si disputa in Croazia nel primo week-end di Giugno, quando la societa croata “Scarpina” organizza una competizione internazionale di pesca in apnea, mentre il secondo si svolge ogni anno nel primo week-end di Ottobre, a Pirano.

Il risultato finale viene calcolato sulla base della somma dei risultati ottenuti da ciascun atleta nelle due prove. Sulla base dei risultati, vengono anche individuati i pescatori della squadra nazionale di pesca, che difende i colori della Slovenia nei campionati europeo e mondiale di pesca in apnea.

Per quanto riguarda il calcolo del punteggio delle singole gare, si ha che:

– il peso minimo di ciscuna preda è fissato in 400 grammi;
– ad ogni singolo grammo di peso viene assegnato 1 punto, e si riconoscono 400 punti per ciascuna preda valida;
– ogni diversa specie di pesce comporta l’attribuzione di un bonus di 1000 punti;
– gronghi e murene sono prede a punteggio fisso di 1500 punti, ma il peso minimo è fissato in 2,5 Kg.

Per il resto, nelle competizioni di Slovenia e Croazia prede come il gattuccio, gli squali, le razze etc… risultano valide, al contrario di quanto avviene in Italia.

I° Prova (Croazia – Nerezine 2004)

La prima manche del Campionato Nazionale si è svolta con il Campionato Internazionale di Neresine, in Croazia, il 5 giugno scorso. Il campo gara era diviso in due zone: quello della zona A andava dall’isola Unije fino a Osor, mentre la zona B di riserva si estendeva da Osor a Punta Kriza. Quest’ anno si sono presentati al via 48 concorrenti, fra i quali era presente anche un atleta di San Marino. Il giorno della gara si è avuto tempo inclemente, così i giudici hanno deciso di disputare la prova nel campo di riserva, dove i concorrenti sono stati costretti ad improvvisare. Dato che praticamente nessuno aveva preparato il campo di riserva, il risultato è stato un po’ una sorpresa.

I gommoni dei concorrenti al via
Danijel Gospic, vincitore della prova di Nerezine

Dopo ben sei ore di gara in un mare agitato,
Danijel Gospic della nazionale croata ha avuto la meglio sulla concorrenza, risultando vincitore.

La gara si e conclusa con premiazione e cena

Ed ecco la classifica del I° girone del Campionato Nazionale di Slovenia:

1. Peter Valencic
2. Robert Podgorsek
3. Dusan Krajnik
4. Robert Ukmar
5. Arijan Rapus

La classifica della gara Internazionale di Nerezine 2004 ha visto il seguente podio:

1. Danijel Gospic (CRO)
2. Peter Valencic (SLO)
3. Robert Pdgorsek (SLO)

L’inizio della gara alle ore 7.00 a Isola

Robert Podgorsek con un cefalo

II° Prova (Slovenia, Pirano)

La seconda prova si è disputata nel mare sloveno il giorno 2 ottobre 2004. Al via c’erano 27 concorrenti, di cui due provenienti dalla Croazia (Rovigno). Il campo gara era allestito su tutto il tratto di mare sloveno non riguardato da AMP.

Le condizioni per la pesca erano pessime: il forte vento dei giorni precedenti aveva intorbidito l’acqua, e così la visibilita era scesa a circa un metro e mezzo. I pescatori locali avevanno il vantaggio di conoscere i posti dove trovare i gronghi.
Per facilitare tutti i concorrenti, si è deciso di iniziare la gara da Isola, che si trova tra Pirano e Capodistria, in modo da velocizzare gli spostamenti, e la gara ha preso il via alle sette e trenta di mattina.

La maggioranza dei concorrenti si è diretta verso Pirano, dove i fondali digradano velocemente verso il fondo e dove, sulle cigliate, si possono trovare dei gronghi o pesci di peso valido.
Altri concorrenti, invece, si sono diretti verso Capodistria, dove i fondali sono meno profondi e dove si possono trovare spigole, orate e cefali.

La fortuna questa volta ha baciato Kristijan Sumberac, che, dopo aver perso un grongo valido,
si e avviato alla ricerca di spigole e… invece si e ritrovato una leccia di 16,5 kg che passava da quelle parti.

Kristijan Sumberac con la splendida leccia

Il vincitore Moreno Matijasic

La consegna del pescato si è avuta alle 13.30 sul molo di Pirano, dove i concorrenti hanno mostrato i propri carnieri alla folla di curiosi.
Nei cavetti si trovavano in prevalenza gronghi, cefali e branzini.

Questi i primi cinque classificati:

1. Moreno Matijasic
2. Kristijan Sumberac
3. Robert Podgorsek
4. Peter Valencic
5. Dusan Krajnik

In futuro, ci auguriamo di promuovere sempre meglio la pesca in apnea, che nel nostro paese registra un numero sempre maggiore di appassionati. Peccato che le aree disponibili per i pescatori in apnea risultino piccole e limitate, ma l’importante è socializzare e conoscere nuove persone.

Per il prossimo anno stiamo preparando un campionato di tre gare, in cui ciascun atleta potrà avvalersi dei due migliori risultati al fine della classifica finale del campionato. Con questo sistema, contiamo di migliorare la sezione della pesca in apnea.
Inoltre, sempre l’anno prossimo ci sarà anche una gara aperta alla partecipazione di concorrenti stranieri (croati,italiani…) senza vincoli di appartenenza ad una determinata categoria.

Un saluto a tutti gli amici di Apnea Magazine da Peter Valencic (petrv6i) e da David Kleva (David)

Altre immagini del campionato:

Una folla di curiosi attende il rientro degli atleti
Il pescato della competizione
I primi tre classificati: Peter Valencic,Robert Podgorsek,Dusan Krajnik
Kristijan Sumberac (con la fidanzata) premiato per la preda più grande

Category: Agonismo, Articoli, Pesca in Apnea

Leave a Reply