Home » Pesca in Apnea » Agonismo » Branko Ikić: il nonno professore!

Branko Ikić: il nonno professore!

| 22 giugno 2015 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 4    Media Voto: 4/5]

Quando la classe non è acqua, ossia se il professore continua a dare lezione ai suoi alunni…

Il commissario tecnico della nazionale croata Branko Ikić, in forza alla società di attività pescasportive Medulin (Medolino), ha trionfato al campionato inter-regionale dell’Alto Adriatico, competizione che conta già 23 edizioni.
La gara,è stata organizzata dal club Marlera di Ližnjan (Lisignano), un’area di mare nei pressi di Pola, la punta meridionale dell’Istria.
Notevole il bottino di gara di Ikić, capace in cinque ore di portare in superficie tre gronghi, altrettante triglie, ma soprattutto quattro dentici (il più pesava 1.503 grammi) e uno scorfano di 1.560 grammi, per un valore complessivo di 17.540 punti.

Ikic mostra il carniere all'arrivo (foto V. Prokic)

Ikic mostra il carniere all’arrivo (foto V. Prokic)

“Nonno” Ikić non è ancora pronto al pensionamento come si deduce dalla schiacciante vittoria. Profondo conoscitore dei fondali polesi ha fatto tesoro di questo vantaggio (leggi esperienza) anche perché non c’è giorno in cui non approfitti per fare un tuffo e… “vedere come vanno le cose lì sotto“, ma anche per mantenersi in forma.
Un pescato eccezionale ha regalato a Ikić l’ennesima coppa: ora la cosa più difficile sarà trovarle un posto in una bacheca stracolma di trofei di ogni genre. E dire. che risale a qualche anno fa il suo addio alle gare in casa, compresi i campionati nazionali. A Lussinpiccolo sarà in veste di osservatore privilegiato e avrà modo di tastare da vicino il polso dei suoi ragazzi della nazionale.

Ho pescato a 25 metri di profondità, non era necessario andare più giù, perchè il pesce si trovava prevalentemente in acque non tanto profonde. In preparazione ho adocchiato due gronghi e lo scorfano. ll resto l’ho preso all’aspetto in posizioni che conosco, quelle in cui pesco praticamente ogni giorno“, ha commentato Ikić.

Con questo carniere Perusko ha conquistato la piazza d'onore (foto V. Prokic)

Con questo carniere Perusko ha conquistato la piazza d’onore (foto V. Prokic)

Dietro al vincitore (26 i concorrenti al via, di 14 società), sul secondo gradino del podio si è piazzato Sandi Peruško (Marlera). Di fronte ai giudici alla pesatura ha presentato due gronghi (uno di 11.130 grammi), uno scorfano, un tordo nero, una mostella, due saraghi e due tordi pavone per un totale di 16.290 punti.

Josip Urti chiude il podio con 15.126 punti. Urti sulla bilancia a fine gara ha messo due gronghi e ben sette mostelle (la più grossa pesava 2.014 grammi). Per Urti è stata la prima gara dopo una pausa di due anni dovuta a problemi di salute.

L’ex nazionale, una volta superati, ha deciso di presentarsi alla gara e grazie al terzo posto ottiene di diritto il visto per la partecipazione ai Campionati nazionali in programma a inizio luglio a Lussinpiccolo.

Ė un gran ritorno quello di Urti. Con un po’ di impegno e magari di fortuna potrebbe piazzarsi bene ai campionati nazionali e forse tornare nel giro della Nazionale.

C’è ancora del ‘rispetto’ nei confronti del grande fratello blu, la profondità e il tempo da trascorrere sott’acqua pesano emotivamente. La sensazione è diversa, prima dell’incidente che ho avuto provavo sensazioni diverse, non sono rilassato quando mi trovo in mare. Certo a Lussinpiccolo ci sarò, ma non so se sarò in grado di tornare a certi livelli necessari per essere al top. Dipenderà da come andrà la preparazione e anche la gara di Lussinpiccolo, ci proverò su questo non ci piove“. Ha detto Urti.

Ottimo rientro per Urti dopo due anni di inattività (foto V. Prokic)

Ottimo rientro per Urti dopo due anni di inattività (foto V. Prokic)

Dario Babić, del Luben di Fiume ha chiuso quarto con un grongo, due tordi neri, un tordo pavone, un cefalo e un sarago per un totale di 9.906 punti, mentre quinto si è classificato il nazionale croato Radoslav Jakupović (Udica Lussinpiccolo), il quale ha presentato alla pesatura un grongo, due mostelle, un sarago e un orata, pescato che gli è valso 8.769 punti.

Dei 26 concorrenti in gara, 13 si sono presentati con un pescato ritenuto valido dai giudici. Nella gara squadre il Medulin, ha vinto grazie ai risultati di Ikić e Urti a seguire Marlera (Peruško e Breu), terzo il tandem Cafolla -Mijadnrušič del Croatia Apnea di Rovigno.

Tra i partecipanti anche Roberto Mastromauro che si è trasferito stabilmente in Croazia e ha deciso di cimentarsi nelle gare locali. Mastromauro l’anno scorso con Claut e Settimi si è aggiudicato la Coppa Città di Rovigno.

Durante la gara molti sub hanno dovuto improvvisare perché il pesce si spostava moltissimo rispetto alle zone individuate durante la preparazione. La visibilità sul fondo è stata accettabile, qualcuno ha pescato in acque basse altri hannno preferito la profondità.

Il podio completo, da sinistra Urti, Ikic e Perusko (foto V. Prokic)

Il podio completo, da sinistra Urti, Ikic e Perusko (foto V. Prokic)

CLASSIFICA UFFICIALE

1. Branko Ikić (Medulin) 17.540
2. Sandi Peruško (Marlera) 16.290
3. Josip Urti (Medulin) 15.126
4. Dario Babić (Luben Fiume) 9.906
5. Radoslav Jakupović (Udica Lussinpiccolo) 8,769
6. Roberto Cafolla (Croatia Apnea Rovinj) 7.864
7. Tomislav Orlić (Rak Martinšćica) 5.513
8. Roberto Mastromauro (Erik Radin Novigrad) 5.513
9. Danijel Pizentić (Koromačno)3.902
10. Dejan Micković (Delfin Pola) 3.415
11. Vedran Breulj (Marlera) 3.330
12. Marko Vujičić (Delfin Pola) 2.300
13. Nikola Mijandrušić (Croatia Apnea Rovigno) 1.706

Lisignano

[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1180.jpg]930
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1181.jpg]590
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1186.jpg]700
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1190.jpg]510
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1192.jpg]450
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1196.jpg]500
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1202.jpg]460
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1212.jpg]540
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1218.jpg]620
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1225.jpg]500
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1226.jpg]360
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1229.jpg]370
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1231.jpg]320
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1235.jpg]310
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1236.jpg]350
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1134.jpg]380
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1140.jpg]330
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1148.jpg]350
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1150.jpg]400
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1152.jpg]490
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1155.jpg]380
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1160.jpg]330
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1163.jpg]360
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1165.jpg]350
[img src=http://www.apneamagazine.com/wp/store/lisignano/thumbs/thumbs_m_img_1174.jpg]450

Branko Ikić: il nonno professore! scritto da Valentina Prokic media voto 4/5 - 4 voti utenti

Tags: , ,

Category: Agonismo, Articoli, Pesca in Apnea

Leave a Reply